Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

DISATTIVAZIONE CALCOLO INAIL SU CONTRATTI DI CO.CO.CO. GRATUITI

12-ago-2020

Il Cineca ci comunica che:

" ... a seguito degli approfondimenti fatti, si comunica che si è deciso di inibire in CSA e UGOV CMI dal 1 gennaio 2021 il calcolo dell’INAIL tutto a carico del sostituto d’imposta per i contratti di collaborazione coordinata e continuativa a titolo gratuito, fattispecie che riguardava in modo particolare gli incarichi di insegnamento gratuiti.

Infatti dalle verifiche fatte, ci risulta che l’INAIL non abbia cambiato la propria posizione, secondo la quale la copertura assicurativa INAIL è dovuta solo dove la collaborazione sia a titolo oneroso.

Il predetto calcolo era stato attivato a seguito della posizione espressa dal Ministero del Lavoro con la risposta ad interpello di una Università del 10 Luglio 2009 prot. n. 54 con la quale era stato precisato che laddove gli incarichi di insegnamento venissero ricondotti ai rapporti di lavoro autonomo con contratti stipulati in forma di collaborazione coordinata e continuativa (ex art. 409, n. 3 c.p.c.), nonché di lavoro a progetto (ex art. 61, comma 1, del D.Lgs. n. 276/2003):

1)       è obbligatoria la comunicazione unificata (D.I. 30 ottobre 2007) di assunzione al Centro per l’impiego dal momento che si fonda esclusivamente sulla tipologia contrattuale di assunzione del lavoratore, a prescindere dalla circostanza che il rapporto di lavoro sia svolto in forma retribuita o a titolo gratuito;

2)       è obbligatoria l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro conferiti nella forma della collaborazione coordinata e continuativa (ovviamente sussistendo i rischi previsti dall’art. 1 del D.P.R. n. 1124/1965).

Da ciò si era ipotizzato che per queste fattispecie di rapporti, fosse dovuto il pagamento del premio INAIL, determinato sulla base del minimale previsto per la gestione dei lavoratori parasubordinati, tutto a carico del sostituto d’imposta.

L’orientamento espresso dal Ministero del Lavoro ebbe sostanziale conferma per ciò che concerne l’obbligo di comunicazione al Centro per l’Impiego, ma trovò un diverso e contrario orientamento da parte dell’INAIL con la nota operativa della Direzione Centrale rischi INAIL del 2 Ottobre 2009 diramata attraverso la Direzione Regionale INAIL del Veneto (nota del 8 Gennaio 2010), che ci risulta non sia mai stata rettificata. In tale nota si afferma che:

-         per ricondurre i contratti in esame alla fattispecie prevista dall’art. 5 del Decreto legislativo 38/2000 è necessario che gli stessi vengano a determinarsi in modo oneroso al fine di far sussistere il reddito su cui si basa il pagamento del contributo;

-         è tuttora applicabile l’indirizzo fornito dall’INAIL con la circolare n. 32/2000 ove, al punto 1.2, lettera d), si è affermato l’inesistenza dell’obbligo assicurativo INAIL in presenza di rapporti a titolo gratuito.

L’INAIL all’epoca subordinò l’efficacia di tale nota all’assenza di eventuale conferma dell’obbligo da parte del Ministero del Lavoro, riservandosi in tal caso di diramare ulteriori istruzioni.

Nel dubbio, su richiesta di alcuni Enti, in CSA/Ugov vennero rilasciate le funzionalità per permettere, a chi lo ritenesse necessario, di gestire tale calcolo del premio INAIL per gli incarichi di insegnamento gratuiti.

A distanza di più di 10 anni però non è stata pubblicata alcuna rettifica da parte di INAIL, né sono stati imposti ulteriori obblighi da parte del Ministero del Lavoro.

Ci risulta inoltre che la maggior parte delle sedi INAIL provinciali confermino l’approccio dell’INAIL centrale e non accettino questo tipo di versamenti.

Alla luce di tutto ciò, come si diceva, abbiamo deciso di disattivare il calcolo dell’INAIL su contratti gratuiti dal 2021.

Se ci fosse qualche Ente che invece ritenga necessario mantenere le suddette funzionalità, ce ne deve dare comunicazione, argomentandone le motivazioni, entro il 30/09/2020. In base alle motivazioni addotte, ci riserveremo di fare una opportuna valutazione per capire se debbano essere gestite delle eccezioni.

Siamo a disposizione per eventuali chiarimenti

Servizio Sviluppo e Supporto Area Payroll "