Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Alla prof.ssa Carmela Rita Balistreri il riconoscimento “Paladini Italiani della Salute” per la ricerca scientifica sul “Vascular ageing”

La prof.ssa Carmela Rita Balistreri, docente di Patologia Clinica del Dipartimento di Biomedicina, Neuroscienze e Diagnostica avanzata, Responsabile del Plesso di Patologia e Coordinatore Vicario della Scuola di Specializzazione in Anatomia Patologica UniPa, ha ricevuto il prestigioso riconoscimento “Paladini Italiani della Salute” per l’impegno nella ricerca, il cui aspetto traslazionale è volto alla tutela della salute.

La prof.ssa Balistreri ha conseguito il riconoscimento presentando i risultati di un recente studio scientifico volto a identificare i meccanismi e i pathways coinvolti nell’invecchiamento vascolare e nelle sue complicanze, e a valutarne quelli che ne regolano il controllo, da qui l’interesse volto sulle cellule endoteliali progenitrici. Lo studio, interdisciplinare e interateneo, coinvolge un team di ricercatori UniPa composto dai Dottori Scola, Belmonte, Cancila e Vacca, in collaborazione con il prof. Claudio Tripodo, e i gruppi di ricerca dei proff. Giovanni Ruvolo, Augusto Orlandi, Gerry Melino e Giacomo Frati dell’Università degli Studi di Roma Tor Vergata e Sapienza Università di Roma.

Il premio è stato consegnato dalla Presidente dell'Associazione Liber, Verdiana Dell'Anna, dal Presidente del Comitato d'Onore, giudice Aldo Carosi, dal Presidente del Comitato Scientifico, Prof. Walter Ricciardi, e dall'Editore Riccardo Dell'Anna, durante una cerimonia che si è svolta a Roma nella Sala della Protomoteca del Campidoglio.

“Lo studio - dichiara la prof.ssa Balistreri - mira a identificare e a “manipolare”, con emergenti approcci, i meccanismi cellulari e molecolari allo scopo di prevenire l’insorgenza di patologie cardiovascolari correlate all’età grazie all’ausilio di metodiche e tecniche multi-omics di ultima generazione. Un grazie va a tutti i teams coinvolti e, in particolare, al team del prof. Tripodo.”