Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Scienze della Terra e del Mare

Cenni Storici

Il Dipartimento di Scienze della Terra e del Mare (DiSTeM) nasce in data 1 gennaio 2011 in seguito all'unificazione del Dipartimento di Chimica e Fisica della Terra ed Applicazioni alle Georisorse e ai Rischi Naturali (CFTA) del Dipartimento di Ecologia (D.Eco.) e del Dipartimento di Geologia e Geodesia (Decreto Rettorale n. 16 del 4-01-2011).

Tale fusione ha dato vita ad una struttura la cui anima è profondamente interdisciplinare poiché fonde ricerca e didattica di campi fortemente interdipendenti quali ecologia, geologia, geochimica e geofisica. Una visione integrata dell'interazione tra comparto biotico e abiotico è infatti invocata in tutti i contesti nazionali ed internazionali per analizzare nel modo più corretto gli effetti della variabilità naturale ambientale e antropica sugli assetti della biodiversità. Il DiSTeM coinvolge tutti gli ecologi e i componenti degli SSD di Scienze della Terra, e grazie all'eccellenza della qualità della ricerca condotta dai suoi componenti, si pone come leader della ricerca ambientale ed ecologica sia in Ateneo che in tutto il meridione di Italia. Grande attenzione nel DiSTeM è posta sulla ricerca scientifica sia teorica che applicata attraverso una continua sperimentazione di nuove metodologie e tecnologie per lo studio dei sistemi naturali. Le ricerche condotte producono una significativa ricaduta sul mondo della ricerca di livello internazionale, come dimostrato da una ampia e variegata produzione scientifica su riviste internazionali. Tali ricerche contribuiscono altresì a fare del DiSTeM una struttura di riferimento a scala locale per istituzioni esterne pubbliche (e.g., regionali, provinciali, assessorati comuni) e enti privati. Afferiscono al DiSTeM 44 professori e ricercatori, 40 laureati tra Assegnisti e Dottorandi, 18 unità di personale tecnico ed amministrativo. Il Dipartimento è organizzato in diversi laboratori distribuiti nei poli di via Archirafi e di viale delle Scienze. Per quanto attiene la didattica al Dipartimento afferiscono Corsi di Laurea triennali (Scienze Geologiche, Scienze della Natura e dell'Ambiente) e Corsi di Laurea magistrali (Ecologia Marina, Scienze della Natura, Scienze Ambientali, Scienze e Tecnologie Geologiche), oltre al Dottorato di Ricerca in Scienze della Terra e del Mare. La governance del Dipartimento è assicurata oltre che dalla Giunta e dal Consiglio di Dipartimento da un Direttore Vicario, da un Delegato alla Didattica, un Delegato alla Ricerca, un Delegato alla Biblioteca, un Delegato alla sicurezza dei Laboratori, un Delegato al funzionamento ordinario, alla manutenzione e alla gestione del patrimonio, un Delegato alla Collezione di Mineralogia, un Delegato Responsabile per i Progetti Erasmus, oltre a 3 Responsabili di plesso. Supportano tale governance anche 3 unità di personale ATA con responsabilità per l'informatica e per le grandi attrezzature dei laboratori. Il Dipartimento gestisce il Museo Gemmellaro costituito da oltre 600.000 reperti suddivisi in numerose collezioni, fra le quali spiccano quelle riguardanti la storia geologia della Sicilia, con fossili che abbracciano un intervallo di tempo di oltre 270 milioni di anni, e collezioni geologiche e paleontologiche provenienti da tutto il mondo. Il museo custodisce anche oltre mille olotipi (esemplare sui quali sono state istituite specie fossili). All'interno del Dipartimento trova posto anche una collezione di Mineralogia con minerali dell'orizzonte gessoso-solfifero siciliano e con rare meteoriti. Il DiSTeM si occupa di tematiche che riguardano i settori delle Scienze della Terra e delle Scienze Naturali ed Ambientali, interessandosi di fondamenti teorici, della sperimentazione e dell'analisi di problemi e sistemi ambientali, della messa a punto di metodologie per la programmazione e la gestione ambientale e dell'applicazione delle moderne tecnologie per la valutazione e mitigazione degli impatti esercitati dalle attività antropiche. Nello specifico vengono sviluppate ricerche nell'ambito della geologia marina, della vulcanologia, della geochimica, della petrografia, della sedimentologia, dell'ecologia marina, della conservazione e della valorizzazione degli ecosistemi marini, della pesca e dell'acquacoltura. Oltre alle competenze inerenti la progettazione scientifica, i componenti del DiSTeM hanno anche ampia esperienza in azioni di trasferimento tecnologico verso piccole e medie imprese sia nazionali che internazionali. All'interno del DiSTeM sono presenti 17 SSD inseriti in due Aree CUN la 4 e la 5. La Valutazione nazionale della Qualità della Ricerca degli Atenei (VQR) ha visto l'Area delle Scienze della Terra, interamente rappresentata all'interno del DiSTeM, classificarsi tra le prime a livello nazionale e prima all'interno dell'Ateneo e il SSD BIO/07 classificarsi tra i primi tre a livello nazionale ed il primo tra i Settori Scientifici Disciplinari dell'Ateneo di Palermo. Diversi docenti e ricercatori del DiSTeM afferiscono anche ad Enti di Ricerca quali l'Istituto per l'Ambiente Marino Costiero del Consiglio Nazionale delle Ricerche (IAMC-CNR), l'Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia (INGV), il Consorzio Nazionale Interuniversitario per le Scienze del Mare (CoNISMa) e hanno conferito prodotti della Ricerca anche a questi Enti per la loro valutazione di qualità. Il DiSTeM è anche in convenzione con l'Istituto di Biologia marina del Consorzio Universitario della Provincia di Trapani , dove operano due suoi Ricercatori. La partecipazione a Consorzi Interuniversitari e reti di ricerca internazionali, nonché a Cluster e Piattaforme Europee, costituisce parte integrante dell'attività scientifica svolta da docenti, ricercatori, assegnisti e dottorandi del DiSTeM, nella consapevolezza che attraverso tali canali sarà possibile raggiungere più facilmente l'obiettivo di internazionalizzazione della ricerca.


English version


 

The Department of Earth and Sea Sciences (DiSTeM) was established on 1 January 2011 following the unification of the Department of Earth Chemistry and Physics and Applications to Georisources and Natural Risks (CFTA) of the Department of Ecology (D.Eco.) and the Department of Geology and Geodesy (Rectoral Decree no. 16 of 4 January 2011).

 

 

 

This fusion has given rise to a structure whose soul is deeply interdisciplinary because it combines research and teaching of highly interdependent fields such as ecology, geology, geochemistry and geophysics. An integrated vision of the interaction between the biotic and abiotic sectors is in fact invoked in all national and international contexts to analyze in the most correct way the effects of natural environmental and anthropogenic variability on the structures of biodiversity. DiSTeM involves all the ecologists and components of the SSD of Earth Sciences, and thanks to the excellence of the quality of the research conducted by its components, is a leader in environmental and ecological research both in the University and throughout southern Italy. Great attention is paid in DiSTeM to scientific research, both theoretical and applied, through continuous experimentation with new methods and technologies for the study of natural systems. The research conducted has a significant impact on the world of research at international level, as demonstrated by a wide and varied scientific production in international journals. These researches also contribute to make DiSTeM a reference structure on a local scale for external public institutions (e.g., regional, provincial, common councillorships) and private bodies. 44 professors and researchers, 40 graduates, including students and PhD students, and 18 units of technical and administrative staff, all belong to DiSTeM. The Department is organized in several laboratories distributed in the poles of Via Archirafi and Viale delle Scienze. As far as teaching is concerned, the Department offers three-year degree courses (Geological Sciences, Nature and Environmental Sciences) and master degree courses (Marine Ecology, Nature Sciences, Environmental Sciences, Geological Sciences and Technologies), as well as a PhD in Earth and Sea Sciences. The governance of the Department is ensured not only by the Council and the Council of the Department, but also by a Deputy Director, a Delegate for Education, a Delegate for Research, a Delegate for the Library, a Delegate for Laboratory Safety, a Delegate for ordinary operation, maintenance and management of the heritage, a Delegate for the Mineralogy Collection, a Delegate Responsible for Erasmus Projects, as well as 3 people in charge of the complex. This governance is also supported by 3 ATA staff units with responsibility for IT and large laboratory equipment. The Department manages the Gemmellaro Museum, made up of more than 600,000 finds divided into numerous collections, among which those concerning the geological history of Sicily stand out, with fossils spanning an interval of more than 270 million years, and geological and paleontological collections from all over the world. The museum also houses over a thousand holotypes (specimens on which fossil species have been established). Inside the Department there is also a collection of Mineralogy with minerals of the Sicilian chalky-sulferous horizon and with rare meteorites. The DiSTeM deals with issues concerning the fields of Earth Sciences and Natural and Environmental Sciences, dealing with theoretical foundations, experimentation and analysis of environmental problems and systems, the development of methodologies for environmental planning and management and the application of modern technologies for the assessment and mitigation of impacts exerted by human activities. In particular, research is developed in the fields of marine geology, volcanology, geochemistry, petrography, sedimentology, marine ecology, conservation and enhancement of marine ecosystems, fisheries and aquaculture. In addition to their expertise in scientific design, DiSTeM members also have extensive experience in technology transfer actions towards small and medium enterprises, both national and international. The National Quality Assessment of University Research (VQR) saw the Area of Earth Sciences, entirely represented within the DiSTeM, ranked among the first at national level and first within the University and the SSD BIO/07 ranked among the first three at national level and the first among the Scientific Disciplinary Sectors of the University of Palermo. Several teachers and researchers of DiSTeM also belong to research organizations such as the Institute for the Coastal Marine Environment of the National Research Council (IAMC-CNR), the National Institute of Geophysics and Volcanology (INGV), the National Interuniversity Consortium for Sea Sciences (CoNISMa) and have conferred research products to these organizations for their quality assessment. DiSTeM is also in agreement with the Institute of Marine Biology of the University Consortium of the Province of Trapani, where two of its researchers work. Participation in inter-university consortia and international research networks, as well as in European Clusters and Platforms, is an integral part of the scientific activity carried out by teachers, researchers, assignees and PhD students of DiSTeM, in the knowledge that through these channels it will be easier to achieve the goal of internationalization of research.