Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

VITO ARMANDO LAUDICINA

Inter-relazioni tra pools di C organico e gruppi funzionali della sostanza organica in un suolo a diversa gestione agronomica

  • Autori: Laudicina, V.; Novara, A.; Badalucco, L.; Barbera, V.; Egli, M.; Gristina, L.
  • Anno di pubblicazione: 2013
  • Tipologia: Proceedings (TIPOLOGIA NON ATTIVA)
  • OA Link: http://hdl.handle.net/10447/94982

Abstract

Lavorazioni del suolo e rotazioni colturali giocano un ruolo chiave nell’influenzare sia la quantità sia la qualità della sostanza organica del suolo (SOM). Mentre diversi studi sono stati condotti per valutare gli effetti di tali fattori agronomici sui pools di C organico, anche lungo i profili di suolo, pochi altri hanno investigato anche le relazioni tra i diversi pools di C organico e i gruppi funzionali della SOM. Obiettivi del presente lavoro sono stati quelli di i) valutare gli effetti della lavorazione del suolo e delle rotazioni colturali sui diversi pools di C organico e ii) di investigare le relazioni intercorrenti tra tali pools e i gruppi funzionali della SOM. I campioni di suolo per la suddetta ricerca sono stati prelevati presso l’azienda sperimentale Pietranera (AG) dell’Università di Palermo. Da 19 anni, su un suolo classificato come Chromic Haploxerert, è stato realizzato un disegno sperimentale di tipo strip-plot con due repliche, i cui fattori sperimentali sono stati il tipo di lavorazione (convenzionale, doppio strato e non lavorazione) e la rotazione colturale (monocoltura di grano e rotazione grano-fava). I campioni di suolo, prelevati alla profondità 0-15 cm, sono stati analizzati per quantificare la mineralizzazione del C organico, nonchè i pools di C organico totale, estraibile (in K2SO4 0.5 M) e microbico. Inoltre, i gruppi funzionali della SOM sono stati investigati tramite DRIFT (Diffuse Reflectance Infrared Fourier Transform spectroscopy). Nel presente lavoro sono illustrati e discussi i risultati della suddetta ricerca