Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Hormos. Ricerche di Storia Antica

Codice etico della rivista

 

«Hormos. Ricerche di storia antica » è una rivista scientifica internazionale che adotta processi di peer-review e aderisce al codice etico delle pubblicazioni elaborato da COPE: Best Practice Guidelines for Journal Editors.

 

La Direzione di «Hormos. Ricerche di storia antica » è coadiuvata dal Comitato Editoriale, dal Comitato Scientifico; la Direzione è responsabile ultima della decisione di pubblicare gli articoli sottoposti alla Rivista.

Nell’assumere le proprie decisioni, la Direzione si avvale del supporto di almeno due revisori scelti tra studiosi ed esperti appartenenti ad Università o enti italiani e stranieri, secondo una procedura di double-blind peer review.

Nella selezione dei valutatori, la Direzione s’impegna a individuare studiosi qualificati, competenti e liberi da ogni eventuale conflitto di interessi e da pregiudizi di genere, origine etnica, credo religioso, orientamento politico.

La Direzione deve assicurare che tutti i contributi pubblicati siano stati previamente sottoposti a valutazione da parte di studiosi qualificati e competenti. Eventuali parti della rivista non sottoposte a processo di valutazione (p. es., le recensioni) devono essere chiaramente riconoscibili.

I contributi proposti per la pubblicazione dai Direttori, dai membri del Comitato editoriale, del comitato scientifico vengono sottoposti allo stesso processo di peer-review adottato per i contributi di autori esterni alla rivista.

 

La Direzione raccoglie le opinioni di autori, lettori, valutatori esterni, membri del comitato editoriale, del comitato scientifico in merito a ogni possibile miglioramento dei processi di peer-review, che miri ad evitare eventuali pratiche scorrette e ad incrementare l’efficienza del processo valutativo, al fine di assicurare la pubblicazione di contributi originali e di qualità. A questo scopo, anche le istruzioni per i valutatori esterni potranno essere periodicamente aggiornate.

I valutatori esterni individuati vengono forniti di chiare istruzioni relative al processo di valutazione e sollecitati a considerare potenziali conflitti di interesse; in caso affermativo sono invitati a non accettare l’incarico.

I valutatori devono formulare un giudizio chiaro e adeguatamente motivato sull’opportunità della pubblicazione dell’articolo sottoposto al loro giudizio, impegnandosi a fornire all’autore suggerimenti per migliorare la qualità del contributo. Devono, inoltre, vagliare l’originalità degli articoli sottoposti, segnalando casi di plagio o di iterata pubblicazione di ricerche i cui risultati siano già stati ampiamente divulgati presso la comunità scientifica.

La Direzione s’impegna a controllare ed assicurare la qualità del processo valutativo. Tiene aggiornato un elenco di possibili valutatori esterni, escludendo gli autori di valutazioni inappropriate o inadeguate e inserendo nuovi valutatori, anche accogliendo gli eventuali suggerimenti dei membri del Comitato editoriale e del Comitato scientifico.

Nella selezione dei valutatori, la Direzione s’impegna a mantenere un sano equilibrio in termini di fasce d’età, genere e sede.