Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Servizio Speciale per la didattica e gli studenti Segreterie studenti

Modulistica Utile

 

Delega

E' possibile delegare una persona a svolgere determinate operazioni per proprio conto presso le segreterie amministrative degli studenti.

Salvo i casi dove sia disponibile per lo scopo un prestampato, in tutti gli altri casi il delegante deve fornire al delegato una fotocopia della sua carta di identità (fronte/retro) e annotarvi le operazioni che il delegato è autorizzato ad eseguire.
Annotare anche gli estremi anagrafici del delegato e la data ultima di scadenza della delega (Oltre tale data la delega sarà nulla) e in calce data e firma del delegante.

Ecco un esempio della delega: 

Delego il Sig. ............. nato a .......................... il ...................... ad effettuare in mia vece:
l'immatricolazione
rinuncia
domanda di laurea
richiedere il seguente certificato.....

Palermo li........ Firma delegante

 

Iscrizione ai "Corsi Singoli" e ai "Corsi liberi"

L'iscrizione ai "Corsi singoli" e ai Corsi liberi" è disciplinata dalle Linee Guida, approvate dal Senato Accademico il 22 giugno 2010, in cui sono riportate le modalità di iscrizione e le relative scadenze.
Per iscriversi ai corsi singoli finalizzati al raggiungimento dei requisiti curriculari richiesti per l'accesso alle Lauree Magistrali utilizzare l' Allegato 3.
Per inserire nel proprio piano di studi dei Corsi liberi utilizzare l'Allegato 5.


Trasferimenti e passaggi di corso

Uno studente iscritto all'Università degli Studi di Palermo può fare domanda per il trasferimento da altri Atenei o ad altri Atenei e per i passaggi interni tra corsi di studio dell'Università degli Studi di Palermo. Il modulo può essere scaricato da questa sezione o può essere ritirato alle Segreterie Studenti.
Il portale IMMAWEB per la gestione delle pratiche amministrative degli studenti permetterà di effettuare via web le domande di trasferimento in entrata e in uscita e anche quelle relative ai passaggi di corso. Attualmente la procedura è solo cartacea 
 

Interruzione degli studi
Uno studente iscritto all'Università degli Studi di Palermo può interrompere il proprio percorso formativo facendo rinuncia agli studi. La domanda può essere fatta attraverso il Portale Studenti. Nel portale bisogna usare la sezione dedicata alla gestione delle pratiche amministrative degli studenti che permetterà di effettuare via web le domande di interruzione degli studi. La procedura informatica emetterà la modulistica da firmare e il MAV per il pagamento degli importi dovuti. La pratica diventerà operativa con il pagamento del relativo MAV in banca e portando la pratica debitamente firmata e con la ricevuta bancaria presso la segreteria amministrativa.

 
Piano di studi
Per verificare o stampare il proprio piano di studi, entrando nel sito del Portale Studenti e puoi visionare il tuo piano di studi.


Certificati di laurea o iscrizioni
Si comunica agli studenti che l’articolo 15 della legge 183/2011, entrato in vigore il 1 gennaio 2012, ha apportato delle modifiche al DPR 445/2000, recante il TU delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione amministrativa.
In particolare è previsto che ‘’Le certificazioni rilasciate dalla pubblica amministrazione in ordine a stati, qualità personali e fatti sono valide e utilizzabili solo nei rapporti tra privati. Nei rapporti con gli organi della pubblica amministrazione e i gestori dei pubblici servizi i certificati e gli atti di notorietà sono sempre sostituiti dalle dichiarazioni di cui agli articoli 46 e 47 del DPR 445/2000’’ (autocertificazioni).
Sulle certificazioni da produrre ai soggetti privati sarà apposta, a pena di nullità, la dicitura: “Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi’’. 
Pertanto in ottemperanza alla nuova disposizione normativa l’Università degli Studi di Palermo rilascerà esclusivamente certificati in bollo validi ed utilizzabili solo nei rapporti tra privati, sui quali verrà riportata la dicitura prevista dalla legge: ‘’Il presente certificato non può essere prodotto agli organi della pubblica amministrazione o ai privati gestori di pubblici servizi’’.
Per il rilascio dei suddetti certificati dovrà essere presentata apposita domanda corredata del pagamento della relativa imposta di bollo di € 16,00 (una per la domanda ed una per ogni certificato richiesto) da effettuare, in banca, tramite MAV da richiedere presso la Segreteria di competenza.