Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

2131 - STATISTICA PER L'ANALISI DEI DATI

La consultazione delle Parti Sociali è l'attività svolta dal CdS nei confronti di aziende, enti e figure di rilievo nell'ambito del mondo del lavoro interessati alla figura del laureato in Statistica (L-41 e LM-82).

L'obiettivo è avere un confronto al fine di individuare punti di forza e di debolezza dell'offerta formativa in Statistica che, se condivisi, siano da spunto per il miglioramento della stessa offerta.

L'Ateneo di Palermo elabora e propone un questionario unico per tutti i CdS, la cui versione personalizzata con le informazioni dei corsi L-41 e LM-82 è disponibile qui.

Nel mese di dicembre 2016 si è costituito il Comitato di Indirizzo dei Corsi di Laurea e Laurea Magistrale del Dipartimento di Scienze Economiche Aziendali e Statistiche. Il Comitato vede, oltre alla partecipazione del Direttore del Dipartimento e dei Coordinatori dei CdS erogati, anche i componenti riportati nella pagina dedicata del Dipartimento SEAS

Spesso la Commissione Assicurazione Qualità della L-41 incontra gli studenti laureati inseriti nel mondo del lavoro, al fine di avere un riscontro sul confronto tra i saperi trasmessi dal CdS e le conoscenze richieste dal mondo del lavoro. La stessa Commissione si premura di svolgere una ricognizione delle opinioni degli stakeholders con cadenza triennale a partire dall'a.a. 18/19, nel caso in cui non sia stato possibile svolgere incontri ad hoc.

Incontro con il dott. Ruggero Mirto

Il dott. Ruggiero Mirto si è laureato al Corso di Laurea STAD e poi ha conseguito il titolo di Laurea Magistrale in Biostatistica a Milano. L’incontro si è svolto presso l’ufficio del dott. Boscaino ed è stato occasione per ascoltare le esperienze vissute da un neolaureato nel mercato del lavoro. I suoi titoli di laurea gli hanno reso molto facile l’inserimento nel mondo del lavoro, in quanto il contesto italiano sta iniziando a comprendere l’importanza della figura dello Statistico, sia come gestore di dati, sia come analista dei dati.

La sua esperienza inizia a Genova, presso la Valos srl esperta nel campo dei Clinical Trial. Lì lavora come programmatore statistico: il comparto medico/farmaceutico sembra continuare ad essere uno dei principali a richiedere la figura dello statistico. Attualmente lavora presso la Philip Morris International, a Reggio Emilia come Lab Scientific Project Coordinator. In base a quello che ha svolto fino ad ora, ritiene che la conoscenza certificata dei software e dei linguaggi di programmazione statistica siano essenziali, così come la conoscenza della lingua inglese. Avere la possibilità di seguire insegnamenti di Statistica erogati in lingua inglese la ritiene di notevole aiuto per l’allenamento al listening, al reading e allo speaking. 

Incontro con il dott. Rosario Ventimiglia

Il dott. Rosario Ventimiglia è un laureato triennale in STAD che si è immesso subito nel mercato del lavoro. La sua esperienza lo vede trasferirsi al nord e, grazie anche al proprio profilo LinkedIn, essere già contattato dalle aziende. Attualmente lavora come Advanced Consultant presso Capgemini Engineering Italy.

L’incontro si è svolto il 18 novembre 2021 su Instagram, in diretta sul canale ufficiale dei nostri CdS (@statistica_unipa). La sua esperienza vincente si basa sulla conoscenza dei software statistici e dei linguaggi di programmazione. La padronanza di R e di SAS lo ha reso preferibile agli altri laureati provenienti da altri atenei del centro-nord, in quanto l’impianto del Corso di Laurea in STAD gli ha conferito grandi capacità e abilità pratiche. I suoi consigli per lo sviluppo del Corso di Laurea, dato che lui si ritrova adesso anche a selezionare laureati statistici per il loro inserimento in azienda, riguardano essenzialmente i software: oltre ai già menzionati R e SAS, il suo consiglio va verso il linguaggio Python.

Incontro con il dott. Dejan Giuseppe Lucido e Pierpaolo D’Odorico

Il 14 luglio si è svolto un incontro con il dott. Dejan Giuseppe Lucido e con il Pierpaolo D'Odorico. Il primo è un laureato in Scienze Statistiche a UniPa e poi titolare di assegno di ricerca, che attualmente gestisce anche un canale YouTube di divulgazione scientifica/statistica. Il secondo è uno studente magistrale di Statistica all’Università di Padova che gestisce il profilo Instagram di DataPizza, dedicato alla informazione sulla Data Science e al mondo del lavoro. Entrambi contano migliaia di follower. L’incontro è stato anche trasmesso in diretta sul canale Instagram dei Corsi di Laurea STAD e STAT (@statistica_unipa).

Durante quasi un’ora di racconti ed esperienze sulla loro attuale attività di statistici e di contatto, diretto o indiretto, con il mondo del lavoro sono emersi alcuni spunti interessanti circa la formazione triennale e magistrale di un moderno e attuale laureato in Statistica. Tra questi, si segnalano i) le conoscenze di programmazione trasversale, ovvero la conoscenza di software e linguaggi di programmazione differenti tra loro in quanto ognuno con le proprie peculiarità; ii) la necessità di un bilanciamento tra insegnamenti teorici e attività pratiche; iii) l’attenzione costante alle richieste del mercato del lavoro che, attualmente, richiede elevato senso pratico.

Consultazione Parti Sociali 2017

Nel corso del 2017 il Coordinatore del CdS STAD, insieme ai componenti della Commissione AQ, ha stabilito contatti con l'azienda SAS Institute, leader nel mercato dei software statistici per le aziende, e mantenuto quelli con i propri laureati. Questi contatti, sia via email, videoconferenza o personali, hanno indotto la revisione dell'Offerta Formativa del CdS L-41 e LM-82. In particolare, per il Corso di Laurea STAD la collaborazione ha permesso di stabilire una partnership con l'azienda SAS affinché gli studenti che si immatricolano a partire dall'a.a. 18-19 conseguiranno contestualmente al titolo di laurea anche il SAS® Undergraduate joint certificate in Data Analysis. L'abilità nell'uso di tale software è altamente apprezzata dalle aziende di tutto il mondo che vogliono essere competitive sul mercato. Pertanto, la certificazione SAS® conferisce al laureato in Statistica per l'Analisi dei Dati un ulteriore valore aggiunto alle conoscenze e competenze già apprezzate dal mercato del lavoro.

Approfondisci il tema del SAS® Undergraduate joint certificate in Data Analysis.

Consultazione Parti Sociali 2016

Nei Rapporti 2016, le CPDS evidenziano che dalle ultime consultazioni avviate (da ottobre 2015) dal CICS emerge che i portatori di interesse intervistati, in gran parte diversi da quelli dell’anno precedente, hanno ritenuto gli obiettivi formativi del CdL pienamente corrispondenti alle esigenze del mercato del lavoro. Le CPDS, quindi, non ritengono necessario procedere con una nuova consultazione con i portatori di interesse, in quanto l’offerta formativa 2015-2016 e 2016-2017 è stata definita prendendo in considerazione le indicazioni ed i suggerimenti degli stessi. 

Consultazione Parti Sociali 2015

La consultazione delle parti sociali è stata condotta a partire da metà ottobre 2015.

Quest'anno il questionario proposto dall'Ateneo è stato snellito e, per questo CdS, reso disponibile e compilabile online, attraverso la piattaforma Google Moduli. Questo da un lato ha il vantaggio di facilitare la somministrazione del questionario, dall'altro il caricamento dei dati per la loro elaborazione.
Per garantire un'alternanza delle Parti Sociali coinvolte, il questionario è stato inviato a soggetti/enti in larga parte differenti rispetto a quelli dell'anno precedente: in totale sono stati contattati 11 referenti di altrettante aziende che operano anche nell'ambito della statistica ai vari livelli territoriali (da provinciale a internazionale).
Le aziende coinvolte sono:
OCSE - Paris
Ismett - Palermo
Istituto zooprofilattico di Palermo
Ufficio Statistica del Comune di Palermo
SOSE - Soluzioni per il Sistema Economico Spa - Roma
Ufficio statistiche della Procura di Palermo
Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia
Dipartimento di Discipline Chirurgiche, Oncologiche e Stomatologiche - UniPa
Dell'Oglio s.p.a.- Palermo
Unicredit - Palermo
Observatory on Tourism in the European Islands - Palermo


Al 13/01/2016, sono stati compilati 7 questionari.

Per quasi la totalità dei casi si è trattato di aziende di grandi dimensioni e che operano almeno sul territorio nazionale e internazionale e che hanno avuto contatti con l'Ateneo palermitano. Queste sono aziende che nella maggior parte dei casi, per quanto riguarda l'inserimento in azienda di un neoassunto (domanda A.4), considerano molto importanti la conoscenza della lingua inglese, dell'informatica e della statistica.

Per quanto riguarda i commenti specifici sulla L-41, in 5 casi su 7 le aziende hanno ritenuto gli obiettivi formativi dichiarati dal CdS almeno abbastanza adeguati alle esigenze del settore in cui l'azienda stessa opera, così come le abilità/competenze fornite dallo stesso CdS.
I punti di forza attribuiti al CdS riguardano in 6 casi la preparazione di base di tipo statistico fornita agli studenti (il caso rimasto invece dichiara "lo stage"); mentre per quanto riguarda le aree da migliorare, le osservazioni più pertinenti sottolineano l'esigenza di una maggiore attenzione all'applicazione con software statistici, il potenziamento della lingua inglese e il taglio forse troppo aziendalista (mancando invece insegnamenti di macroeconomia e di econometria). Infine si segnala anche l'esigenza di formare maggiormente gli studenti alla scrittura di testi scientifici.

Per quanto riguarda i commenti specifici sulla LM-82, tutti i referenti di azienda hanno ritenuto gli obiettivi formativi dichiarati dal CdS almeno abbastanza adeguati alle esigenze del settore in cui l'azienda stessa opera, così come le abilità/competenze fornite dallo stesso CdS (ad eccezione di un'azienda che invece segnala 'poco')..
I punti di forza attribuiti al CdS riguardano la conoscenza statistica-metodologica impartita, l'approccio critico, l'attività di stage; mentre per quanto riguarda le aree da migliorare, si evidenzia la necessità di legare l'apparato conoscitivo statistico a quello informatico (troppo legato al solo software R). Si sottolinea la necessità di diffondere nozioni di linguaggio di gestione dei database (MySqL, Access, Oracle..) più richiesti nel mondo del lavoro. 

Consultazione Parti Sociali 2014

Per l'a.a. 2014/2015, la consultazione delle parti sociali è stata condotta a dicembre 2014. Il questionario proposto dall'Ateneo è stato inviato via email a 13 referenti di altrettante aziende che operano anche nell'ambito della statistica ai vari livelli territoriali (da provinciale a internazionale) e due lavoratori autonomi.


Le aziende coinvolte sono:
Ismett
Istituto zooprofilattico di Palermo
Ufficio Statistica della Regione Sicilia
ISTAT Palermo
Banca Intesa San Paolo
DOXA
SOSE
Dipartimento di Ematologia, Ospedale Cervello di Palermo
Istituto Granoduro
Telecom Italia
Assessorato all'Agricoltura del Comune di Palermo
Camera di Commercio di Trapani
G.A.L. Metropoli EST

Al 31/01/2015 solo 7 questionari sono stati compilati e ri-trasmessi.
Per quasi la totalità dei casi si è trattato di aziende di grandi dimensioni e che operano almeno sul territorio nazionale. Queste sono aziende che nel 98% dei casi, per quanto riguarda l'inserimento in azienda di un giovane (domanda B.10), considerano almeno "abbastanza" importanti tutti gli aspetti legati al possesso di laurea e di una specializzazione post-laurea, alla conoscenza informatica e di almeno una lingua (tutti indicano l'inglese, solo due anche il francese e solo una anche il tedesco), all'esperienza lavorativa e/o di stage precedente, alla predisposizione ai rapporti interpersonali e alla flessibilità negli orari di lavoro. Solo un'azienda su sette dichiara che la laurea triennale sia un requisito sufficiente all'assunzione (B.6, nei restanti casi è richiesta la laurea magistrale), così come il periodo all'estero e lo stage in azienda (attività ritenute utili da 6 e 5 aziende rispettivamente, D.2).

Per quanto riguarda i commenti specifici sulla L-41, 6 aziende ritengono che gli obiettivi formativi dichiarati siano “abbastanza” adeguati alle esigenze del mercato del lavoro (A.1), suggerendo che l'insegnamento di un software specifico statistico (come il SAS) possa essere un valore aggiunto e che si debba dare più attenzione al fornire competenze e praticità agli studenti (A.2). Ad ogni modo, le competenze che il CdS dichiara di voler trasmettere agli studenti sono ritenute almeno “abbastanza” adeguate per ben 5 aziende (A.3). Non tutte le aziende sono concordi nell'approfondimento degli aspetti economici: se alcune dichiarano che si debba insegnare più econometria, altre dichiarano che nel CdS si dà troppo spazio all'economia (A.4). Infine, si suggerisce un periodo di attività con le aziende, ulteriore a quello previsto dal tirocinio curriculare. 

Per quanto riguarda i commenti specifici sulla LM-82, 2 aziende dichiarano che gli obiettivi formativi del CdS sono “del tutto” adeguati alle esigenze del mercato del lavoro, 4 che lo sono “abbastanza” e solo 1 azienda dichiara “poco” (A.5). Quest'ultima ribadisce il suggerimento, già espresso per la L-41, riguardo all'insegnamento del software SAS (A.6). Quasi tutte le aziende indicano che anche le competenze che il CdS dichiara di voler trasmettere agli studenti sono “abbastanza” adeguate al mercato del lavoro (A.7). Le restanti le ritengono “poco” adeguate e suggeriscono, in due casi, di approfondire l'aspetto econometrico, di svolgere attività con le aziende oltre al tirocinio curriculare e l'attenzione alla gestione dei dataset e al software SAS (A.8).


N.B. L'Ateneo di Palermo elabora e propone un quetsionario unico per tutti i CdS, la cui versione personalizzata con le informazioni dei corsi L-41 e LM-82 adottata per questa rilevazione è disponibile qui.