Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Scienze Umanistiche

Prodotti della Ricerca

Repository documentale istituzionale dei prodotti della ricerca basato su protocolli Open Archive.
CINECA IRIS Institutional Research Information System 


Professori ordinari

Auteri Laura

Calbi Maurizio

D'Agostino Maria

De Marco Gabriella

Di Lorenzo Francesca Paola

Giliberto Concetta

Landolfi Luciano

Lupo Salvatore

Mancini Sandro

Melazzo Lucio

Pellitteri Antonino

Perrone Domenica

Piazza Francesca

Privitera Massimo

Samonà Leonardo

Tedesco Salvatore

 

Prof.  associati

Aliffi Maria Lucia

Amenta Luisa

Bartolotta Annamaria

Caldarone Rosaria

Calì Carmelo

Carapezza Francesco

Carapezza Marco

Castiglione Marina Calogera

Cervini Alessia

Cicatello Angelo

Colombo Duccio

Di Figlia Matteo

Di Giovanna Maria

Di Legami Flora

Di Maio Alessandra

Di Piazza Salvatore

Di Stefano Elisabetta

Fazio Ida

Hoffmann Sabine

La Monaca Donatella

Laspia Patrizia

La Mantia Francesco

Le Moli Andrea

Madonia Francesco Paolo

Matranga Vito

Marino Rosanna

Minardi Giovanna

Mineo Ennio

Oliveri Gianluigi

Palumbo Giorgio

Polizzi Assunta

Prestigiacomo Carla

Pugliese Alice

Roccaro Giuseppe

Rumyantsev Oleg

Sammartano Roberto

Sciarrino Chiara

Sica Anna

Tedesco Anna

Tononi Daniela

Tuzzolino Giovanni Francesco

Velez Antonino

 

Ricercatori

Agnello Chiara

Barrale Natascia

Cacioppo Marina

Carmina Claudia

Carta Ambra

Castagna Valentina

Coco Vittorio

Di Bella Arianna

Di Gesù Floriana

Di Gesù Matteo

Garofalo Girolamo

Kirchner Lorenz

Licata Gaetano

Lupo Rosa Maria

Maltese Pietro

Marchese Rosa

Maltese Pietro

Misuraca Pietro

Paternostro Giuseppe

Restuccia Laura

Rizzo Alessandra

Rosciglione Claudia

Schembri Gennaro

Schirò Claudio Maria

Sciortino Maria Grazia

Sottile Roberto

Tamburello Giuseppa

Tufano Lucio

Weerning Marion

Zummo, Marianna Lya

Atlante Linguistico della Sicilia

A cura del Centro di studi filologici e linguistici siciliani (CSFLS)

L’Atlante Linguistico della Sicilia è considerato tra i più avanzati programmi di ricerca attualmente in cantiere in Italia nel settore della geografia linguistica e della sociolinguistica areale, assai apprezzato anche in campo internazionale. L’ALS ha l’obiettivo di documentare, tra il secondo e il terzo millennio, il repertorio linguistico dei siciliani, dallo stadio più arcaico del dialetto ai livelli più spinti di italianizzazione. Si vuole, dunque, presentare un quadro complessivo dell’odierna situazione linguistica della Sicilia, documentando la coesistenza dinamica di arcaicità e modernità. Rappresentando un punto di incontro tra dialettologia tradizionale e sociolinguistica, l’ALS si articola in due sezioni: etnodialettale e sociovariazionale. L’attività complessiva (prospettiva geoetnolinguistica e prospettiva geo-sociolinguistica) si riflette nelle tre collezioni “Materiali e ricerche dell’Atlante linguistico della Sicilia”, “Piccola Biblioteca dell’ALS e “L’ALS per la scuola e il territorio”.

http://atlantelinguisticosicilia.it/cms/

The Homeric Greek Compounds Project

The ‘Homeric Greek Compounds Project’ is a linguistic research project partially funded by the University of Palermo FFR-2012-ATE-0164 (2013-2015). The project aims at creating a free open-access online database containing the Homeric compounds found in the Iliad and the Odyssey. The research group is currently composed of people ranging from graduate to Ph.D. students, from post-doctoral researchers to associate professors, from the Department of Scienze Umanistiche of the University of Palermo and from the Department of Studi Letterari, Filologici e Linguistici of the University of Milano Statale. At present, the group is composed of the following people: A. Bartolotta (project coordinator), L. Aliffi, V. Amico, L. Coccia, A. Cuva; N. De Pasquale, M. Giuffrè, M. Longo, R. Melazzo, C. Nigrelli; F. Dedè, M. Cardella. The main purpose of this working group is to collect and analyze all the compounded Nouns and Adjectives occurring in the Homeric poems, in order to share and make linguistic data re-usable and available to the scientific community. The ultimate goal of this project is to reconstruct, as far as possible, the unifying criteria that are at the basis of the process of composition in archaic Greek. In fact, both definitions and classifications of compounds are still a debated issue in the linguistic literature. Research into the explanation of this complex linguistic phenomenon must be integrated by not only making cross-linguistic comparisons, but also considering the diachronic perspective. Thus, an interdisciplinary perspective is needed, that gives value to the historical-comparative dimension as well. By virtue of the conservative nature that characterizes compound forms, the diachronic development and prehistory of compounds in the oldest Indo-European languages reveals valuable information about the syntactic structure of the IE proto-language. In particular, although Ancient Greek composition has been dealt with since the beginning of the XXth century, there is still no reference database that gathers and describes all the compounds attested in Homeric Greek, a language that, along with Sanskrit, is the basis and the starting point for the reconstruction of the Indo-European proto-language. Hence, the idea of a database containing a description of morphological, syntactic, semantic and lexical features, and etymological interpretation of each compounded word in the Iliad and Odyssey. The database contains more than 1500 entries, which are arranged alphabetically from Α to Ω. The database encodes information about the syntactic category of the compound and its morphosyntactic structure, including its part of speech and the lexical category of both first and second members (categorization). The linguistic description also contains the compound meaning and the features that have been considered relevant, i.e. its etymology, each word occurrence and the corresponding inflectional information, including case and number, the headedness (endocentric vs exocentric), the classification of each compound (subordinate, determinative attributive, coordinate). When necessary, some specific notes are added about linking elements (i.e. those functional structures that serve to link the two members of compound, and which can find expression in specific inflectional endings of the non-head member within the complex word), case forms of the first/second member, other morphological or semantic useful information. The database website will be available free on the Department page

http://homeric-compounds.scienzeumanistiche.eu/

PRIN 2008 - Editoria e cultura di interesse ispanico in Sicilia tra Rinascimento e Barocco: catalogazione e approssimazione critica.

Editoria e cultura di interesse ispanico in Sicilia tra Rinascimento e Barocco: catalogazione e approssimazione critica

Resp. Scientifico: Assunta Polizzi

 

Si può dire che tutta la storia della Sicilia medievale e moderna, dall’età del Vespro (1282) fino al passaggio ai Savoia (1711), si svolga nell’orbita delle monarchie iberiche, prima aragonese e poi spagnola. Ciò significa che anche la storia culturale, oltre che economica e sociale, di Sicilia va necessariamente letta alla luce del progetto e della storia culturale, catalana e poi spagnola, che con essa convive in posizione egemone. Campo primario di osservazione è la produzione nella sede vicereale di Palermo, dove l’attività editoriale ha inizio nel 1503 e che procede senza grandi risultati fino al 1582, quando l’opera di diversi tipografi comincia ad assumere un carattere più assimilabile a quello editoriale. Già alla fine del secolo, e per tutto il successivo, tale attività subisce un forte incremento e moltiplica via via la produzione in relazione alle esigenze di un pubblico ormai avvezzo a considerare il libro strumento abituale e necessario.

Molta parte del patrimonio bibliografico relativo all’attività delineata è collocato nelle Biblioteche palermitane, ma è anche in minor parte disperso in altre biblioteche, italiane e straniere. Premesso che la catalogazione delle seicentine di Palermo manca ancora di uno studio soddisfacente, questo Gruppo di ricerca ha creato un database (catalogo digitalizzato) dei testi in lingua spagnola o di interesse spagnolo editi in Sicilia durante il Cinquecento e il Seicento. Grazie ad una convenzione tra il gruppo di ricerca e la Biblioteca Centrale Regionale de Palermo è stato possibile pubblicare nel catalogo le immagini dei frontespizi degli esemplari.

Link al sito del progetto