Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Futuri Studenti

Trasferirsi a UniPa da un altro Ateneo

Chi può presentare domanda di trasferimento ad anni successivi al primo?
  • Gli studenti iscritti in altri Atenei italiani, che siano cittadini comunitari, cittadini non comunitari residenti o legalmente soggiornanti in Italia, iscritti in corso (sono esclusi i fuori corso) ad anni successivi al primo in Corsi di Studio dell’ordinamento 270/2004, a condizione che chiedano trasferimento nell’ambito dello stesso Corso di Studio e della medesima classe di provenienza;
  • Gli studenti iscritti in Università straniere statali o legalmente riconosciute, che siano iscritti ad anni successivi al primo e che siano in possesso dei requisiti prescritti dalle vigenti disposizioni normative.

Per maggiori informazioni, consulta la pagina dedicata agli International Students o le linee guida ministeriali per studenti stranieri.

  1. Scegli il corso che ti interessa all’interno dell’Offerta formativa di UniPA;
  2. Registrati al Portale Studenti;
  3. Compila la domanda di prosecuzione studi per trasferimento da altro ateneo (devi essere in possesso dell’ISEE universitario del tuo nucleo familiare);
  4. Paga le tasse universitarie con il sistema PagoPA;
  5. Consegna telematicamente la domanda tramite SPID.

Le domande di trasferimento in ingresso di studenti provenienti da altre Università sono subordinate ad approvazione da parte del Consiglio di Corso di Studio. Il Consiglio, sulla base della valutazione dei programmi di insegnamento svolti, riconosce totalmente o parzialmente la carriera di studio fino a quel momento seguita, con la convalida di esami sostenuti e crediti acquisiti, e indica l’anno di corso al quale lo studente viene iscritto.

Per i Corsi di Laurea Magistrale ad accesso libero, lo studente proveniente da altro Ateneo deve comunque possedere specifici requisiti curriculari e deve essere sottoposto a una verifica della personale preparazione nei modi e nei termini stabiliti dal Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale. I requisiti curriculari, citati precedentemente, possono essere assolti con il conseguimento di una laurea in una determinata classe o un determinato numero di crediti in SSD o gruppi di SSD.

Per i candidati extracomunitari e non provenienti da Atenei Italiani, verranno applicate le direttive dettate dalle linee guida ministeriali.

Il trasferimento in ingresso verso un corso ad accesso programmato è condizionato dal numero di posti resi disponibili (per ciascun anno accademico) che sarà assegnato a seguito di una selezione e della relativa graduatoria generale di merito.

Ogni anno accademico viene bandito il concorso, nei limiti dei posti disponibili nelle coorti di riferimento, per studenti in corso, iscritti presso altri Atenei, quale prosecuzione naturale di carriera.

  • Prendi visione del bando di concorso che regola l’ammissione ad anni successivi al primo per i trasferimenti in ingresso e presenta la domanda rispettando le prescritte indicazioni.
  • Consulta le graduatorie formulate per ogni Corso di Studio in base ai criteri di selezione indicati nel bando.
  • Se risulti idoneo, segui le indicazioni del bando per perfezionare l'immatricolazione o l'iscrizione.
  • Paga le tasse universitarie con il sistema PagoPA.
  • Consegna telematicamente la domanda tramite SPID.
  • Ricevuto il foglio di congedo da parte dell’Ateneo di provenienza, si trasmetterà la documentazione al Consiglio di Corso di Studio competente affinché deliberi sulla pregressa carriera dello studente, individuando i crediti convalidabili per ciascun insegnamento.

Per i candidati extracomunitari e non provenienti da atenei italiani, verranno applicate le direttive dettate dalle linee guida ministeriali.