Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Programma Diritto Processuale Civile a.a. 2019/2020 (e anni precedenti) e libri di testo. Laurea Magistrale, Lettere A-E- prof. Salvatore Ziino

11-nov-2019

Il Corso di diritto processuale civile, che ha durata annuale, ha ad oggetto lo studio dei principi costituzionali sul processo civile, cenni sull’ordinamento giudiziario, cenni di informatica giuridica, lo studio delle fonti, i quattro libri del codice di procedura civile e le principali leggi collegate, comprese le disposizioni del codice civile sulla tutela giurisdizionale dei diritti.

Sono escluse dal programma la mediazione e la negoziazione assistita.
 
Sono pure esclusi dal programma alcuni procedimenti speciali regolati dal libro quarto del codice di procedura civile. In particolare sono esclusi gli istituti regolati dall’art. 706 all’art. 736 bis; dall’art. 743 all’art. 805; dall'art. 840 bis all'art. 840 sexies.
Dal quarto libro del codice di procedura civile, pertanto, vanno studiati:
- i procedimenti sommari e cautelari;
- il procedimento sommario di cognizione;
- i procedimenti in camera di consiglio;
- l’arbitrato.

Gli studenti che sostengono l'esame da 15 crediti (Diritto processuale civile e infrmatica giuridica) sono compresi cenni di informatica giuridica, che saranno trattati durante le lezioni e riguardano: la posta elettronica certificata; le notificazioni a mezzo PEC; i depositi telematici; cenni sulle firme elettroniche.

 
Testi consigliati: si consiglia di seguire il corso di lezioni. E' possibile utilizzare qualsiasi manuale aggiornato.
Si segnalano i seguenti testi, di recente pubblicazione: Picardi, Manuale di dritto processuale civile, 2019; Monteleone, Manuale di Diritto Processuale Civile, Padova (Cedam); Ricci, Diritto Processuale Civile, Torino (Giappichelli); Mandrioli - Carratta, Diritto processuale civile, Torino (Giappichelli).

Per lo studio della materia è necessario usare un codice di procedura civile aggiornato, contenente pure la Costituzione e le principali leggi complementari.

È opportuno che lo studente utilizzi un manuale di diritto privato per ripassare alcuni istituti fondamentali per lo studio del Diritto processuale civile.
 
Non occorre utilizzare codici commentati ed esplicati: per lo studio della materia è sufficiente un buon manuale. Inoltre i codici commentati o esplicati non consentono allo studente di comprendere e di visualizzare i collegamenti tra i singoli articoli del codice. Per lo studente che voglia utilizzare questo strumento didattico per approfondire singoli argomenti, segnalo il Codice di procedura civile ragionato a cura di Carratta, editore Neldiritto.

Palermo, 1 ottobre 2019.

Prof. Salvatore Ziino