Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Mobilità

Corsi di lingua italiana per studenti Erasmus incoming

Al fine di favorire il perscorso di integrazione degli studenti in mobilità/stranieri presso l'Università di Palermo, la  Scuola di lingua Italiana per stranieri - ITASTRA dell'Università di Palermo organizza corsi di Lingua italiana per gli studenti Erasmus+ incoming.

Chi può partecipare

I corsi sono rivolti a tutti gli studenti stranieri in mobilità studio presso l'Ateneo di Palermo. 

Quando si svolgono i corsi

I corsi si svolgono tutto l'anno accademico con un calendario di massima riportato di seguito. E' opportuno, comunque, verificare il corso all'atto della iscrizione contatto i recapiti della Scuola ITASTRA:

Gennaio/Febbraio

Winter School - Febbraio/Marzo

Aprile/Maggio

Maggio/Giugno

Settembre/Ottobre

Ottobre/Novembre

Novembre/Dicembre

Costi dei corsi in italiano

ll primo corso è gratuito per gli stduenti Erasmus intra-EU (programma KA 103) e una durata di 40 ore e dà diritto all'acquisizione di 3 CFU

Per gli studenti del programma Erasmus extra-EU (Programma KA 107 - International Credit Mobility) il corso è a pagamento (100 euro/corso). 

Il riconoscimentio dei 3 CFU verrà rilasciato solo con la frequenza complessiva pari all' 80% delle ore di lezione (32 ore di presenza su 40 ore).

Sede di svolgimento dei Corsi e Contatti

Luogo delle lezioni:

Le lezioni dei corsi si svolgono presso il Centro Linguistico di Ateneo (CLA) che ha sede a Piazza Sant'Antonino 1, vicino alla stazione centrale - vedi mappa.

I recapiti e orari di ricevimento del Centro Linguistico di Ateneo sono i seguenti:

Orari di ricevimento Front Office:

da lunedì a giovedì dalle ore 9,30 alle ore 11,30

martedì e giovedì dalle ore 15,00 alle ore 16,30

e-mail: cla@unipa.it 

Tel. +39 091 23899264  / +39 091 23899267 / +39 091 23899260

Utili Informazioni

Test di ingresso

Se gli studenti sono Principianti assoluti NON DEVONO SOSTENERE un test.

Invece gli altri, per poter accedere al corso, devono sostenere una prova obbligatoria per verificare il livello di competenza della lingua italiana. La prova consiste in un test scritto della durata massima di 60 minuti e un colloquio orale della durata massima di 15 minuti. 

Possono partecipare al test soltanto gli studenti (non principianti) che hanno inviato il modulo di iscrizione e che  hanno completato le pratiche di immatricolazione presso l'Ufficio Relazioni Internazionali dell'Università di Palermo.

Le date del test verranno sempre comunicate agli studenti iscritti via email qualche giorno prima.

 

Risultati del test - Iscrizione e conferma delle classi:   dopo qualche giorno.

Il numero di corsi attivati per ogni livello varia in base al numero di studenti iscritti (minimo richiesto 8) e in base ai risultati del test di ingresso.

Se non sono disponibili corsi per il proprio livello, lo studente deve aspettare i corsi successivi.

 

 

Altre attività culturali e ricreative
Oltre le lezioni in classe, durante i periodi di Winter School e Summer School, gli studenti vengono coinvolti in gite, feste di fine corso, passeggiate in città con i tutor e visite guidate con i docenti. Inoltre gli studenti ricevono informazioni su eventi culturali della città. 

 

Attestati e Esami di Certificazione
La Scuola rilascia un attestato di frequenza in cui vengono indicati il periodo di studio, le ore di corso e il livello frequentato. Per i corsi Erasmus è indicata la votazione ottenuta per il riconoscimento di crediti formativi universitari.

Nei mesi di giugno e dicembre di ogni anno, lo studente ha inoltre l’opportunità di sostenere a Palermo presso la sede della Scuola l’esame CILS di Certificazione di Italiano come Lingua Straniera, che dà una Certificazione di competenza linguistica riconosciuta a livello mondiale.
 

Verifica della qualità/Controllo di qualità 
La qualità e il livello di gradimento sia delle attività didattiche che dell’organizzazione generale e delle attività extra-didattiche vengono monitorati attraverso la somministrazione di questionari di gradimento anonimi che gli studenti vengono invitati a compilare ad ogni fine corso.

 

Il metodo
L’approccio si ispira alle più moderne teorie e pratiche glottodidattiche. L’impianto di base è di tipo funzionale-comunicativo. All’interno della pratica didattica è tuttavia frequente il ricorso a metodi diversificati, sia per approccio che per tecniche e materiali utilizzati: da quello umanistico- affettivo al project-work, alla realizzazione di progetti di tipo collaborativo e di programmi di approfondimento di particolari competenze (rivista collettiva, scrittura accademica, lingua dello studio per studenti universitari, ecc.). Un’attenzione particolare viene rivolta ad attività didattiche ed extra-didattiche mirate alla conoscenza del territorio e della cultura locali, sia nell’ambito della normale attività didattica che attraverso laboratori tematici e visite didattiche. I metodi e i materiali sono continuamente aggiornati anche grazie alla ricca biblioteca specialistica e alla produzione di materiali originali (www.stranescuole.it) adatti ai diversi profili di apprendenti (bambini, adolescenti, giovani e adulti). La presenza dei tirocinanti italiani nelle classi consente agli studenti stranieri di calarsi nella nuova lingua e nella nuova cultura in maniera autentica e immediata.

 

Il lavoro dentro e fuori dalla classe
Le classi vengono diversificate in base al livello di conoscenza della lingua italiana degli studenti iscritti. La Scuola attiva corsi di tutti i livelli, dal principiante all'avanzato, sulla base di un numero minimo di studenti presenti.

Le competenze iniziali vengono valutate attraverso un test di ingresso scritto e un colloquio orale con un docente-coordinatore, che oltre a valutarne le competenze linguistico-comunicative, ne valuta i bisogni in termini di progetto formativo personale, obiettivi generali di studio, ecc.
L’attività didattica comprende sia lezioni frontali che sessioni orientate alla produzione di lavori collettivi, visite didattiche e laboratori tematici. Il materiale didattico viene fornito in dispense dai docenti.
La presenza di giovani studenti universitari di madrelingua italiana (soprattutto durante i corsi intensivi) interessati alla  mediazione linguistica e all’intercultura, oltre a favorire una maggiore integrazione nel tessuto cittadino, completa l’apprendimento della lingua in un contesto informale.