Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

I ricercatori del Dipartimento STEBICEF all’VIII edizione di “Arte e(‘) Scienza”

I ricercatori del Dipartimento STEBICEF-Scienze e Tecnologie Biologiche Chimiche e Farmaceutiche dell’Università degli Studi di Palermo e i colleghi dell’Istituto dei Processi Chimico Fisici del CNR di Messina hanno collaborato alla realizzazione dell’ottava edizione di “Arte e(‘) Scienza”, iniziativa di divulgazione sul ruolo delle indagini scientifiche per lo studio delle opere d’arte e dei reperti archeologici.

La manifestazione, promossa dall’Associazione Italiana di Archeometria (AIAr), si è svolta al Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria e al Museo Archeologico Regionale Lilibeo di Marsala, con il coinvolgimento degli studenti delle scuole secondarie superiori del territorio.

Durante le giornate di studio i ricercatori hanno illustrato ai partecipanti l’apporto dell’indagine scientifica nella diagnostica e nella conservazione del patrimonio archeologico, realizzando delle dimostrazioni pratiche con l’applicazione di tecniche non invasive sui beni archeologici mediante apparecchiature portatili. A tale scopo nei due musei sono stati allestiti veri e propri laboratori di spettroscopia e di ricostruzione tramite laser scanner per lo studio di alcuni importanti reperti archeologici, quali - ad esempio -  gli specchi della necropoli di Locri epizefiri e i chiodi della Nave punica di Marsala.