Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

U.O. Archivio Storico di Ateneo

Presentazione

L’archivio storico, che insieme alle sezioni di archivio corrente e di deposito rappresenta una parte dell'archivio generale,  ha il compito di conservare e valorizzare i documenti prodotti o ricevuti da tutti gli organi centrali e periferici dell’università, i cui procedimenti siano conclusi da almeno 30 anni. È incardinato all'interno del "Servizio speciale Sistema bibliotecario e archivio storico di Ateneo".

Il patrimonio copre un arco temporale che va dal  1806, anno ufficiale di nascita della Pubblica e Regia Università di Studi, fino alla seconda metà del '900 e comprende anche un nucleo antico e di notevole pregio prodotto dai suoi enti predecessori, a partire dal 1646. Per la ricchezza e il valore storico della sua documentazione, il 28 settembre 1978 l’archivio è stato dichiarato di particolare importanza dal Ministero per i Beni culturali e ambientali.

Dal 2005 è in corso un progetto di riordinamento, che prevede il censimento e l'inventariazione dell’intero patrimonio archivistico, ubicato in più sedi: sinora sono state schedate circa 65.000 unità archivistiche, consultabili nell’inventario.

Oggi i suoi uffici e la documentazione descritta nell'inventario informatizzato si trovano all’interno del complesso monumentale dello Steri.

Il delegato del Rettore all'Archivio storico di Ateneo è il professore Mario Varvaro, ordinario di Storia del diritto romano.