Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

ROBERTO SOTTILE

Il furetto (e altri animali) nel lessico venatorio e nella cultura dialettale. Dati dall’Atlante Linguistico della Sicilia

Abstract

All’interno del cantiere dell’Atlante Linguistico della Sicilia esistono diversi studi, per lo più di impianto lessicografico, sulla cultura dialettale connessa agli ambiti della zoonimia e della fitonimia, come il Vocabolario-atlante delle pratiche venatorie, che tende a documentare in prospettiva geolinguistica e panregionale diversi importanti aspetti della zoonimia siciliana. L’attenzione a un tale ambito permette di accostarsi a un settore della cultura dialettale decisamente interessante e producente almeno per due ragioni: 1) indagare sulla caccia permette di raccogliere informazioni su settori etnodialettali diversi, dalla geomorfologia all’avifauna 2) il lessico venatorio, più di ogni altro vocabolario settoriale, lascia emergere una forte componente creativa per la quale l’aspetto metaforico gioca un ruolo cruciale. nel contributo vengono quindi presentati diversi esempi di invenzione e creatività metaforica nel linguaggio dei cacciatori con particolare riguardo alle denominazioni e al lessico del furetto, con una particolare attenzione al condizionamento reciproco tra lingua comune e linguaggio venatorio.