Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

UniPa partner del progetto italo-tunisino EdEnMed: Educazione Ambientale per un Mediterraneo Sostenibile

Il Dipartimento di Scienze Psicologiche, Pedagogiche, dell’Esercizio Fisico e della Formazione- SPPEFF dell’Università degli Studi di Palermo è partner promotore del progetto italo-tunisino EdEnMed: Educazione Ambientale per un Mediterraneo Sostenibile, che mira a stabilire relazioni di cooperazione duratura tra la Sicilia meridionale e la Tunisia sul tema dell’educazione ambientale e della sostenibilità, con l’obiettivo di creare una rete internazionale per lo scambio di esperienze, la condivisione di buone pratiche e la sperimentazione di metodologie innovative volte a promuovere azioni efficaci e durature per l’acquisizione di comportamenti stabili di cura dell’ambiente.

Il progetto, che ha preso il via nell’ottobre 2021, vede coinvolti per la Tunisia l’ANPE-Agenzia Nazionale per la Tutela dell’Ambiente e il CIFFIP-Centro Internazionale di Formazione dei Formatori e Innovazione Pedagogica, e per l’Italia, accanto a UniPa, il CNR-Consiglio Nazionale delle Ricerche, ARPA Sicilia-Agenzia Regionale per la Protezione Ambientale e ORSA-Scuola di alta formazione ambientale.

Il gruppo di lavoro dell’Università di Palermo è coordinato dal prof. Gioacchino Lavanco, direttore del Dipartimento SPPEFF, ed è composto dal prof. Antonino Bianco Delegato dipartimentale alla Terza Missione e referente del Progetto EdEnMed insieme alla prof.ssa Giuseppa Cappuccio, dalla dottoranda in “Health Promotion and Cognitive Science” Lucia Maniscalco e dai dottori Giuseppe Piazza e Giuseppe Caramazza del Polo Universitario di Agrigento.

Il contributo di UniPa al progetto prevede nello specifico la realizzazione di un manuale per lo scambio delle conoscenze scientifiche sul tema dell’educazione ambientale e l’elaborazione, la validazione e la diffusione di una serie di attività sul tema della sostenibilità e della cura dell’ambiente, costruite utilizzando un impianto metodologico “Inquiry based Learning” e destinate a educatori, famiglie e insegnanti.