Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Personal and community story telling in tempi di Covid-19

22-apr-2020

19602-pdf




Obiettivo della ricerca: nello stato di emergenza sociale determinata dalla pandemia da COVID 19 il Community Psychology Lab del Dipartimento (Studi Umanistici dell’Università Federico II di Napoli) ha promosso una ricerca sul livello di benessere del Paese in tali circostanze. Ciò al fine di individuare linee guida per l’emergenza, promuovere buone pratiche di supporto e resilienza istituzionale e relazionale, nonché individuare possibili elementi di sofferenza e disagio su cui intervenire.

Metodologia: la novità delle circostanze ha suggerito l’uso di metodologie qualitative per la documentazione dell’esperienza vissuta nel Paese. Il lavoro si svolge attraverso una esercitazione di personal and community story telling per la raccolta dati esperienziali diretta a significare emozioni, pensieri, azioni ed eventi peculiari dell’esperienza di obbligata reclusione domestica.

Partecipanti: studenti di corsi di laurea di area umanistica, frequentanti al momento della rilevazione i corsi di discipline psicologiche, il cui approccio fosse chiaramente riferito alla Psicologia di comunità.

Durata:

Step 1: dal 20 al 31 marzo 2020.

Attività

La ricerca ha utilizzato un questionario con domande aperte e chiuse per raccogliere le testimonianze di vita domestica dei partecipanti. Il questionario è stato compilato mediante accesso a un form elettronico del quale è stato pubblicato il link nel periodo di tempo su indicato, corrispondente al momento di maggiore impatto del lockdown. Al momento la compilazione è chiusa e la ricerca è in fase di analisi dei dati.

La ricerca ha ottenuto in data 18.3.2020 parere favorevole del Comitato Etico della Ricerca Psicologica del Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, attestandone la conformità alle norme etiche e la tutela dei partecipanti.

Proponente, coordinatrice e responsabile scientifico del progetto di ricerca è Caterina Arcidiacono dell’Università Federico II di Napoli (caterina.arcidiacono@unina.it).

Altre università partner sono: Università di Palermo, Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano, Università di Firenze, Università di Torino, Università di Genova.

Per l’Università di Palermo è referente scientifico Cinzia Novara (cinzia.novara@unipa.it)