Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

COSTANZA DI STEFANO

Caratterizzazione morfologica e idraulica dei rill rilevati nell'area sperimentale di Masse

  • Autori: DI STEFANO, C.; Ferro, V.; Mannocchi, F.; Todisco, F.; Vinci, A.
  • Anno di pubblicazione: 2012
  • Tipologia: Proceedings (TIPOLOGIA NON ATTIVA)
  • OA Link: http://hdl.handle.net/10447/79437

Abstract

Nella memoria sono riportati i risultati di un’analisi finalizzata alla validazione in ambiente Umbro di modelli per la quantificazione e la caratterizzazione morfologico-idraulica delle formazioni rill. A tale scopo sono state utilizzate le misure effettuate presso la stazione sperimentale per il monitoraggio dei processi erosivi a scala di parcella in località Masse (Umbria). In seguito a due eventi erosivi (11-01-2010 e 16-05-2011) che hanno prodotto la formazione di rill, è stato effettuato il rilievo della morfologia (lunghezza e sezione) e del profilo degli stessi. Il database di Masse è stato utilizzato, in primo luogo, per la validazione della relazione di potenza che permette la stima del volume eroso (V) a partire dai dati di lunghezza totale (L) del canale. Il confronto ha evidenziato una buona adattabilità dei dati di Masse al modello già validato per l’area sperimentale di Sparacia (Sicilia) e caratterizzato da un esponente pari a 1.1. Ne consegue che la relazione L-V definita per i rill in suoli tipicamente argillosi (Sparacia) può essere efficacemente utilizzato anche per i rill in suoli limosi (Masse). Successivamente, è stata validata in ambiente Umbro la relazione adimensionale proposta da Di Stefano e Ferro (2011) e l’analisi ha confermato la validità della stessa per qualsiasi tipologia sia di processo erosivo che di suolo. Inoltre è stata eseguita l’analisi delle caratteristiche idrauliche dei rill calibrando le tre equazioni di potenza che esprimono il legame fra la portata e la larghezza, la velocità media e il tirante. I risultati ottenuti sono stati confrontati con quelli ottenuti per Sparacia (Di Stefano et al. 2010). Infine, è stato analizzato il contributo di ciascuna componente (rill e interrill) alla perdita di suolo totale rilevata nell’area sperimentale umbra.