Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Scienze Umanistiche

Invito all'ascolto di Falstaff, con Emanuele Senici

                                                  Lunedì 17 febbraio alle ore 18,00 nella Sala ONU del Teatro Massimo, Emanuele Senici, docente di Storia della musica nell'università di Roma La 2020_locandina FalstaffSapienza, presenta l'ultimo capolavoro verdiano, Falstaff, in scena dal 21 febbraio.

Emanuele Senici ha studiato musicologia all'Università di Pavia (Laurea 1993), al King's College di Londra, e alla Cornell University, USA (MA 1996, PhD 1998). Dal 1998 al 2007 ha insegnato nella Oxford University. Dal 2008 è professore ordinario di Musicologia e Storia della Musica alla Sapienza, e dal 2009 è Visiting Professor nel Music Department del King's College di Londra. Nel 2006 è stato Edward T. Cone Member in Music Studies dell'Institute for Advanced Study di Princeton. Le sue ricerche vertono sull'opera italiana del lungo Ottocento, sulla teoria e la storiografia dell'opera, in particolare questioni di genere e gender, e sull'opera in video. Tra le sue pubblicazioni, 'La clemenza di Tito' di Mozart: i primi trent'anni_ (1791-1821) (Brepols, 1997), Donizetti a Casa Ricordi. Gli autografi teatrali (Fondazione Donizetti, 1998, con Alessandra Campana e Mary Ann Smart), The Cambridge Companion to Rossini (Cambridge University Press, 2004), Landscape and Gender in Italian Opera: The Alpine Virgin from Bellini to Puccini  (Cambridge University Press, 2005), Giacomo Puccini and His World (Princeton University Press, 2016, con Arman Schwartz) e Music in the Present Tense: Rossini's Italian Operas in Their Time (University of Chicago Press, 2019). Dal 2003 al 2008 è stato condirettore del "Cambridge Opera Journal" (Cambridge University Press).

"Invito all'ascolto". Ciclo di presentazioni delle opere della stagione 2020 del Teatro Massimo

Il Dipartimento di Scienze umanistiche collabora da quest'anno con l'Associazione Amici del Teatro Massimo e la Fondazione Teatro Massimo nell'ideazione del ciclo "Invito all'ascolto", presentazioni delle opere della stagione del Teatro Massimo, tenute da studiosi e critici musicali di fama, tra cui anche docenti del Dipartimento.
Le conferenze, ideate da Anna Tedesco, si svolgono nella Sala ONU del Teatro Massimo alle 18, e sono corredate da ascolti ed esempi al pianoforte. L'ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti disponibili.

Gli Amici del Teatro Massimo, fondati nel 1997 in occasione della riapertura del teatro, sono un'associazione senza fini di lucro, composta da appassionati d'opera che si propongono di sostenere l'attività del Teatro Massimo ed in generale la divulgazione musicale. Ne è presidente il M. Daniele Ficola, già direttore del Conservatorio di Palermo. Tra le loro attività, oltre alle presentazioni, ricordiamo il Premio Claudio Abbado per gli studenti del Conservatorio "Alessandro Scarlatti" di Palermo, giunto alla 4° edizione ed il Premio Sedici Maggio assegnato a personalità altamente benemerite della cultura e specialmente dei teatri palermitani.

LINK AL SITO degli Amici del Teatro Massimo
http://www.teatromassimo.it/il-teatro/amici-del-teatro-massimo.html

Locandina Parsifal

presentazioni opere 2020

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

“Tra sogno e memoria”. L’officina poetica di Lucio Piccolo

LucioPiccolo-2

Il 27 giugno 2016, si è tenuto a Palazzo Steri, nella Chiesa di Sant'Antonio Abate, un Convegno su Lucio Piccolo di Calanovella  nato dalla sinergia tra la Società Dante Alighieri di Palermo, i docenti di Letteratura italiana contemporanea  dell’Università di  Palermo e l’Asessorato alla Cultura del Comune di Palermo e accolto con favore dagli eredi del poeta.Tale giornata di studi, ha  costituito il momento inaugurale di un’iniziativa destinata a durare nel tempo e la prima tappa di un’attività di ricerca volta a  riguadagnare l’opera di Piccolo affrontandone i nodi filologici ancora irrisolti.In continuità con questo primo momento di  riflessione e confronto sull’opera di Lucio Piccolo si è realizzato, infatti, il 14 dicembre del 2016 un nuovo evento che, oltre a  configurarsi come un’ulteriore occasione di studio sui testi del poeta, ha affiancato alle proposte di esegesi critica anche una  performance artistica ispirata ai suoi versi.  In queste occasioni, aprendo i lavori sono stati presentati da Domenica Perrone e  Donatella La Monaca i primi esiti delle ricerche maturate nell’ambito dell’ l'“Officina di studi Lucio Piccolo”, cantiere attivo e  straordinariamente vitale.  Nel delineare inoltre  il profilo del poeta si è voluto sottolineare il “proposito  di uscire  dall’episodicità degli studi per dare continuità alla ricerca sull’opera piccoliana coniugando filologia ed esegesi” avvalendosi  anche, nell’analisi dei manoscritti e delle diverse redazioni testuali, delle nuove metodologie offerte dalle Digital Humanities. 

Convenzione con la Fondazione Lirica Teatro Massimo

“Aiace” di Sofocle

Convenzione  di cooperazione sulla base di un nuova offerta di tirocini curriculari ed extracurriculari con la finalità di inserire nel campo artistico, amministrativo e gestionale gli studenti specializzandi del Dipartimento di Scienze Umanistiche. La convenzione prevede quattro azioni di ricerca e scambi tra i due Enti sia per la didattica sia per progetti artistici e culturali.

(Responsabile: Anna Sica)


Progetto Adiacenze

 

Varato contestualmente all’avvio delle attività del CdS in Discipline delle Arti, della Musica e dello Spettacolo, Adiacenze si propone come luogo d’incontro fra la riflessione disciplinare universitaria nel campo degli studi estetici e artistici sulle pratiche performative e teatrali e la concreta attività di ricerca e pratica delle avanguardie teatrali operanti nel nostro territorio. Nato da una sinergia fra il Laboratorio Universitario Multimediale (LUM) “Michele Mancini” dell’Università degli Studi di Palermo ed il gruppo di ricerca del Teatro Mediterraneo Occupato, il progetto è stato presentato pubblicamente presso la Sala Onu del Teatro Massimo nell’ottobre del 2016, ed ha avuto il suo primo esito nello stesso mese con il reading di testi di Mariella Mehr proposto dall’attrice Manuela Lo Sicco presso la Sala Magna dello Steri in occasione del convegno Tempo e testimonianza.

Adiacenze si propone come censimento e collettore delle realtà teatrali del territorio, incubatore d’idee per la ricerca e la pratica performativa, promotore di Residenze artistiche a forte valenza didattica e scientifica, luogo di mediazione fra le esperienze del territorio e le altre realtà nazionali e internazionali.

 

13 ottobre 2016

Presentazione Progetto Adiacenze Progetto Adiacenze: Censimento/Autoconvocazione degli artisti di teatro di Sicilia (introduzione di Marco Canzoneri e Salvatore Tedesco)

 

ore 21,30

Ch. W. Gluck, Orphée et Eurydice (regia di Romeo Castellucci)

La Monnaie/De Munt, Bruxelles, 2014

proiezione integrale a cura di Piersandra Di Matteo

 

Programma:

https://www.unipa.it/dipartimenti/scienzeumanistiche/Eventi-del-13-ottobre-e-Giornata-di-Studi-del-14-Ottobre-2016-00002/