Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

"Verità per Giulio Regeni" - la mozione di UniPa

Quattro anni fa è stato torturato, seviziato e ucciso in Egitto Giulio Regeni, dottorando italiano dell’Università di Cambridge, a causa del suo lavoro di ricerca sul ruolo dei lavoratori nella rivoluzione nell’era post-Mubarak e sul ruolo dei sindacati autonomi.

La sua storia ha colpito profondamente la comunità accademica mondiale e palermitana.

Dopo gli avvisi di chiusura delle indagini da parte della procura di Roma, l’Università degli Studi di Palermo si unisce alla dura condanna nei confronti dell’operato delle autorità egiziane e alla richiesta di giustizia della famiglia e invita i docenti dell’Ateneo a iniziare le lezioni ricordando la figura di Giulio Regeni e i valori irrinunciabile della libertà d’insegnamento e di ricerca e della ricerca della giustizia.

Il Consiglio di Amministrazione dell'Università di Palermo decide, inoltre, di inserire nella homepage del Portale UniPa il banner "Verità per Giulio Regeni” e rinnova la solidarietà e il sostegno per Patrick Zaky detenuto al Cairo e la condanna per tutti gli altri casi di lesione del diritto allo studio e alla ricerca.