Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Ateneo

FORTHEM | European Universities - UniPa Megateneo Europeo

L’Università degli Studi di Palermo è partner del progetto FORTHEM "Fostering Outreach within European Regions, Transnational Higher Education and Mobility", presentato nell’ambito della call pilota per il 2019 (EAC/A03/2018) “European UniversitiesAzione 2 del Programma Erasmus+.

La Commissione Europea ha approvato solo 17 proposte per la realizzazione di super-Atenei comuni, istituiti in tutta Europa attraverso l’alleanza inter-universitaria promossa dall’UE, che vede il coinvolgimento di 114 istituti, di cui 11 Università italiane, di 24 Stati membri, con la finalità di condividere una strategia a lungo termine e promuovere valori e identità europei, per garantire coesione e rinnovata competitività dell’Unione. Palermo è l’unico Ateneo del Sud insieme a Cagliari.

Il partenariato di FORTHEM è costituito dalla Johannes Gutenberg-Universität Mainz (Germania), capofila del progetto, dalla Université de Bourgogne (Francia), dalla Universitat de València (Spagna), dalla Latvijas Universitātes (Lettonia), dalla Uniwersytet Opolski (Polonia), dalla Jyväskylän yliopisto (Finlandia) e dall’Università degli Studi di Palermo.

FORTHEM promuove i valori democratici europei, compresi multiculturalismo e multilinguismo, diffonde i valori europei nelle aree circostanti, ciascuna sede, consente di "portare l'Europa a casa", mentre lo studente che si iscrive a Palermo di dirittto potrà seguire corsi nelle università del consorzio.

Considerando l'educazione come uno degli obiettivi di sviluppo sostenibile delle Nazioni Unite e seguendo la visione della Commissione europea di rafforzare l’Identità europea attraverso l'istruzione e la cultura, FORTHEM svilupperà, adotterà e attuerà una strategia transnazionale di istruzione superiore a lungo termine.

L’attuazione della strategia transnazionale di istruzione superiore verrà attuata con un approccio dal basso verso l'alto.

Tre sono le mission principali entro il 2025:

  1. Mobilità - Rendere la dimensione europea una pratica quotidiana: il 50% dei componenti dell'Università sarà coinvolto nella mobilità reale, mista e virtuale, verranno superati progressivamente gli ostacoli finanziari, amministrativi e linguistici alla mobilità, la mobilità internazionale verrà inclusa nella formazione di ogni studente e la renderà una parte cruciale delle attività dei docenti e dello staff amministrativo, per rendere la dimensione europea una pratica quotidiana.
  2. Laboratori - sette "FORTHEM Labs", composti da accademici, studenti e rappresentanti del terzo settore pubblico e/o privato, troveranno soluzioni basate sulla ricerca sui seguenti argomenti iniziali: 1. Diversità e migrazione, 2. Vivere l'Europa, 3. Multilinguismo a scuola e istruzione superiore, 4. Scienze dell'alimentazione, 5. Trasformazione digitale. Successivamente gli studenti identificheranno altri due argomenti su suggerimento del comitato direttivo.
  3. Disseminazione e impatto - L'idea europea inizia nelle scuole: la formazione degli insegnanti, come area di competenza esistente e di collaborazione, sarà ulteriormente estesa e rafforzata. Incoraggiamento all'impegno civico di studenti e personale. La collaborazione con aziende locali e le istituzioni pubbliche migliorerà le competenze professionali degli studenti e l'occupabilità. FORTHEM diffonderà a cittadini, politici e terzi i vantaggi della cooperazione transnazionale, della condivisione delle soluzioni e del multilinguismo e degli approcci multiculturali e sarà una testimonianza vivente di un nuovo spirito accademico europeo.

UNIPA ha il coordinamento per la creazione della Digital Academy, una piattaforma online per la mobilità virtuale, la collaborazione e il networking per studenti e membri del personale. I corsi saranno principalmente sulle discipline più comuni, per massimizzare il numero che ne potrà trarre beneficio. Inoltre UNIPA sarà responsabile del laboratorio sul tema “Migrazione e diversità”.

Il lavoro si baserà su progetti pilota e sull'estensione delle migliori pratiche esistenti a tutta l'alleanza.