Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

ACNP e NILDE

19-giu-2018

 
Il Settore, nell'ambito delle proprie attività, promuove e partecipa a progetti comuni con altre istituzioni, al fine di inserire nel contesto nazionale ed europeo le istituzioni bibliotecarie e documentarie dell’Ateneo e favorire l'allineamento strategico tra i servizi del Sistema bibliotecario, i bisogni emergenti dell'Ateneo e il contesto istituzionale. I bibliotecari – organizzati in comunità e reti, sfruttando a pieno le potenzialità del web e delle tecnologie dell’interoperabilità e lavorando in spirito di collaborazione interistituzionale –  offrono strumenti e competenze professionali alla comunità accademica.
I sistemi bibliotecari accademici - per utilizzare una definizione della CRUI https://www.crui.it/biblioteche.html - costituiscono un insieme coordinato di strutture specializzate nella costruzione, nella disseminazione, nella valorizzazione, nella conservazione e manutenzione di risorse e servizi a sostegno della didattica e della ricerca, che possono essere utili anche alla terza missione.
Il primo step per l’attuazione di queste funzioni -  ormai riconosciute ai Sistemi bibliotecari in tutti i maggior Atenei nazionali e internazionali - è la piena valorizzazione delle collezioni che, oltre a essere presentate in cataloghi locali, vanno valorizzate in “vetrine” che ne consentano la puntuale messa a disposizione alla comunità di ricerca locale e potenzialmente al più ampio sistema della ricerca nazionale tramite network e sul web. L’accesso all’informazione, la condivisione delle risorse bibliografiche e informative necessarie alla mission delle Università trovano inoltre uno strumento fondamentale nella partecipazione a network nazionali e internazionali di document delivery.
ACNP e NILDE costituiscono un ecosistema aperto che permette una grande visibilità e circolazione, anche internazionale, delle risorse bibliografiche delle varie istituzioni che vi partecipano: in questo ecosistema i bibliotecari collaborano per fornire agli utenti servizi sempre più sofisticati e dinamici. Riconoscendo l'importanza di questi obiettivi, UNIPA sottoscrive ACNP1 e NILDE2 per tutto le strutture del Sistema bibliotecario.
Il Settore sta operando per coordinare il potenziamento del servizio attraverso la valorizzazione dei posseduti e un workflow maggiormente cooperativo  per fornire in maniera più strutturata contenuti scientifici attraverso lo scambio ottimale con altre istituzioni nazionali  e internazionali e la più efficiente circolazione di materiale bibliografico tra i 44 punti di servizio bibliotecari che servono le esigenze di didattica e ricerca dell'Ateneo. 

 

 

 

 

 Attività effettuate nel corso del 2019

- Popolamento semiautomatico con più di 9000 posseduti elettronici acquisiti a livello centrale

 Attività in corso

- Popolamento semiautomatico con tutti i posseduti elettronici acquisiti a livello centrale. Analisi delle transazioni DD e delle collezioni in ACNP (punti di forza e di debolezza delle risorse bibliografiche di Ateneo rispetto al complesso delle collezioni presenti nel sistema delle biblioteche universitarie nazionali).

 Dopo lo studio del 2017 e l'attività di popolamento semiautormatico effettuata nel 2018 che costituisce una sorta di test e di preparazione dei dati che potranno essere riutilizzati in buona parte anche nei prossimi anni, già dal 2019 si è previsto di aggiornare ACNP con il posseduto elettronico del nostro Ateneo, utilizzando risorse di personale interno e senza la necessità di ricorrere all’acquisto di servizi o beni.
Per quanto riguarda l’organizzazione del servizio di document delivery delle risorse elettroniche, il Settore propone di adottare un modello “distribuito” su tutte le biblioteche dell’Ateneo per meglio ripartire l’aumento del carico di lavoro che si prevede possa derivare dalla maggior visibilità di titoli esposti tramite ACNP alla platea dei potenziali utenti locali, nazionali e internazionali.

L’adozione dei modelli proposti, oltre a consentire il miglioramento dei servizi bibliotecari per gli utenti istituzionali, favorisce l’inserimento del Sistema bibliotecario di Ateneo a pieno titolo nei network ACNP e NILDE con un contributo ancora più fattivo che meglio rappresenta le potenzialità del nostro Ateneo nel contesto nazionale e internazionale con il complesso delle sue risorse bibliografiche, informative e l’insieme delle competenze biblioteconomiche e tecniche del personale.
Il Settore è inoltre consapevole che l’applicazione a pieno regime dei modelli proposti potrebbe offrire all’Ateneo interessanti strumenti di programmazione delle proprie acquisizioni.
La maggiore capacità partecipativa dell’Ateneo ai network può inoltre aprire la strada alla possibilità di entrare in un processo di cooperazione di più ampio raggio, già ipotizzato da NILDE, che mira alla costituzione di un osservatorio nazionale delle acquisizioni e allo sviluppo cooperativo delle collezioni di università ed enti di ricerca italiani.

 

Documenti elaborati dal Settore

2018 Sviluppo del servizio di document delivery attraverso la valorizzazione dei posseduti

2017 Studio fattibilità ACNP-NILDE (Area riservata)

Analisi del servizio di document delivery con NILDE 2011-2015 (Area riservata)

 

 

1 ACNP: il catalogo ha avuto origine dall’Archivio Collettivo Nazionale dei Periodici (ACNP) ed è nato negli anni ’70 per iniziativa dell’ISRDS-CNR. Il catalogo contiene le descrizioni bibliografiche delle pubblicazioni periodiche possedute da biblioteche dislocate su tutto il territorio nazionale e copre tutti i settori disciplinari http://www.biblioteche.unibo.it/acnp

2 NILDE: è una applicazione web-based che consente la richiesta e fornitura di documenti (document delivery) e il prestito interbibliotecario (ILL) attorno alla quale si è via via costituita una comunità di biblioteche che condividono il patrimonio bibliografico in spirito di collaborazione reciproca e prevalentemente gratuita.
Per quanto riguarda le risorse, cartacee e digitali, NILDE si è ormai affermato come il network più importante per le biblioteche italiane per condividere risorse, servizi e buone pratiche professionali, fornendo accesso all’informazione scientifica, accesso spesso ostacolato da costi altissimi e da continui ridimensionamenti dei budget. NILDE inoltre opera per strutturare il DD in collaborazione con sistemi analoghi in altre nazioni e implementa ALPE (Archivio  Licenze  dei  Periodici  Elettronici) per favorire la conoscenza e la gestire la varietà di condizioni delle clausole di document delivery dei contratti di licenza d’uso delle risorse elettroniche https://nilde.bo.cnr.it/index.php

Icon made by Icon Pond from www.flaticon.com