Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Unipa partner del progetto LIFE sull’adattamento alla desertificazione

12-feb-2018

Quatrini Kick-off Rome 2017L’Università di Palermo tra i partner beneficiari del Progetto LIFE Desert - Adapt che ha preso il via il primo settembre 2017 e affronta la sfida della desertificazione.

Con il programma LIFE l'Unione Europea, cofinanzia, nell’ambito dell’azione dedicata al clima, progetti che aiutano a sviluppare e dimostrare tecnologie, strumenti e metodologie efficaci sia per la mitigazione dei cambiamenti climatici sia per favorire l’adattamento a tali cambiamenti.

Il Progetto LIFE 16CCA/IT/000011, intitolato "Desert-Adapt, Preparare le aree di desertificazione al cambiamento climatico" si concentra principalmente sulla priorità dell’adattamento ed è realizzato in Sicilia, Extremadura (Spagna), ed Alentejo (Portogallo), in ecosistemi vulnerabili e fortemente minacciati. Il progetto raggruppa 19 partner tra Università, Aziende agricole, Comuni, Imprese e ONG da quattro paesi, Italia, Portogallo, Spagna e Olanda. L’Università di Palermo, con i Dipartimenti STEBICEF e SAAF è responsabile delle azioni in campo presso le Aziende partner del progetto (field implementation partner), e degli studi scientifici condotti sui siti del progetto finalizzati a misurare gli indicatori di biodiversità animale vegetale e microbica.

“Nel corso di cinque anni (2017-2022) – spiega la prof. Paola Quatrini, responsabile per UNIPA - il progetto svilupperà nuove tecniche e metodologie per aiutare a preparare queste terre e le comunità che le abitano ai cambiamenti climatici e contribuirà allo sviluppo socioeconomico, alla conservazione della biodiversità e al sequestro del carbonio. In un secondo sotto-obiettivo, il progetto svilupperà strumenti e metodi per garantire che le lezioni apprese sul campo siano disponibili per essere replicate e ampliate durante e dopo il progetto fino a coinvolgere cento agricoltori e 10.000 ettari. I benefici attesi per gli agricoltori locali sono l’incremento di reddito derivante da nuove combinazioni di prodotti e servizi ecosistemici e attraverso la promozione, vendita e marketing dei nuovi prodotti e servizi organizzati in modo cooperativo. Inoltre, la biodiversità locale beneficerà, attraverso una maggiore complessità strutturale delle aziende, dell'aumento degli impollinatori e dell'impatto ridotto sul suolo e sull'ambiente. Altri risultati perseguiti riguardano l’interazione con le politiche locali, nazionali e comunitarie e la diffusione di eventi di scambio, strumenti e materiali destinati ad agricoltori, consumatori, accademici, politici e cittadini”.

Info: http://www.desert-adapt.it/index.php/en/ - http://ec.europa.eu/environment/life/