Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

STUDENTI/Accesso ai corsi di Laurea Magistrali in “Medicina” e “Odontoiatria”

3-set-2013

Per i Corsi di Laurea Magistrali in “Medicina e Chirurgia” e “Odontoiatria” quest’anno la programmazione è nazionale (stabilita mediante una concertazione tra il MIUR e il Ministero della Salute) e per l’A.A. 2013/14 l’Ateneo di Palermo ha avuto una assegnazione ministeriale pari a 405 posti (340 nella sede di Palermo e 65 in quella di Caltanissetta) per “Medicina e Chirurgia” e 25 posti per “Odontoiatria”. Quest’anno sono ulteriormente cambiate le regole di partecipazione al concorso. “In base alle nuove disposizioni normative – afferma il Prorettore Vicario Vito Ferro - l’Ateneo di Palermo non gestirà più da solo il concorso per l’accesso ai Corsi di Laurea in “Medicina e Chirurgia” e in “Odontoiatria”. Il MIUR, dopo una sperimentazione effettuata nello scorso anno accademico, ha deciso di confermare una graduatoria unica per i due Corsi di Laurea in “Medicina e Chirurgia” e in “Odontoiatria” ma ha anche stabilito che la graduatoria sarà stilata non per singoli Atenei ma sarà unica sul territorio nazionale. Particolari misure di sicurezza saranno adottate per garantire lo svolgimento del concorso per l’ammissione ai Corsi di Laurea in “Medicina e Chirurga” e in “Odontoiatria” tenuto conto del numero elevato di candidati (3.574) e della necessità di garantire le medesime condizioni di svolgimento della prova sull’intero territorio nazionale. “I candidati al concorso per l’ammissione ai Corsi di Laurea in “Medicina e Chirurga” e in “Odontoiatria” - ricorda Vito Ferro - sono tenuti a presentarsi, muniti di un documento di identità in corso di validità, alle ore 8.00 presso le rispettive sedi di assegnazione (già pubblicate sul portale Unipa) per lo svolgimento della prova, per le procedure di identificazione ed avviamento alle aule. È fatto divieto ai candidati di introdurre nell’aula borse, zaini, libri, appunti, carta, telefoni cellulari, palmari e altri strumenti elettronici; i predetti oggetti, dovranno essere depositati, prima dell’inizio del concorso, in luoghi esterni alla sede del concorso di cui non si garantisce la custodia. La Commissione non risponderà dell’eventuale furto o smarrimento. Il candidato che durante lo svolgimento della prova venga trovato in possesso di taluno dei suddetti oggetti sarà immediatamente allontanato dall’aula ed escluso dalla selezione”. Il Prof. Ferro precisa, infine, che il Presidente della Commissione, su segnalazione del personale d’aula addetto alla sorveglianza, richiamerà i candidati che tenteranno di comunicare tra di loro e disporrà l’allontanamento dall’aula di coloro che tenteranno di contravvenire alle regole di svolgimento della prova. “Raccomando - ricorda il Prorettore Vicario - agli aspiranti studenti di leggere con estrema attenzione sia il Decreto Ministeriale su “Modalità e contenuti delle prove di ammissione ai corsi di laurea ad accesso programmato a livello nazionale A.A. 20123/2014”, pubblicato sul sito MIUR alla sezione “Università”, sia i bandi di concorso emanati, per ciascun corso di studio, dall’Ateneo di Palermo”. Ovviamente per l’A.A. 2013/2014 non sono possibili immatricolazioni di studenti oltre i 10.017 posti disponibili e, pertanto, non sarà possibile trovare alcuna collocazione per chi non conquista uno dei posti messi a concorso. “Non potrà essere data alcuna possibilità a chi non riesce a collocarsi in graduatoria per l’accesso dato che - continua Vito Ferro - non esistono nell’offerta formativa dell’Ateneo palermitano per l’A.A. 2013/14 corsi di Laurea ad accesso libero. Pertanto, raccomando agli aspiranti studenti di prepararsi adeguatamente e di vagliare con attenzione più possibilità di accesso”.