Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Struttura di Raccordo e Consiglio di Scuola

5-set-2018

Dal 1° gennaio 2014 vengono aboliti i Centri Servizi Generali delle ex Facoltà e vengono costituite le Strutture di raccordo delle Scuole cui è affidato il coordinamento e la razionalizzazione dei Corsi di Studio afferenti alle Scuole.

Ciascuna struttura di raccordo viene governata dal Consiglio della Struttura di raccordo che svolge un ruolo primariamente strategico, orientato a sollecitare sinergie e razionalizzazioni nell'attività didattica tra i Dipartimenti che lo costituiscono.

Sono competenze del Consiglio:

  1. il coordinamento e la relativa proposta di attivazione e soppressione dei corsi di studio al Consiglio di Amministrazione sulla base delle delibere provenienti dai Dipartimenti;
  2. il coordinamento e la razionalizzazione del conferimento dei compiti didattici ai docenti, nel rispetto della qualità e della valutazione dell'offerta formativa e sulla base delle indicazioni dei corsi di studio e dei Dipartimenti interessati;
  3. la gestione dell'organizzazione dei servizi comuni e dell'attività amministrativa e di supporto alle attività promosse dalla Struttura di raccordo;
  4. l'istituzione di commissioni permanenti o a tempo determinato per problematiche strategiche o progetti specifici; i componenti di suddette commissioni possono non far parte del Consiglio della Struttura di raccordo;
  5. l'indicazione ai Dipartimenti di specifiche esigenze didattiche ai fini dell'elaborazione delle proposte legate al reclutamento e l'enunciazione al Consiglio di Amministrazione di un parere, relativo all'impegno didattico, sulle proposte di reclutamento dei docenti. Il parere tiene conto della programmazione della Struttura di raccordo in relazione alla razionalizzazione dell'offerta formativa e allo sviluppo delle scuole o delle tematiche individuate nel piano strategico di Ateneo;
  6. le procedure di autovalutazione dell'offerta didattica della Struttura di raccordo, tenuto conto dei criteri di valutazione ministeriali e adottati in Ateneo.

Il Consiglio è composto:

  • dal Presidente;
  • dai Direttori dei Dipartimenti afferenti;
  • dai Coordinatori dei Corsi di Studio afferenti (compreso il Direttore della Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali) ;
  • da una rappresentanza di docenti;
  • da una rappresentanza degli studenti afferenti alla Struttura di Raccordo.

  

Fino al 31/12/2013

Le Facoltà (abolite al 31/12/2013) confluiscono nelle costituende Scuole: erano le strutture preposte alla programmazione, organizzazione, gestione e coordinamento delle attività didattiche (lezioni ed esami) per il conseguimento dei titoli alla conclusione dei corsi di studio (Laurea, Laurea Specialistica, Laurea magistrale, Master). Di seguito sono elencati gli Organi della Facoltà.

Presidi (decaduti al 31/12/2013) rappresentavano le Facoltà nei rapporti con l’esterno, erano responsabili della gestione delle Facoltà, coordinavano l’attività dei Consigli di Corso di Studio, assicurando il regolare svolgimento di tutte le attività didattiche e organizzative che facevano capo alle Facoltà.

Consigli di Facoltà (decaduti al 31/12/2013), organi di governo delle Facoltà,  svolgevano molte funzioni tra cui: controllo del regolare ed efficace  svolgimento dell’attività didattica; coordinamento dei mezzi e delle attrezzature per lo svolgimento delle  attività didattiche; programmazione annuale della didattica, ecc. 

Le Giunta di Presidenza (decadute al 31/12/2013), organi preposti allo svolgimento di compiti di ordinaria amministrazione, o delegati dal Consiglio, quali: gestione delle procedure relative alla ricognizione e alla copertura degli insegnamenti scoperti; modifiche tecniche al Manifesto degli Studi approvato dal Consiglio. 

Delegati dei Presidi (decaduti al 31/12/2013), docenti delle Facoltà referenti per la gestione di particolari strutture e/o risoluzione di specifiche problematiche.