Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

2011 - BIOTECNOLOGIE MEDICHE E MEDICINA MOLECOLARE

Valentina Di Liberto

Di Liberto


Valentina Di Liberto si è laureata in Biotecnologie mediche e medicina molecolare nel 2006. Nel 2007 ha vinto un dottorato di ricerca in Scienze delle attività motorie, specializzandosi, sotto la supervisione del Prof. Belluardo, nella ricerca sperimentale nel campo della neurobiologia molecolare, con riferimento allo studio di meccanismi neuroprotettivi in modelli in vivo di patologie neurodegenerative. Terminato il dottorato di ricerca, si è trasferita all’estero per la sua prima esperienza di postdoc presso il laboratorio della Prof.ssa Cavalli alla Washington University in St. Louis (USA), dedicandosi allo studio dei meccanismi molecolari alla base della rigenerazione del sistema nervoso periferico. Nel 2012, risultata vincitrice di un assegno di ricerca presso l’Università di Palermo, sotto la supervisione del prof. Belluardo, si è occupata principalmente di indagare i meccanismi di interazione recettoriale con effetti neurotrofici e neuroprotettivi. Durante questo periodo, vincitrice di una borsa di studio messa a disposizione dall’International Brain Research Organization, si è recata per tre mesi all’Università di Barcellona, presso i laboratori di neurofarmacologia del prof. Ciruela, al fine di imparare tecniche innovative di natura biofisica per lo studio delle interazioni proteiche. Nel 2016 si trasferisce di nuovo all’estero per la sua seconda esperienza di postdoc internazionale presso i laboratori della Prof.ssa Potschka all’Università Ludwig Maximilian di Monaco, occupandosi di studiare le alterazioni biochimiche, comportamentali e di parametri PET in modelli animali di epilessia. Dal 2019 è Ricercatrice all’Università di Palermo e docente del modulo di Neurobiologia molecolare presso il Corso di laurea in Biotecnologie mediche e medicina molecolare. La sua attività di ricerca è focalizzata prevalentemente sullo studio di nuove strategie terapeutiche per contrastare la malattia di Alzheimer e il morbo di Parkinson.

valentina.diliberto@unipa.it