Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

GOFFREDO LA LOGGIA

Analisi multitemporale delle relazioni tra parametri produttivi e indice di vegetazione in viticoltura

  • Autori: Santangelo, T.; DI LORENZO, R.; Capraro, F.; LA LOGGIA, G.; Maltese, A.
  • Anno di pubblicazione: 2014
  • Tipologia: Proceedings (TIPOLOGIA NON ATTIVA)
  • OA Link: http://hdl.handle.net/10447/99756

Abstract

L’efficacia degli interventi agronomici dipendono dalla capacità di programmazione in termini di tempo e intensità di intervento. Questultimi aspetti possono essere calibrati tramite una corretta conoscenza delle caratteristiche produttive e qualitative dei parametric di campo e della loro variabilità nel tempo e nello spazio. La viticoltura di precisione fornisce un supporto valido alla definizione della variabilità di campo e temporale dei parametric vegetative e produttivi. Questo lavoro sintetizza due anni di viticoltura di precisione in Sicilia, nelle campagne agronomiche consotte nel 2012 e 2013 in due aziende vitivinicole “Tenute Rapitalà” e “Donnafugata”. L’indice di vegetazione normalizzato, ottenuto da immagini in multispettrale (Rapideye) acquisite nelle fasi di allegagione, pre-invaiatura e maturazione, è stato relazionato con alcuni parametri produttivi alla raccolta (zuccheri e antociani totali) nella cultivar Nero d’Avola allevata a controspalliera. Il lavoro ha lo scopo di evidenziare la forza del legame esistente nei modelli lineari di relazione tra l’indice di vegetazione ed i parametric produttivi e mettere in evidenza: 1) l’epoca migliore per acquisire le immagini da correlare con i parametri produttivi alla raccolta; 2) se le relazioni sono significative tra gli anni oppure necessitano di ricalibrazione; 3) la trasferibilità delle relazioni nello spazio. I risultati confermano le tre ipotesi indagate per il parametro “zuccheri” alla raccolta ma non tutte per “antociani totali”. Questi risultati evidenziano comunque un possible utilizzo predittivo dei modelli di relazione rilevati da satellite e la possibilità di trasferirli nello spazio, quest’ultimo aspetto necessità però di verifiche svolte in pieno campo.