Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

2174 - SCIENZE RIABILITATIVE DELLE PROFESSIONI SANITARIE

Presentazione

Obiettivi Formativi

Obiettivi specifici: - I laureati nella classe possiedono una formazione culturale e professionale avanzata per intervenire con elevate competenze nei processi assistenziali, gestionali, formativi e di ricerca in uno degli ambiti pertinenti alle diverse professioni sanitarie ricomprese nella classe (podologo, fisioterapista, logopedista, ortottista-assistente in oftalmologia, terapista della neuro e psicomotricita' delleta' evolutiva, tecnico della riabilitazione psichiatrica, terapista occupazionale, educatore professionale). - I laureati specilisti che hanno acquisito le necessarie conoscenze scientifiche, i valori etici e le competenze professionali pertinenti alle professioni nell'ambito riabilitativo e hanno ulteriormente approfondito lo studio della disciplina e della ricerca specifica, alla fine del percorso formativo sono in grado di esprimere competenze avanzate di tipo assistenziale, educativo e preventivo in risposta ai problemi prioritari di salute della popolazione in eta' pediatrica, adulta e geriatrica e ai problemi di qualita' dei servizi. In base alle conoscenze acquisite, sono in grado di tenere conto, nella programmazione e gestione del personale dell'area sanitaria, sia delle esigenze della collettivita, sia dello sviluppo di nuovi metodi di organizzazione del lavoro, sia dell'innovazione tecnologica ed informatica, anche come riferimento alle forme di teleassistenza o di teledidattica, sia della pianificazione ed organizzazione degli interventi pedagogico-formativi nonche' dell'omogeneizzazione deli standard operativi a quelli dell'Unione Europea. - I laureati specialisti sviluppano, anche a seguito dell'esperienza maturata attraverso un'adeguata attivita' professionale, un approccio integrato ai problemi organizzativi e gestionali delle professioni sanitarie, qualificato dalla padronanza delle tecniche e delle procedure del management sanitario, nel rispetto delle loro ed altrui competenze. Le conoscenze metodologiche acquisite consentono loro anche di intervenire nei processi formativi e di ricerca peculiari degli ambiti suddetti. - Le competenze dei laureati specialisti nella classe comprendono: applicare le conoscenze di base delle scienze pertinenti alla specifica figura professionale necessarie per assumere decisioni relative alla organizzazione e gestione dei servizi sanitari erogati da personale con funzioni riabilitative dell'area medica, all'interno di strutture sanitarie di complessita' bassa, media o alta; utilizzare le competenze di economia sanitaria e di organizzazione aziendale necessarie per l'organizzazione di servizi sanitari e per la gestione delle risorse umane e tecnologiche disponibili, valutando il rapporto costi-benefici; supervisionare specifici settori dell'organizzazione sanitaria per la riabilitazione; utilizzare i metodi e gli strumenti della ricerca nell'area dell'organizzazione dei servizi sanitari; applicare e valutare l'impatto di differenti modelli teorici nell'operativita' dell'organizzazione e gestione dei servizi sanitari; programmare l'ottimizzazione di vari tipi di risorse (umane, tecnologiche, informative, finanziarie) di cui dispongono le strutture sanitarie di bassa, media e alta complessita; progettare e realizzare interventi formativi per l'aggiornamento e la formazione permanente afferente alle strutture sanitarie di riferimento; sviluppare le capacita' di insegnamento per la specifica figura professionale nell'ambito delle attivita' tutoriali e di coordinamento del tirocinio nella formazione di base, complementare e permanente; comunicare con chiarezza su problematiche di tipo organizzativo e sanitario con i propri collaboratori e con gli utenti; analizzare criticamente gli aspetti etici e deontologici delle professioni dell'area sanitaria, anche in una prospettiva di integrazione multi-professionale. - Le strutture didattiche devono pertanto individuare e costruire, mediante l'opportuna selezione degli ambiti disciplinari delle attivita' formative caratterizzanti, nonche' dei correlati settori scientifico-disciplinari di carattere specificatamente professionalizzante, gli specifici percorsi formativi delle professioni sanitarie ricomprese nella classe, riservando all'ambito disciplinare proprio di ciascuna professione sanitaria non meno di 50 CFU. Autonomia di giudizio: I laureati devono avere la capacita' di integrare le conoscenze e gestire la complessita, nonchE' di formulare giudizi sulla base di informazioni limitate o incomplete, includendo la riflessione sulle responsabilita' sociali ed etiche collegate all'applicazione delle loro conoscenze e giudizi. In particolare, i laureati devono: - utilizzare in modo appropriato gli indicatori di efficacia e di efficienza dei servizi sanitari per specifiche patologie e gruppi di patologie; - individuare le componenti essenziali dei problemi organizzativi e gestionali del personale tecnico riabilitativo in strutture di media o alta complessita; - individuare i fattori di rischio ambientale, valutarne gli effetti sulla salute e predisporre interventi di tutela negli ambienti di lavoro; - rilevare le variazioni di costi nei servizi sanitari in funzione della programmazione integrata e del controllo di gestione; - partecipare, con funzioni di consulenti, alle iniziative per l'abbattimento delle barriere architettoniche. L'acquisizione di tali capacita' viene valutata mediante esercitazioni, simulate, prove in itinere e stesura di progetti. Abilita' comunicative: I laureati devono essere saper comunicare in modo chiaro e privo di ambiguita' le loro conclusioni, nonchE' le conoscenze e la ratio ad esse sottese, a interlocutori specialisti e non specialisti. Devono anche sviluppare capacita' di comunicazione a livello di Equipe e gruppi di lavoro anche interdisciplinari. Devono, inoltre, mantenere costanti rapporti internazionali con le rispettive strutture sanitarie specie nella Unione europea, allo scopo di favorire la massima omogeneizzazione dei livelli di intervento; e curare le relazioni interpersonali nell'ambiente di lavoro, armonizzando il contributo delle diverse professionalita' impegnate nel campo della riabilitazione, evitando sovrapposizioni e ottimizzando il processo riabilitativo. Tali abilita' vengono valutate mediante attivita' di lavoro in Equipe multi-disciplinare e report finali sulle attivita' svolte. Capacita' di apprendimento: I laureati devono aver sviluppato quelle capacita' di apprendimento che consentano loro di continuare a studiare per lo piu' in modo auto-diretto o autonomo, e in modo tale da potersi adeguatamente orientare nello studio e nell'approfondimento della produzione scientifica nazionale e internazionale e nell'aggiornamento bibliografico nell'ambito delle discipline di loro competenza. Tali capacita' andranno anche estese agli ambiti giuridici e gestionali connessi a tali aree. Devono, inoltre: - garantire la continua ricaduta sul gruppo di lavoro dei piu' recenti metodi e strumenti forniti dal continuo sviluppo scientifico e tecnologico del settore, con particolare riferimento alle opportunita' offerte dalle applicazioni della bioingegneria, bioelettronica e bioinformatica alla riabilitazione; - progettare e curare l'aggiornamento della professionalita' dei laureati, assicurando loro la continua crescita tecnica e scientifica, nonchE' il mantenimento di un elevato livello di motivazione personale; - acquisire il metodo per lo studio indipendente e la formazione permanente; - effettuare una ricerca bibliografica sistematica, anche attraverso banche dati, e i relativi aggiornamenti periodici; - effettuare criticamente la lettura di articoli scientifici; - sviluppare la ricerca e l'insegnamento, nonchE' approfondire le strategie di gestione del personale riguardo alla specifica figura professionale. Tali capacita' vengono valutate mediante attivita' di lavoro in equipe multi-disciplinare, attivita' didattiche frontali, prove in itinere, esercitazioni, stesura di tesi e prove finali.

Sbocchi Occupazionali

Profilo: DIRIGENTI ED EQUIPARATI NELLA SANITA' Funzioni: RUOLO DIRIGENZIALE CON ATTIVITA' DI: - DIREZIONE - MONITORAGGIO - PROGETTAZIONE - CONSULENZA - GESTIONE DELLE RISORSE UMANE, INFORMATICHE E TECNOLOGICHE Competenze: ORGANIZZAZIONE AZIENDALE IN AMBITO SANITARIO GESTIONE DI COSTI E STRUTTURE ATTIVITA' DI RICERCA CONTROLLO DELLA QUALITA' CASE MANAGEMENT Sbocchi: - AMBITO DELLA LIBERA PROFESSIONE, - AZIENDE SANITARIE PUBBLICHE, ACCREDITATE O IN REGIME DI CONVENZIONAMENTO CON IL SSN - UNIVERSITA'

Caratteristiche della Prova Finale

Il regolamento e' in via di definizione e verra' redatto sulla base delle linee guida presenti nella delibera del Senato Accademico del 6.11.2012, di cui si allega pdf, e nei modi prescritti da apposito decreto del M.I.U.R. di concerto con il Ministero della Sanita.