Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

ATENEO/Antonio Valenti è il nuovo direttore amministrativo

9-set-2009

Il Consiglio di amministrazione dell’Università di Palermo, con voto unanime, ha nominato il nuovo direttore amministrativo. Si tratta di Antonio Valenti, 48 anni, laureato in Giurisprudenza ed ex direttore amministrativo degli Ospedali riuniti di Sciacca. E’ stato dal 1989 al 2008 dirigente amministrativo della Regione alla Pubblica istruzione, commissario straordinario del Conservatorio di musica di Messina e commissario ad acta e straordinario del Parco archeologico della Valle dei templi.
Valenti succede a Gabriele Cappelletti, che si era dimesso nei giorni scorsi per motivi personali. Rimarrà in carica fino a dicembre 2012.
“Conosco personalmente le qualità professionali e umane del dottor Valenti - spiega il rettore Roberto Lagalla –, che certamente gioveranno alla prosecuzione dell’azione amministrativa già intrapresa e portata avanti con proficui risultati prima dall’avvocato Vincenzo Petrigni e poi dall’ingegner Gabriele Cappelletti. Abbiamo assicurato con tempestività al continuità gestionale dell’Ateneo e ciò ci consentirà, grazie all’apporto di tutti, di rispettare le scadenze che gli organi di governo si sono dati per il raggiungimento dei prefissati obiettivi di ordine didattico-scientifico, economico-finanziario e organizzativo”.
E Antonio Valenti dichiara: “Assumo l’importante incarico di direttore amministrativo del prestigioso Ateneo palermitano con entusiasmo, pur consapevole delle forti responsabilità e delle gravi difficoltà a tale incarico connesse. Sono grato al rettore e al Consiglio di amministrazione – afferma - per la fiducia accordatami e posso assicurare che svolgerò il ruolo affidatomi con il massimo impegno al fine di proseguire la preziosa opera di risanamento, riqualificazione e modernizzazione avviata dal mio predecessore, ingegner Cappelletti. Penso che l’attività amministrativa vada misurata non soltanto in termini di adempimento ma anche e soprattutto di rispondenza ai bisogni espressi dagli utenti e di rapporto costi-benefici. Nella mia esperienza lavorativa ho sempre creduto e credo nell’importanza della sinergia del team e penso che effettivi risultati in termini di migliore efficienza ed efficacia dell’attività amministrativa possano essere raggiunti solo con l’impegno di tutti, nella consapevolezza che il personale costituisce la principale risorsa produttiva”.