Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Culture e Società

AFRAS | Archivio Fotografico Regionale dell’Arte Siciliana

      
               

Michele Catti-Porta Nuova-dettL’Archivio Fotografico Regionale dell’Arte Siciliana (A.F.R.A.S.), fondato da Maurizio Calvesi e custodito presso il Dipartimento Culture e Società, raccoglie materiali fotografici relativi al patrimonio storico-artistico dell’Isola, dalla pittura alla scultura, sia lignea che marmorea, dall’architettura alla decorazione architettonica, alle arti decorative.

I materiali già schedati sono attualmente fruibili presso la sede dell’Archivio, su appuntamento.

Raccogliendo l’auspicio del prof. Calvesi, affinché tutti i materiali fossero resi fruibili on line, e grazie alla collaborazione tra l’Archivio e Palermo University Press, tali immagini sono state recentemente digitalizzate ed è stata avviata una schedatura analitica dei diversi fondi. Ciò costituisce un ulteriore passo nell’esplorazione sistematica del patrimonio d’arte siciliano, che mira ad approfondire alcuni settori, attraverso una serie di mostre tematiche su opere e artisti che li rappresentano. La schedatura completa delle immagini sarà prossimamente disponibile per la fruizione pubblica tramite ricerca nel database on line dell’Archivio.

Profilo del laboratorio sul Portale della Ricerca >
Sito web >


Direttore: prof. Maria Concetta Di Natale
Referente: dott. Rosalia Francesca Margiotta

Sede: Dipartimento Culture e Società, Unipa Campus, Viale delle Scienze, Ed. 15, piano VIII, stanza 802

        
 

 

 

 


CeRAM | Centro di Ricerca per l’Archeologia del Mediterraneo

   

 

 
           Faros1

Obiettivo del CeRAM è garantire la conservazione, catalogazione e valorizzazione del patrimonio documentario risultato delle ricerche archeologiche del Dipartimento Culture e società in Sicilia, Grecia, Libia, Egitto e Siria. L’archivio, inoltre, comprende anche libri, articoli e del materiale documentario e fotografico del ‘Legato Adriani’ e del ‘Legato Joly’.

Il CeRAM svolge attività di sostegno alle ricerche del Dipartimento e di supporto alle attività didattiche.

La documentazione e le sezioni dell'archivio fotografico, dedicate ai principali siti archeologici dei Paesi mediterranei e alle collezioni dei più importanti Musei sono già accessibili ai laureandi e dottorandi del Dipartimento.

Di recente è stato avviato un progetto di digitalizzazione dell'intero archivio per garantirne la preservazione e in vista di una sua apertura alla libera consultazione e all'utilizzo regolamentato da parte di studiosi e studenti italiani e stranieri.

Profilo del laboratorio sul Portale della Ricerca >

Sito web > in costruzione

 

 

Direttore: prof. Nunzio Allegro
Referenti: dott. Antonella Mandruzzato | dott. Sergio Aiosa

Sede: Dipartimento Culture e Società, Campus, Viale delle Scienze, Ed. 15, piano I, stanza 106

                
       

 

COMLab | Laboratorio di Comunicazione

       
  Escher-Metamorphosis-II  
      

escher-1-2

Il Laboratorio di Comunicazione “COMLab” opera principalmente nell’ambito della produzione di audiovisivi e del filmaking, offrendo la possibilità di girare e montare filmati in qualità broadcast HD, da distribuire anche attraverso canali digitali (YouTube, Instagram ecc.).

Esso offre servizi legati alla ideazione, progettazione e realizzazione di contenuti audiovisivi di diverso genere: dal giornalismo alle web serie, dalla promozione all’intrattenimento. Inoltre opera nell’ambito della sperimentazione di nuovi format (COMTalk) e dell’uso di nuove tecnologie (realtà virtuale e video a 360°).

Da un punto di vista didattico, il linguaggio audiovisivo consente di sviluppare competenze teoriche e tecniche relative alle più diverse materie espressive, dalla fotografia alla sceneggiatura, dalla grafica alla musica, passando per la programmazione ed il compositing.

Nel futuro saranno sviluppate anche attività nel campo dell’editoria e del web authoring.

Profilo del laboratorio sul Portale della Ricerca >

 


Direttore: prof. Dario Mangano
Referenti: dott. Alice Giannitrapani | dott. Ilaria Ventura Bordenca

 

Sede: Dipartimento Culture e Società, Campus, Ed. 15, piano III

 

  

   

 

 

 

Laboratorio di Albanologia

       
          

foto lab manca 2-

Il laboratorio di Albanologia si prefigge di organizzare e coordinare attività volte alla tutela e alla salvaguardia della lingua e del patrimonio culturale degli Arbëreshë di Sicilia, in ottemperanza alla legge 482/1999 “Norme in materia di tutela delle minoranze linguistiche storiche”, di monitorare lo stato dell’albanofonia nel territorio della provincia di Palermo, tenendo conto della presenza di parlanti l’albanese di recente immigrazione, di promuovere e potenziare l’insegnamento della lingua e della cultura arbëreshe nelle scuole di ogni ordine e grado, di organizzare attività di ricerca volte alla valorizzazione del patrimonio culturale, musicologico e antropologico arbëreshe.

Profilo del laboratorio sul Portale della Ricerca >    

Sito web > in costruzione

 

 

 


Direttore: prof. Matteo Mandalà
Referente servizi: dott. Gézim Gurga

Sede: Dipartimento Culture e Società, Campus, Viale delle Scienze, Edificio 15, piano V, stanza 502

 

 







 

                                                                                                                                                        

 

 

Laboratorio di Archeologia

       
    

Atena Himera-

Il Laboratorio di Archeologia nasce per offrire supporto tecnico e logistico per le attività didattiche e di ricerca di Archeologia. In particolare:

• svolgimento di esercitazioni nell’ambito dei laboratori di archeologia (studio della ceramica, disegno dei materiali, esame autoptico degli impasti, rielaborazione dati);

• supporto alle ricerche dei dottorandi in archeologia;

• supporto alle ricerche archeologiche sul campo e in particolare agli scavi archeologici, nonché allo studio archeologico e storico-artistico dei reperti:

- localizzazione, georeferenziazione, rilievo strumentale (rilievo topografico con la stazione totale e l’uso della livella ottica) e rilievo manuale (trilaterazione e rilevamento manuale, disegno delle strutture murarie), rilievo fotogrammetrico;

- rilevamento fotografico per la documentazione di scavo e per la documentazione dei materiali archeologici; analisi autoptica con il microscopio portatile per gli impasti ceramici e per le monete;

- fotografie di alta risoluzione e macro di reperti archeologici e di manufatti artistici antichi.

Il Laboratorio è strettamente connesso con il Laboratorio di Topografia e con il Laboratorio CeRAM del Dipartimento Culture e Società.

Al laboratorio afferiscono tutti i professori di archeologia e topografia del Dipartimento: Chiara Portale, Monica de Cesare, Emma Vitale, Antonella Mandruzzato, Aurelio Burgio, Sergio Aiosa, Simone Rambaldi, Gilberto Montali, Nunzio Allegro, Oscar Belvedere, Giocchino Falsone ed i dottorandi con tesi in archeologia.

Profilo del laboratorio sul Portale della Ricerca >    

 

Direttore: prof. Elisa Chiara Portale
Gestore: dott. Gilberto Montali

Sede: Dipartimento Culture e Società, Campus, Viale delle Scienze, Edificio 15, piano VIII, stanza 801
Telefono: +39 091 23899455

 








 

                                                                                                                                                                           

 

 

Laboratorio Interdisciplinare di ricerca su Corpi, Diritti, Conflitti

       
          LAB-Corpi-Diritti-Conflitti-Homepage1

Il Laboratorio si propone di:

  • promuovere e coordinare attività di insegnamento e ricerca inter e trans-disciplinare sui temi delle differenze e dei processi socio-culturali e comunicativi implicati;
  • stimolare attività culturali, seminariali e workshop ed incontri pubblici finalizzati allo studio e alla sensibilizzazione verso i temi delle differenze, dell'intersezione tra oppressione e privilegi, delle discriminazioni e delle diseguaglianze sociali, delle devianze e dei comportamenti antisociali, della promozione di interventi per promuovere soluzioni;
  • favorire lo scambio di informazioni e materiale e il confronto tra i ricercatori del settore, prevedendo collaborazioni con altri Istituti o Dipartimenti universitari, con organismi di Ricerca nazionali e/o internazionali, con Enti pubblici o privati;
  • promuovere le diverse attività, privilegiando sopratutto il rapporto con gli studenti e le associazioni studentesche del nostro Ateneo, con iniziative di divulgazione scientifica, congressi, simposi e con collaborazioni in attività di ricerca.


Sito web > 

 

Direttore: dott. Cirus Rinaldi

Sede: Dipartimento Culture e Società, Campus, Ed. 2, piano I, stanza 6

          

       

 

Laboratorio di Studi Culturali

        
        studi culturali

Il laboratorio supporta le attività del dottorato di ricerca internazionale in Studi culturali europei/Europaeische Kulturstudien e il Laboratorio di studi culturali del corso di laurea magistrale in Comunicazione del patrimonio culturale.

Nel laboratorio si svolgono le attività di didattica e di ricerca (seminari, lezioni, incontri) organizzate dallo staff e rivolte agli utenti (studenti, dottorandi, studiosi).

Profilo del laboratorio sul Portale della Ricerca >

Sito web >

 

 

 

Direttore: prof. Michele Cometa 
Gestore: prof. Roberta Coglitore 
Referentidott. Valeria Cammarata | dott. Valentina Mignano

 

Sede: Dipartimento Culture e Società, Campus, Ed. 15, piano VII, stanza 705

 
   

 

 

 

Laboratorio di Topografia antica

     
 

Il Laboratorio di Topografia antica (Settore di ricerca L- ANT/09) si è costituito nel 2000 allo scopo di sviluppare specifiche competenze nella redazione di cartografia archeologica informatica e nella gestione informatica dei dati raccolti sul campo durante le indagini di prospezione archeologica e di archeologia del paesaggio. Nel tempo ha acquisito estese competenze nel campo delle metodologie GIS e nella progettazione e costruzione di SIT volti alla ricostruzione storico-archeologica del territorio, alla sua analisi geomorfologica e topografica e allo studio delle dinamiche insediative. In tal senso particolare interesse è stato posto alle attività di collocazione puntuale nello spazio e di rilievo delle emergenze archeologiche tramite GPS e alle metodologie tradizionali di rilievo supportate da Stazione Totale e fotogrammetria monoscopica.

Grande attenzione è stata rivolta recentemente alla divulgazione dei risultati delle ricerche attraverso applicazioni Web Mapping che utilizzano software open source. E’ possibile, infatti, consultare  i Web Gis della chora di Himera e quella del territorio di Alesa sia nella versione desktop che nella versione mobile friendly.

Il laboratorio si occupa anche di fotointerpretazione tramite lettura stereoscopica di fotografia aerea e restituzione digitale dei dati elaborati, e di ricostruzione in 3D di contesti territoriali e singole evidenze archeologiche. 

Strumentazione
n. 4 PC con software ArcMap 8.3, ArcMap 9.1, Zmap;
n. 2 PDA con GPS;
ArcPad 7; Pacchetto Office; CartaLab; Photoshop Elements; Google SketchUp; Pmapper e Map server; Qgis;
scanner A3 e A4; stampanti A3 e A4.

Attività svolte

  • Cartografia Archeologica Informatica
  • Analisi spaziali costi-superficie
  • Analisi cognitive sulla distribuzione del popolamento e dell'insediamento antico
  • Analisi di intervisibilità
  • Web Mapping
  • Creazione e validazione di modelli predittivi
  • Elaborazioni 3D
Web Mapping dei territori di Himera e Alesa con il link www.giuseppebordonaro.com/unipa

Ricerche in corso

  • Scavi archeologici: Monte Falcone (Baucina), Terravecchia di Cuti (Petralia Sottana), Santa Marina (Petralia Soprana), Vallone Inferno (Scillato)
  • Carte archeologiche: Cignana (Naro-Palma di Montechiaro), Himera (Valle del Torto), Alte Madonie.
  • Castellammare del Golfo (TP)

 

Direttore: prof. Oscar Belvedere 
Referente servizi: prof. Aurelio Burgio  

Personale afferente: dott. Giuseppe Bordonaro, dott. Antonio Di Maggio, dott.ssa Vincenza Forgia, dott.ssa Maria Assunta Papa

Sede: Dipartimento Culture e Società, Campus, Ed. 15, piano I 
Telefono: 091 23899415 

 
       

 

OADI | Osservatorio per le Arti Decorative in Italia

     
                       

OADI testata

 

L’Osservatorio per le Arti Decorative in Italia intitolato a Maria Accascina è uno strumento scientifico del Dipartimento Culture e Società dell’Università degli Studi di Palermo attivo dal 2006, il cui obiettivo principale è ampliare la ricerca nel settore specifico.

Finalità dell'azione di ricerca e studio scientifico condotte dall’Osservatorio sono infatti la conoscenza, divulgazione e valorizzazione delle opere d’arte decorativa in Italia, partendo dalla Sicilia, territorio in cui esse hanno sviluppo particolare e maggiormente variegato rispetto a tutte le regioni peninsulari. Non a caso gli studi pionieristici di Maria Accascina partono proprio dalle arti decorative siciliane.

Fin dalla sua istituzione, l’Osservatorio scheda e mette in rete tutto ciò che è edito nel settore in Italia, raccoglie volumi e materiali fotografici, realizza convegni di studi, pubblicazioni, mostre e iniziative culturali diverse. Tiene inoltre frequenti contatti con Università Italiane e straniere e con Musei e strutture interessate allo studio delle Arti Decorative, avvalendosi della consulenza di studiosi di rilievo nel settore. Il comitato scientifico è composto da studiosi italiani e stranieri che si sono distinti per la loro attività culturale nel settore specifico. La sede è in Piazza Marina a Palermo presso l’ex Hôtel de France, nel complesso dello Steri, sede del Rettorato dell’Ateneo.

 

The Observatory for Decorative Arts in Italy entitled to Maria Accascina is a scientific instrument of the Department of Cultural Heritage - Cultural Studies of the University of Palermo since 2006, whose main objective is to expand the research in this specific field.

The Observatory carries out an action research and a scientific study that have thereforeas their purpose the knowledge, the divulgation and exploitation of decorative works of art in Italy, and particularly in Sicily, the territory in which they have a particular and more variegated development than to all the peninsular regions. It is no coincidence thatMaria Accascina’s pioneering studies start right from the Sicilian decorative arts.

Since its establishment, the Observatory catalogues and puts online everything is published in the field of the Decorative Arts in Italy; italso collects books and photographic materials, organizes conferences, publications, exhibitions and other cultural events. It also is in contact with Italian and foreign universities, museums, and structures involved in the study of Decorative Arts, having advices of important scholars in this field. The Scientific Committee is composed of Italian and foreign scholars who have distinguished themselves for their cultural activities in this specific area. The head office is at the former Hôtel de France placed in Piazza Marina in Palermo, belonging to the Steri monumetal complex, seat of the University Rector.

Profilo del laboratorio sul Portale della Ricerca >

Sito web >


Direttore: prof. Maria Concetta Di Natale
Referente:
dott. Sergio Intorre

Sede: Piazza Marina (Salita Intendenza), c/o ex Hôtel de France (Complesso Monumentale dello Steri, sede del Rettorato), piano terra
email: oadi@unipa.it
Tel: +39 091 238 93764

                     
       

 

Rappresentazioni sociali della violenza sulle donne: il caso del femminicidio in Italia

     
   

Muralesfemminicidio

 

 

Il laboratorio promuove il confronto e lo scambio tra i diversi saperi che contribuiscono alla conoscenza dei processi di costruzione sociale del fenomeno della violenza di genere, sviluppando sinergie con il mondo dell’informazione, con il settore della giustizia, con le strutture socio-sanitarie, con le associazioni e con le istituzioni preposte - sul piano preventivo, repressivo e di sostegno - al contrasto della violenza contro le donne; promuove lo studio del processo normativo e del “discorso giuridico” sul tema della violenza contro le donne, esplorandone i significati sociali e questionandone gli ancoraggi politici e economici; approfondisce la tematica del potere e della diseguaglianza storica tra i sessi attraverso le definizioni fornitene nella giurisprudenza e nei codici penali; esplora le dimensioni simboliche della violenza contro le donne intersecando differenti livelli di riflessione che chiamano in causa le nozioni di violenza, di genere e di corporeità in una prospettiva comparativa e diacronica; studia la variabilità dei significati assunti dalla violenza contro le donne nello spazio, nel tempo e nelle diverse culture a partire dagli innegabili elementi di “uniformità” di contenuto legati alla persistenza dei maltrattamenti nel tempo.

Sito web >


Direttore: prof.ssa Alessandra Dino

Sede: Dipartimento Culture e Società, Campus, Ed. 15, piano II