Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Scienze Economiche, Aziendali e Statistiche

Startup sull'Economia Circolare creata da un laureato magistrale del DSEAS selezionata per partecipare alla Scuola D’Impresa di ENI

20-gen-2023

Fooduro


Fooduro, questo il nome della Startup sull’Economia Circolare di cui fa parte il Dott. Francesco Giallombardo, laureato in Scienze Economiche presso il DSEAS di Unipa, che è stata selezionata da Eni per la partecipazione ad un programma di idea validation che andrà ad approfondire le seguenti aree: analisi di mercato e individuazione del target di riferimento, value proposition,  business model canvas, go to market strategy e pretotyping. 

Il programma Joule Discovery Lab di Eni ha come obiettivo quello di offrire strumenti per acquisire maggiore consapevolezza dei propri obiettivi imprenditoriali e renderli concreti, in ottica di transizione energetica, economia circolare e decarbonizzazione.

Fooduro è una startup che ha l’obiettivo di rendere circolare il settore del food delivery tramite un packaging sostenibile e riutilizzabile. Si compone oltre al Dott. Francesco Giallombardo di altri 2 componenti: la Dott.ssa Giulia Lamattina, laureata in Ingegneria Chimica e Biochimica dell’Università degli studi di Palermo, l’Ing. Ambientale Simone Taranto, Project Manager bolognese con esperienza pluriennale nella gestione di progetti complessi nel settore petrolchimico.

Già stata finalista alla StartCup Catania ed alla StartCup Sicilia il team ha anche partecipato lo scorso dicembre al PNI - Premio Nazionale per l’Innovazione che è la business plan competition più importante d'Italia, in cui si sfidano i progetti innovativi che hanno superato la selezione delle Start Cup, business plan competition regionali collegate alle Università italiane e agli Enti di Ricerca Pubblici associati a PNICube. Fooduro è stata inoltre recentemente selezionata per Astraincubator, il primo programma di incubazione italiano pensato per mettere in contatto aspiranti innovatori e costruire team multidisciplinari.