Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Le attività del Laboratorio di riferimento regionale per la Sicilia Occidentale per l’emergenza Sars-CoV-2 diretto dal prof. Francesco Vitale

16-apr-2020

Il Laboratorio di Riferimento Regionale per la sorveglianza epidemiologica e virologica dei virus influenzali, incardinato presso l’Unità Operativa Complessa di Epidemiologia Clinica del Policlinico Universitario "Paolo Giaccone”, con responsabile il prof. Francesco Vitale dell’Università degli Studi di Palermo è attivamente coinvolto nella gestione della corrente emergenza Pandemica e, nel particolare, nelle attività di sorveglianza epidemiologica e virologica sul Sars-CoV-2 in quanto laboratorio accreditato dall’Istituto Superiore di Sanità afferente alla rete italiana Influnet e riconosciuto come Laboratorio di riferimento regionale per la Sicilia Occidentale per l’emergenza Sars-CoV-2 nella circolare del Ministero della Salute n. 0007922 del 09/03/2020. 

L’attività del Laboratorio consiste nell’analisi molecolare dei tamponi prelevati su casi sospetti di infezione/malattia. Brevemente, l’attività consiste nell’estrarre gli acidi nucleici da cellule umane, prelevate dalla mucosa nasale e faringea, nonché dall’epitelio delle vie respiratorie, tramite lavaggio bronco-alveolare, da sottoporre ad amplificazione tramite RT Real Time PCR, utilizzando le linee guida e le metodiche adottate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dai Center for Diseases Control and Prevention di Atlanta (USA) e non è basata sull’uso di kit commerciali di laboratorio. 

Tale attività viene espletata in raccordo con l’Assessorato Regionale per la Salute ed i Dipartimenti di Prevenzione delle ASP delle province coinvolte. 

Dall’avvio dell’emergenza COVID-19, ad oggi, il laboratorio ha processato circa 7335 tamponi per la ricerca del virus Sars-CoV-2, provenienti da tutte le province della Sicilia occidentale (Agrigento, Caltanissetta, Trapani, Palermo) con 511 positivi. I tamponi provengono dalla popolazione generale e da soggetti ricoverati presso strutture del Servizio Sanitario Regionale (SSR), e sono prelevati su casi sospetti di COVID-19 e loro contatti stretti, nonché sul personale socio-sanitario operante in tutte le articolazioni assistenziali del SSR (Aziende Sanitarie, Aziende Ospedaliere, Strutture Residenziali Assistite, Ambulatori, Rete dell’emergenza-Urgenza, Strutture private accreditate, Assistenza primaria e Continuità assistenziale). 

Il laboratorio opera in regime di h24 ed ha una dotazione organica pari a 7 tra Dirigenti medici e sanitari, 6 tecnici di laboratorio biomedico

In media i tempi di processamento di un campione ammontano a circa 4 ore, ma questo timing risente del volume di tamponi conferiti al Laboratorio.

Il laboratorio è dotato di apparecchiature e tecnologie avanzate nell’ambito dell’attività di sorveglianza e di epidemiologia molecolare, e tra questi si annoverano estrattori automatizzati e amplificatori di acidi nucleici di tecnologia RT Real Time PCR, sequenziatori e analizzatori di materiale genetico (metodo Sanger e WGS).