Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

CELEBRAZIONE/Cus Palermo, da 65 anni per lo sport

2-nov-2012

Il Centro Universitario Sportivo di Palermo festeggia i 65 anni dalla sua fondazione. Era il 1947 quando un gruppo di dinamici studenti di Giurisprudenza e Medicina decise la fondazione del Cus, analogamente ad altri studenti nelle varie sedi di università. I primi anni furono davvero difficili. In una città priva di tutto, ancora provata dalla guerra, i giovani dirigenti del Cus si attivarono per garantire l’attività sportiva alle poche migliaia di iscritti all’Università, attraverso convenzioni con palestre e centri sportivi. Ma già all’inizio, all’attività di base per gli universitari, si affiancò quella agonistica, con la partecipazione ai campionati delle varie federazioni sportive. Fino agli anni ’50 il Cus Palermo ha mantenuto una struttura piccola. A metà degli anni ‘60, con Michele Bevilacqua presidente, la prima svolta, con la costruzione della palestra San Saverio. Inizia da allora la scalata del Cus Palermo ai vertici dello sport nazionale. E’ la regina degli sport, l’Atletica, ad assicurare al Cus le più grandi soddisfazioni. Con l’atletica, il Cus diventa una grande società che conquista la serie A1 maschile nel ’78 e lo scudetto nel ’95, con le donne. Nelle scuderie cussine hanno militato alcuni tra i più grandi campioni dell’atletica: da Luigi Zarcone a Margherita Gargano, da Totò Antibo, ai gemelli Selvaggio. E dall’84 il Cus è sempre presente alle Olimpiadi con almeno un atleta. Quest’anno, alle Olimpiadi di Londra, il Cus infatti era presente con la campionessa europea di salto triplo, Simona La Mantia, e con la velocista Manuela Gentili.  Nell’87 Palermo ha ospitato i campionati italiani universitari, un anno dopo i mondiali universitari di tavola a vela, banco di prova delle Universiadi, che il Cus Palermo propone e ottiene dieci anni dopo. E grazie al battage delle Universiadi viene realizzata la cittadella sportiva, fiore all’occhiello dell’Università, che colma un vistosissimo gap dell’impiantistica.
“Impianti già operativi, aperti non solo agli studenti universitari ma a tutta la città – dice il presidente Ignazio Equizzi – e che saranno ulteriormente arricchiti da un’altra palestra comprensiva di spogliatoi e centro servizi. Il progetto c’è già ed è immediatamente cantierabile. L’Università ha fatto la sua parte chiedendo il finanziamento per la realizzazione, ma occorre un ulteriore sforzo da parte di tutti gli enti interessati per completare l’iter. Il Cus Palermo continuerà a premere finchè non sarà realizzata”.
Cinquanta gli atleti del Cus Pa chiamati in nazionale assoluta in 60 anni, Venti le discipline praticate con successo da migliaia e migliaia di giovani, avviati allo sport agonistico.
Per festeggiare questo importante anniversario il Cus Palermo ha chiamato a raccolta tre generazioni di sportivi e i dieci presidenti della sua storia: Paolo Cimino, Nino Rizzuto, Lorenzo Purpari, Antonio Macaluso, Ludovico Ziino, Giacinto Giambalvo, Nino Sanzo, Umberto Bellia, Michele Bevilacqua. Sarà il Rettore dell’Università di Palermo, Roberto Lagalla, insieme al sindaco Leoluca Orlando, ad aprire le celebrazioni per il sessantacinquesimo anniversario, alla cittadella sportiva, domenica 4 novembre alle ore 18 in via Altofonte 80/F. Un libro, curato da Mario Pintagro, design di Michele Giuliano, racconterà l’esaltante esperienza di 65 anni di sport in Sicilia.