Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

2025 - INGEGNERIA CHIMICA

Stakeholders

Il Corso di Studi aderisce agli incontri con i portatori di interesse organizzati dal Gruppo di Ingegneria Chimica dell'Università (GR.I.C.U.) a cui partecipano numerosi Coordinatori di Corsi di Studio di Ingegneria Chimica italiani e vengono invitate importanti aziende che assumono ingegneri chimici. La prima consultazione è avvenuta a Roma il 28/11/2017 con rappresentanti di KT, una grande società di ingegneria che assume ingegneri chimici prevalentemente magistrali. Una seconda il 10/7/2018 a Napoli con Novartis, una terza il 21/1/2019 a Torino con Solvay ed una quarta a Padova il 2/12/2019 con Versalis.

Tutte queste società sottolineano di avere bisogno di figure professionali con una buona preparazione tecnico-scientifica orientate all'analisi e soluzione di problematiche complesse.

KT ha trasmesso la sensazione che il ciclo unico conferisse una maggior maturità ai laureati che erano in grado di gestire meglio le complessità/difficoltà seppur in presenza di una preparazione meno all'avanguardia dell'attuale.

Solvay ha spiegato che i suoi criteri di selezione sono particolarmente sfidanti perché la multinazionale cerca in Italia figure professionali, esclusivamente dotate di laurea magistrale, con una forte preparazione tecnico-scientifica abbinata a doti intellettuali ed emotive che permettano al futuro dipendente di affrontare e risolvere problemi complessi in tempi rapidi.

Un dato interessante fornito da Solvay è che la seconda sede italiana che fornisce più ingegneri chimici magistrali neo-laureati alla multinazionale è proprio l'Università di Palermo. Questo dato farebbe pensare che l'organizzazione del corso di studio promuova la maturazione di profili con solida preparazione tecnico-scientifico sebbene il CdS sia consapevole che il mantenimento di una elevata efficacia formativa sia un processo dialettico che richiede continue verifiche ed aggiustamenti.

I rappresentanti di Versalis a Padova hanno dichiarato che riscontrano nei neoassunti una ritrosia ad affrontare problematiche del tutto nuove rispetto a quelle incontrate durante il percorso di studi. Raccomandano il potenziamento del pensiero critico e delle capacità di risoluzione dei problemi.

I verbali degli incontri organizzati dal GR.I.C.U. sono consultabili nei documenti allegati.