Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Al prof. Marcello Ciaccio il “Premio Pater” per il contributo al progresso della Medicina di Laboratorio Italiana

Il prof. Marcello Ciaccio, Presidente della Scuola di Medicina e Chirurgia dell’Università degli Studi di Palermo, ha ricevuto il “Premio Pater per il contributo al progresso scientifico e culturale della Medicina di Laboratorio Italiana.

Il prestigioso riconoscimento è stato conferito a Padova in occasione dell’International Conference on Laboratory Medicine, che ha riunito professionisti provenienti da tutto il mondo.

Al prof. Ciaccio è stato riconosciuto il grande impegno profuso negli studi che hanno contributo alla comprensione e alla validazione di numerosi biomarcatori nell’ambito di diverse condizioni cliniche, quali la sepsi, il diabete mellito, le malattie neurodegenerative e cardiometaboliche.

 

La produttività e qualità dell’attività scientifica del prof. Ciaccio è attestata dagli indicatori bibliometrici che lo hanno portato ad entrare nella lista dei migliori ricercatori nella categoria “Clinical Science” dei “Top Italian Scientists” e tra i ricercatori più meritevoli dalla rivista internazionale “Plos Biology”.

Il prof. Ciaccio è Direttore del Dipartimento Medicina di Laboratorio dell’Azienda Ospedaliera Universitaria Policlinico “Paolo Giaccone” di Palermo che, oggi, rappresenta un centro di eccellenza a livello nazionale, mettendo a disposizione del clinico un pannello completo di biomarcatori nei diversi settori, sia di routine che specialistici; ad esempio, è uno dei pochi centri in Italia a eseguire il dosaggio di tutti i biomarcatori liquorali della malattia di Alzheimer.

Il prof. Ciaccio ha, inoltre, dato un contributo fondamentale alla crescita della Medicina di Laboratorio, non solo a livello nazionale, ma anche internazionale. È stato Presidente della più importante Società Italiana di Medicina di Laboratorio, la SIBioC, ed è stato rieletto all’unanimità per il biennio 2024-2025.