Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Terza Missione

Presentazione

Nel Senato accademico del 15 dicembre 2020, approvando la Carta dei diritti degli Studenti e delle Studentesse, l’Ateno di Palermo, auspicando forme di specifico sostegno per l’effettiva implementazione dei diritti di tutti gli studenti e delle studentesse, “al di là delle distinzioni di sesso, nazionalità, religione, condizione sociale e familiare”, ha evidenziato la necessità di un’attenzione specifica agli studenti-genitori. cui diritto allo studio e ad una carriera accademica regolare è di fatto reso più complesso da una serie di fattori. Si tratta non solo o non sempre di studenti lavoratori: spesso sono madri sole. In ogni caso, l’esperienza didattica di molti colleghi attesta che essi presentano esigenze e bisogni formativi specifici. Molto spesso, essi sono particolarmente a rischio di ritardi nella carriera e di abbandono del percorso di laurea.

Grazie ad una prima analisi quantitativa dei dati raccolti grazie alle segreterie studenti, si evince che si tratta di una fetta non indifferente della popolazione studentesca: a febbraio 2021 risultavano complessivamente iscritti che hanno dichiarato di essere genitori. Essi sono diffusamente presenti nei corsi di laurea afferenti ai diversi Dipartimento dell’Ateneo

grafico-immagina-1

Nel complesso il 74% sono madri. Pertanto, interventi di sostegno educativo alla genitorialità degli studenti e delle studentesse vanno anche incontro all’interesse dell’Ateneo per il bilancio di genere (che recepisce le Linee guida CRUI del 19 settembre 2019), nella consapevolezza che esso va pensato non solo in termini economico-finanziari e gestionali, ma anche in termini pedagogici. In tal modo, si tratta di svolgere specifiche azioni positive contro le discriminazioni di genere, offrendo servizi sempre più innovativi e attrattivi agli studenti e promuovendo con ciò stesso strategie di inclusione sociale.

grafico-immagina-2

Il Servizio di sostegno educativo alla genitorialità degli studenti e delle studentesse Unipa (d’ora in poi “Servizio Genitori Unipa”) mira in primo luogo fornire gratuitamente, su richiesta della studentessa madre/ dello studente padre, un sostegno didattico specifico, cercando di intercettare le motivazione di possibili ritardi nelle carriere universitarie, anche attraverso l'utilizzo delle risorse - già sperimentate a causa dell'emergenza sanitaria legata alla pandemia da Covid-19 – offerte dalla didattica a distanza. Inoltre, il servizio promuove per gli studenti e le studentesse occasioni di incontro e di formazione sui temi della genitorialità e propone iniziative formative che coinvolgano gli studenti genitori insieme ai loro figli.

A partire dai servizi offerti agli utenti interni all’Ateneo, il Servizio Genitori Unipa si apre anche all’esterno, offrendo servizi di formazione e di consulenza sui temi legati alla responsabilità educativa genitoriale alle scuole, agli enti locali, al territorio nel suo complesso. Pertanto finalità indiretta ma non meno importante del Servizio Genitori Unipa è quella di fornire strumenti per la tutela della maternità e della paternità, istituendo occasioni di confronto sui temi delle povertà educative delle famiglie, del sostegno educativo alla genitorialità, in modo coerente e organico con la Terza Missione del Dipartimento di Scienze Psicologiche, Pedagogiche, dell’Esercizio Fisico e della Formazione.