Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Scienze Umanistiche

Misure di contenimento del rischio sanitario connesso a patologie derivanti dal virus Sars-CoV-2

Attivazione e svolgimento tirocini curriculari

Vista la classificazione del rischio sanitario nel territorio del comune di Palermo con la zona arancione, è nuovamente possibile attivare e svolgere tirocini in presenza come disposto dalla nota del Rettore n. 44582 del 27/4/2021. In questo caso continuano a essere valide le disposizioni precedenti all’istituzione della zona rossa. Il soggetto ospitante dovrà dichiarare di garantire il pieno rispetto delle misure di protezione individuale (distanziamento, utilizzo di D.P.I.,…) previste dai protocolli di sicurezza vigenti con il modulo disponibile sulla pagina dedicata alle informazioni per i soggetti ospitanti. 

Queste disposizioni rimarranno valide anche con la classificazione del rischio sanitario con la zona gialla.

Per i tirocini da attivare in territori di riferimento dell’Ateneo e dei Poli decentrati per i quali è stata istituita o perdura la zona rossa, i tirocini in presenza rimangono sospesi a meno di casi eccezionali per cui il/la tirocinante compila una liberatoria per svolgere il tirocinio in presenza su base volontaria, il Coordinatore del Corso di Studi e il tutor universitario ne confermino la necessità, il soggetto ospitante motivi l’impossibilità di svolgere il tirocinio a distanza e adotti protocolli di sicurezza specifici per i tirocini universitari da sottoporre al Responsabile del Servizio Prevenzione e Protezione dell’Ateneo.

Tirocini

 

Cosa è il tirocinio?

Il tirocinio formativo e di orientamento è un periodo che gli studenti possono trascorrere presso aziende, enti, istituzioni, associazioni ("soggetti ospitanti") che abbiano una convenzione con l'Università degli Studi di Palermo, durante il quale svolgere attività, a completamento dell'offerta didattica, che consentono di acquisire competenze professionalizzanti e promuovono la scelta professionale attraverso l'esperienza diretta del mondo del lavoro.

Il tirocinio è disciplinato dal D.M. 25 marzo 1998, n. 142 recante norme di attuazione dei principi e dei criteri di cui all'art. 18 dellaLegge 196/1997, dalla circolare n 22 del 2002 dell’Assessorato Regionale del Lavoro (G.U.R.S. n. 57 del 13/12/2002) e dal Regolamento Generale di Ateneo emanato con D.R. n. 708 del 08/03/2017. Ciascun Corso di Studi approva, inoltre, un Regolamento che definisce la funzione del tirocinio nell'offerta formativa, il numero di crediti formativi universitari (CFU) e di ore corrispondenti, le modalità di richiesta di attivazione del tirocinio, di accertamento dello svolgimento del tirocinio, di valutazione e convalida dello stesso.

 

Che tipo di tirocinio è possibile svolgere?

Il tirocinio curriculare è dedicato a studenti prima della laurea. Esso ha durata di 75 ore o di 150 ore, che è possibile incrementare del 20% in seguito a una richiesta motivata del tirocinante indirizzata al Consiglio di Corso di Studi, e non può estendersi oltre 12 mesi comprese eventuali proroghe. Gli obiettivi formativi, le attività da svolgere, il periodo e il modo in cui svolgerle sono definiti nel progetto formativo. Il progetto formativo è concordato dal tirocinante con il tutor aziendale – il responsabile del soggetto ospitante che cura l'inserimento dello studente, ne segue e certifica presenze e attività – e sottoscritto dal tutor universitario, il docente responsabile degli aspetti didattici e organizzativi che può essere indicato dal tirocinante o assegnato dal Consiglio del Corso di Studio. 

È possibile svolgere un tirocinio curriculare interno presso una struttura del Dipartimento o nell'ambito di progetti attivati dai Corsi di Studio del Dipartimento. Tuttavia, i tirocini interni hanno carattere eccezionale, devono essere adeguatamente motivati e il loro numero è contingentato annualmente a poche unità per Corso di Studio per incentivare l'orientamento al lavoro e la formazione al di fuori dell'Ateneo. 

Il tirocinio extra-curriculare è dedicato a studenti che abbiano conseguito la laurea da non più 12 mesi. Modalità e durata del tirocinio sono regolamentate da convenzioni e accordi dei soggetti ospitanti con l'Università degli Studi, ma la durata non può superare i sei mesi comprese eventuali proroghe eventualmente concesse in seguito a una richiesta motivata del tirocinante. I tirocinanti hanno facoltà di chiedere la sospensione del tirocinio, secondo le prerogative previste dalla L. n. 104/1992 (e successive modifiche ed integrazioni). Anche il tirocinio extra-curriculare prevede un progetto formativo che sarà firmato dal tutor universitario. Al termine del tirocinio si rilascerà un attestato, tenendo conto anche della valutazione espressa dal soggetto ospitante. Il tirocinio extra-curriculare prevede il riconoscimento di un indennizzo minimo obbligatorio al tirocinante secondo la normativa regionale vigente.

   

Contatti

carmelo.cali@unipa.it

prof. Carmelo Calì, Delegato di Dipartimento ai tirocini e al placement. 

vincenza.viviano@unipa.it

sig.ra Vincenza Viviano, Responsabile amministrativa delle procedure dei Tirocini di Dipartimento.

Si invitano gli studenti a contattare i delegati al tirocinio del proprio Corso di Studio per richieste specifiche.