Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

EVENTO/Proposte correttive al Codice antimafia al Ministro della Giustizia

17-feb-2012

L'Osservatorio su Confisca, amministrazione e destinazione dei beni e delle aziende, costituito dal Dipartimento D.E.M.S. dell'Università di Palermo, in collaborazione con la Fondazione Progetto legalità in memoria di Paolo Borsellino, con i Tribunali di Milano e Palermo e con la Procura nazionale antimafia, sabato 18 febbraio 2012 presenterà al Ministro della Giustizia Paola Severino le prime proposte correttive al Codice antimafia. L’incontro avrà luogo presso l’Aula Magna della Facoltà di giurisprudenza alle ore 9.30.
Saranno illustrate alcune soluzioni emendative del Codice antimafia suscettibili di rientrare nell'ambito della delega prevista dall'art. 4 della l. 13 agosto 2010 n. 136 (Piano straordinario contro le mafie) ed elaborate dall'Osservatorio in collaborazione con le sezioni Misure di prevenzione dei tribunali di Milano, Palermo, Roma e Napoli.
Parteciperanno ai lavori Antonio Scaglione, preside della Facoltà di Giurisprudenza di Palermo, Gabrio Forti, preside della Facoltà di Giurisprudenza della Università Cattolica di Milano e Giovanni Fiandaca, direttore del Dipartimento D.E.M.S. Interverranno Giuliana Merola, presidente Sez. Misure di prevenzione del Tribunale di Milano, Silvana Saguto, presidente Sez. Misure di Prevenzione del Tribunale di Palermo, Giovanbattista Tona, Anm Caltanissetta - Fondazione Borsellino; Edmondo Bruti Liberati, procuratore di Milano; Sergio Lari, procuratore di Caltanissetta; Guido Lo Forte, procuratore di Messina; Francesco Messineo, procuratore di Palermo; Giuseppe Pignatone, procuratore di Reggio Calabria; Giovanni Salvi, procuratore di Catania; Roberto Scarpinato, procuratore generale di Caltanissetta.
Nel contesto della mattinata saranno inoltre consegnati dal Rettore dell'Università di Palermo Roberto Lagalla, dal Procuratore nazionale antimafia Pietro Grasso e dal Direttore dell'ANBSC Giuseppe Caruso i diplomi di partecipazione alla II edizione del Corso di Alta formazione in amministrazione e destinazione dei beni confiscati.