Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

2039 - LINGUE MODERNE E TRADUZIONE PER LE RELAZIONI INTERNAZIONALI

Presentazione

Obiettivi Formativi

Obiettivi specifici: A conclusione del corso di Laurea Magistrale i laureati dovranno: - possedere una competenza avanzata in due lingue, oltre l'italiano, con piena consapevolezza delle variazioni dovute al contesto sociolinguistico, interazionale e multimediale in cui si svolge l'attività linguistica, e alle abilità recettive e produttive dei parlanti coinvolti; - conoscere la cultura del paese di cui si studia la lingua, nelle dimensioni storico-geografiche, economico-sociali e politiche in modo da utilizzarle nella prospettiva della comunicazione internazionale; - possedere solide conoscenze dei metodi e degli strumenti di analisi e riflessione teorica sulle lingue, e della linguistica applicata nelle sue estensioni; - possedere solida esperienza delle forme della comunicazione anche via web (siti, blog, piattaforme e simili) e riportarla nelle competenze linguistiche e nelle loro estrinsecazioni professionali; - avere conseguito consapevolezza dei principi cognitivi e psicosociali del multilinguismo e del multiculturalismo, come anche delle attività fondamentali che li caratterizzano, con particolare attenzione alle varietà dei processi traduttivi che stanno alla base delle attività e delle professionalità legate alle professioni linguistiche; - possedere una competenza nel linguaggio specialistico ed in particolare nel linguaggio specialistico della traduzione audiovisiva da alcune specifiche lingue verso l'italiano; - avere conseguito conoscenze nelle discipline di base delle scienze sociali, economiche e giuridiche. Il corso è articolato in due curricula, Occidentale e di Studi Arabi e Islamici, che presentano i medesimi obiettivi formativi e la medesima impostazione del percorso di studi, pur nelle differenze legate alla diversità di lingue e culture.

Sbocchi Occupazionali

Profilo: Traduttore e interprete di collegamento e di trattativa/Mediatore linguistico - Traduttore di alto livello in ambito letterario-audiovisivo Funzioni: L'interprete di collegamento o il mediatore linguistico e culturale svolgono mansioni di elevata responsabilità nei rapporti interculturali fra privati, fra cittadini privati e organismi pubblici, fra organismi nazionali e internazionali. Devono possedere la padronanza di almeno una lingua straniera e doti di comunicatività. Gli ambiti di intervento possono essere svariati; da quello medico a quello politico. Il tradutorre letterario deve possedere oltre alle conoscenze linguistiche conoscenze approfondite delle culture e delle civiltà delle lingue da e verso cui traduce e deve possedere inoltre una grande competenza letteraria. Il traduttore audiovisivo deve possedere competenza della lingua e della cultura in arrivo ed in partenza, nonché degli strumenti tecnici adeguati. Competenze: - rapporti interculturali e di intermediazione interculturale: a) Mediatore culturale con funzioni di elevata responsabilità, nell'ambito delle relazioni internazionali presso aziende, la pubblica amministrazione, le strutture del volontariato, gli enti locali nonché nella direzione di organizzazioni internazionali, di settori della cooperazione e degli aiuti allo sviluppo; Attività professionali: esperti presso enti e istituzioni nell'ambito dell'integrazione economica, sociale e culturale; consulenti specialisti presso enti pubblici nell'ambito della tutela delle lingue immigrate e più in generale in rapporto alla legislazione linguistica dell'Unione Europea. b) Il traduttore letterario può lavorare come free lance o presso case editrici, istituzioni pubbliche e private, fondazioni, teatri. L'esperto di traduzione audiovisiva può lavorare presso le aziende del settore. Sbocchi: - mediatore linguistico per organizzazioni nazionali, internazionali e onlus. - traduttore letterario. - traduttore specializzato. - inteprete di liaison e in consecutiva - esperto di traduzione audiovisiva Profilo: Specialisti in risorse umane Funzioni: -contribuisce a programmare dinamicamente il fabbisogno di personale di cui necessita l'organizzazione considerando i prevedibili flussi del personale (in ingresso, mobilità interna, in uscita) esaminando dati/informazioni provenienti da varie fonti (dati relativi al personale occupato, all'età, al turnover, alle esigenze provenienti dalle varie unità che compongono l'organizzazione, alle strategie aziendali) integrandole con altre relative al potenziale ed alle prestazioni delle risorse già occupate; -collabora alla definizione della quantità e qualità delle risorse umane da acquisire dal mercato del lavoro esterno elaborando i profili del personale da assumere, precisando i requisiti da ricercare; -si occupa della ricerca e selezione del personale, svolgendo attività di preselezione, interviste preliminari, colloqui di selezione, affiancando i responsabili delle unità organizzative in cui è previsto l'inserimento del personale durante la conduzione dei colloqui tecnico/specialistici; -si occupa delle problematiche sindacali, negoziando e pervenendo ad accordi con i rappresentanti dei lavoratori; contribuisce a elaborare e sviluppare, collaborando con la line, piani di inserimento e accoglimento del personale; -collabora alla messa a punto di interventi di valutazione del potenziale che possono riguardare sia personale in ingresso (collegati quindi alla selezione) che personale già occupato e partecipa alla loro realizzazione; -collabora alla progettazione di sistemi di valutazione delle prestazioni delle persone già occupate, partecipando allo sviluppo delle azioni necessarie per assicurare una accettazione diffusa del sistema adottato ed un comportamento dei valutatori coerente con il sistema stesso; -collabora ad individuare le esigenze di formazione e di addestramento, attuali e future, delle risorse acquisite e di quelle già occupate, ed alla progettazione e sviluppo dei relativi interventi; collabora alla definizione delle politiche retributive; -collabora alla definizione e sviluppo di iniziative connesse con il tema della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Competenze: Il rapporto di lavoro dello specialista in risorse umane è normalmente di tipo dipendente a tempo indeterminato mentre all'inizio della carriera può essere atipico, del tipo formazione e lavoro. L'inquadramento ed il trattamento dipendono dal tipo di Contratto Collettivo Nazionale di Lavoro applicato al rapporto di lavoro; generalmente l'Esperto è inquadrato come quadro. Lo specialista e la specialista in risorse umane si occupano dei differenti aspetti della gestione del personale di un'azienda o di un'amministrazione: salari e oneri sociali dei dipendenti, assunzione di collaboratori, formazione continua, relazioni sociali. Sbocchi: consulenza alle imprese nella gestione e nel reclutamento di personale; ricerca, selezione e assunzione di personale con qualifiche corrispondenti al profilo auspicato; osservare e studiare l'evoluzione del mercato del lavoro e delle professioni; aggiornamento degli elenchi dei posti vacanti; stabilire e mantenere contatti con potenziali datori di lavoro; gestire i dossier di disoccupati e persone alla ricerca di un impiego; conduzione di colloqui personali, analisi delle singole situazioni, bilancio delle competenze; occuparsi del collocamento fisso o temporaneo di persone disoccupate prese a carico dagli uffici regionali di collocamento; promozione di misure attive di reinserimento (corsi di perfezionamento, di aggiornamento, di lingue, ecc.). Profilo: Redattori di testi per la pubblicità e redattori di testi tecnici Funzioni: I Redattori di testi per la pubblicità e redattori di testi tecni devono: sviluppare, progettare o creare nuove applicazioni, idee, relazioni e nuovi sistemi e prodotti (compresi i contributi artistici);Mantenersi aggiornati sui cambiamenti tecnici e applicare nuove conoscenze; creare rapporti di lavoro costruttivi e cooperativi e mantenerli nel tempo; analizzare informazioni e valutare risultati per scegliere la soluzione migliore e per risolvere problemi; comunicare con persone esterne all'organizzazione, rappresentare la stessa verso i clienti, il pubblico, le amministrazioni ed altre entità esterne, personalmente, in forma scritta, per telefono o via e-mail, anche in lingua straniera. Competenze: scrivere testi pubblicitari (pensare al tipo di messaggio, selezionare il linguaggio, rivedere le bozze, adattare testi esteri, ecc.) valutare, impostare o realizzare campagne pubblicitarie individuare, selezionare e realizzare un'idea pubblicitaria studiare e aggiornarsi (leggere materiale informativo, ricercare informazioni su internet, ecc.) curare i rapporti con i clienti ideare progetti grafici presentare il lavoro ai committenti coordinare o partecipare a gruppi di lavoro scrivere spot per radio e televisione selezionare i collaboratori artistici o il cast (fotografi, registi, ecc.) curare la produzione di spot televisivi (ideazione, sceneggiatura, lavoro sul set, ecc.) organizzare/partecipare a riunioni ricevere e analizzare le richieste o le esigenze del cliente scrivere annunci o articoli per la stampa coordinare lavoro e supervisionare l'operato dei collaboratori creare nomi per prodotti e aziende creare slogan pubblicitari pianificare e programmare il lavoro o le attività curare i rapporti con i mezzi di informazione predisporre o gestire strategie di comunicazione redigere o predisporre testi tecnici selezionare i media per la promozione della campagna pubblicitaria sviluppare idee progettuali svolgere attività amministrativa acquistare spazi pubblicitari partecipare alle conferenze stampa scrivere i testi per la produzione di materiali informativi scrivere o realizzare testi multimediali selezionare le musiche e curare il suono svolgere attività didattica Sbocchi: copywriter creatore e redattore di testi pubblicitari redattore testi pubblicitari free lance redattore di testi tecnici presso aziende Profilo: Giornalisti (previa iscrizione all'albo), pubblicisti free lance Funzioni: Il giornalista o pubblicista deve avere: attitudine a comunicare informazioni ed idee scrivendo in modo che altri capiscano; attitudine a leggere e comprendere informazioni ed idee esposte in forma scritta; attitudine a cogliere rapidamente il senso, a combinare e ad organizzare informazioni in dimensioni significative Competenze: Saper dirigere una redazione giornalistica. Preordinare, coordinare e controllare il lavoro dei giornalisti, curando anche la resa commerciale del giornale (direttore responsabile o vicedirettore). Realizzare tecnicamente la pubblicazione secondo le direttive impartite dal direttore. Dirigere le redazioni decentrate e gli uffici di corrispondenza e, insieme con il caposervizio, selezionare le notizie e attribuire i compiti specifici ai redattori dei vari settori (caporedattore). Avere la responsabilità di una delle varie sezioni in cui si articola il giornale (cronaca, economia, politica, sport, cultura) e coordinare redattori e corrispondenti (caposervizio ) Lavorare all'interno della redazione, occupandosi della raccolta e selezione di notizie e comunicati che giungono dalle agenzie di stampa dagli inviati, dai corrispondenti e dai cronisti. Curare quindi in maniera costante e continuativa, la stesura della pagina di cui si è responsabili (redattore). Occuparsi della scrittura degli articoli di cronaca quotidiana, che prevedono una descrizione dei fatti puntuale e il più possibile oggettiva (cronista). Seguire sul posto un evento di grande rilevanza (inviato). Lavorare stabilmente in una determinata località, solitamente estera, possedendo, ovviamente, un'ottima conoscenza del paese e della lingua di cui si narrano gli avvenimenti (corrispondente). Realizzare servizi fotografici per raccontare le notizie scrivendo anche le didascalie delle singole immagini (fotoreporter). Sbocchi: presso testate giornalistiche anche on line, emittenti radiofoniche e televisive, siti internet; fotoreporter free lance; corrispondente estero. Profilo: Revisori di testi Funzioni: Il revisore dei testi deve possedere una grande cultura ed avere una competenza da madre lingua se revisiona testi in lingua straniera.Il revisore deve possedere la padronanza della materia in questione. Attraverso il proprio intervento il revisore deve collaborare col traduttore, ed eventualmente correggerne gli errori. Il revisore deve possedere equilibrio e capacità di giudizio obiettivo, deve sapere dialogare e ascoltare (nei rapporti con i traduttori) il parere degli altri. Competenze: Il revisore non è un correttore di bozze. Il revisore esercita l'attività dell'editing ed è quindi il responsabile della qualità del prodotto finale. Sbocchi: editing, cross-check presso case editrici e riviste anche on line e agenzie di traduzione. mansioni di revisore presso l'Unione Europea.

Caratteristiche della Prova Finale

La Laurea Magistrale in "Lingue moderne e traduzione per le relazioni internazionali" si consegue previo superamento di una prova finale, che consiste nella presentazione e discussione di una tesi elaborata in forma originale dallo studente sotto la guida di un relatore, nell'ambito di uno dei settori scientifico-disciplinari presenti nell'ordinamento del Corso di Studi, per il quale sono previsti insegnamenti nel regolamento dello stesso Corso di Studi e nel quale lo studente ha conseguito crediti. Le modalità per la determinazione e la preparazione dell'argomento della tesi nonché per la scelta del relatore sono fissate nel Regolamento del Corso di Studi.