Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Il Dipartimento SteBiCef di UniPa negli scavi paleoantropologici alla Grotta di San Teodoro ad Acquedolci con la supervisione del prof. Luca Sineo

Il prof. Luca Sineo, Ordinario al Dipartimento SteBiCeF- Scienze e Tecnologie Biologiche Chimiche e Farmaceutiche dell’Università degli Studi di Palermo, è il responsabile scientifico della campagna di survey e saggio paleoantropologico presso la Grotta di San Teodoro ad Acquedolci (Messina). 

“Il sito di San Teodoro è la più antica e consistente evidenza paleoantropologica della Sicilia, - dichiara il prof. Sineo - cronologicamente datata all’Epigravettiano finale. Gli scavi condotti da Paolo Graziosi tra il 1937 e il 1942 portarono alla scoperta di sette inumazioni preistoriche. Se gli scavi paleontologici del sito, sede di un importante giacimento di fauna pleistocenica, sono stati condotti fino al 2006 dall’Università di Messina e dall’Università di Palermo, gli scavi paleoantropologici non sono più stati riattivati fino a questo survey”. 

Le attività, autorizzate dalla Direzione del Parco archeologico di Tindari, si svolgono sotto l’egida del Parco stesso, del Comune di Acquedolci, dell’Ente Parco dei Nebrodi e della Soprintendenza BB.CC. di Messina.