Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Settore Servizi per la ricerca e diffusione della conoscenza scientifica

Esempi pratici su come evitare il plagio

Esempi di cosa è e cosa non è il plagio

Testo originario

L’illustrazione dei servizi fin qui proposta è, evidentemente, solo un’esemplificazione che fa riferimento agli aspetti ed alle variabili essenziali che possono caratterizzare il portafoglio di ciascuna biblioteca. Ogni biblioteca dovrà poi ritagliare le caratteristiche dei servizi offerti sui bisogni degli utenti a cui essa si rivolge, operazione per la quale non si potrà che attingere alle informazioni e ai dati raccolti in fase di pianificazione. Saranno, infatti, i ruoli prescelti da ciascuna biblioteca all’interno della propria tipologia istituzionale a determinare i piani di servizio da sviluppare prioritariamente e quindi le scelte da operare in merito ai servizi da attivare e alle relative caratteristiche.

Giovanni Solimine, Gestire il cambiamento, Milano, Editrice Bibliografica 2003 p.139

 

Esempi di plagio

1.      La varietà e il numero di servizi offerti dalla biblioteca dipende da alcuni elementi propri della struttura quali il numero del personale disponibile, le competenze che ciascun bibliotecario può offrire, i bisogni rilevati degli utenti e la coerenza con la pianificazione delle attività della biblioteca. Ogni biblioteca dovrà poi ritagliare le caratteristiche dei servizi offerti sui bisogni degli utenti a cui essa si rivolge, operazione per la quale non si potrà che attingere alle informazioni e ai dati raccolti in fase di pianificazione. Saranno, infatti, i ruoli prescelti da ciascuna biblioteca all’interno della propria tipologia istituzionale a determinare i piani di servizio da sviluppare prioritariamente e quindi le scelte da operare in merito ai servizi da attivare e alle relative caratteristiche. È utile sviluppare i servizi in base ad un’analisi approfondita che sappia coordinare diverse tipologie di dati.

Esempio di plagio perché sono state copiate dal testo originario due frasi omettendo di riscrivere e di distinguere il testo copiato “Ogni biblioteca (…) caratteristiche” dal proprio testo. Manca la fonte da cui è stato tratto il brano copiato.

Per non incorrere nel plagio è necessario mettere in evidenza i testi (es. virgolette) di diversa provenienza e indicare la fonte attraverso una nota (data-autore o a piè di pagina) che rimandi alla bibliografia.

 

***

2.      La varietà e il numero di servizi offerti dalla biblioteca dipende da alcuni elementi propri della struttura quali il numero del personale disponibile, le competenze che ciascun bibliotecario può offrire, i bisogni rilevati degli utenti e la coerenza con la pianificazione delle attività della biblioteca. Ogni biblioteca dovrà poi ritagliare le caratteristiche dei servizi offerti sui bisogni degli utenti a cui essa si rivolge, operazione per la quale non si potrà che attingere alle informazioni e ai dati raccolti in fase di pianificazione. Saranno, infatti, i ruoli prescelti da ciascuna biblioteca all’interno della propria tipologia istituzionale a determinare i piani di servizio da sviluppare prioritariamente e quindi le scelte da operare in merito ai servizi da attivare e alle relative caratteristiche. (G. Solimine, 2003) È utile sviluppare i servizi in base ad un’analisi approfondita che sappia coordinare diverse tipologie di dati.

Esempio di plagio perché sono state copiate dal testo originario due frasi omettendo di riscrivere e di distinguere il testo copiato “Ogni biblioteca (…) caratteristiche” dal proprio testo.

La presenza della fonte non è sufficiente a non incorrere nel plagio.  Per non incorrere nel plagio è necessario evidenziare (es. virgolette) i testi di diversa provenienza.

***

3.      La varietà e il numero di servizi offerti dalla biblioteca dipende da alcuni elementi propri della struttura quali il numero del personale disponibile, le competenze che ciascun bibliotecario può offrire, i bisogni rilevati degli utenti e la coerenza con la pianificazione delle attività della biblioteca. Sarà utile che la biblioteca ritagli le caratteristiche dei servizi offerti sui bisogni degli utenti a cui essa si rivolge, dati e informazioni per la fase di pianificazione. I ruoli prescelti da ciascuna biblioteca all’interno della propria tipologia istituzionale saranno utili a determinare i piani di servizio da sviluppare prioritariamente e quindi le scelte da operare in merito ai servizi da attivare e alle relative caratteristiche. È utile sviluppare i servizi in base ad un’analisi approfondita che sappia coordinare diverse tipologie di dati (G. Solimine, 2003).

Esempio di plagio perché sono stati copiati dal testo originario pezzi di due frasi omettendo di riscrivere e di distinguere il testo copiato mescolando il proprio scritto con quello altrui ma anche non elaborando il testo in forma propria. La presenza della fonte con una nota data-autore non è sufficiente. Per non incorrere nel plagio è necessario parafrasare il testo elaborandolo ed esprimendo il contenuto con parole proprie.

***

4.      La varietà e il numero di servizi offerti dalla biblioteca dipende da alcuni elementi propri della struttura quali il numero del personale disponibile, le competenze che ciascun bibliotecario può offrire, i bisogni rilevati degli utenti e la coerenza con la pianificazione delle attività della biblioteca. Ciascuna biblioteca offrirà un portafoglio dei servizi in relazione alla propria utenza e ai bisogni rilevati; sarà compito della biblioteca determinare i piani di servizio da sviluppare con più urgenza e a definire le caratteristiche dei servizi da attivare (G. Solimine, 2003). È utile sviluppare i servizi in base ad un’analisi approfondita che sappia coordinare diverse tipologie di dati.

 Esempio di plagio perché il testo citato è stato modificato non rielaborando né il contenuto né la forma: entrambi non sono stati resi personali né originali. Sono presenti le tracce di plagio nella ripetizione di alcune parole e frasi. La citazione autore-data rimanda alla bibliografia finale assai più precisa di particolari. La citazione della fonte non è sufficiente di per sé perché non sono chiari i confini della paternità dei contenuti.


Esempi di rielaborazione accettabili

1.      La varietà e il numero di servizi offerti dalla biblioteca dipende da alcuni elementi propri della struttura quali il numero del personale disponibile, le competenze che ciascun bibliotecario può offrire, i bisogni rilevati degli utenti e la coerenza con la pianificazione delle attività della biblioteca. “Ogni biblioteca dovrà poi ritagliare le caratteristiche dei servizi offerti sui bisogni degli utenti a cui essa si rivolge, operazione per la quale non si potrà che attingere alle informazioni e ai dati raccolti in fase di pianificazione. Saranno, infatti, i ruoli prescelti da ciascuna biblioteca all’interno della propria tipologia istituzionale a determinare i piani di servizio da sviluppare prioritariamente e quindi le scelte da operare in merito ai servizi da attivare e alle relative caratteristiche” (G. Solimine, 2003). È utile sviluppare i servizi in base ad un’analisi approfondita che sappia coordinare diverse tipologie di dati.

Esempio di NON plagio perché sono state copiate dal testo originario due frasi includendole tra virgolette “Ogni biblioteca (…) caratteristiche” e dunque riscrivendo e differenziando il testo copiato dal proprio testo NON mescolando il proprio scritto con quello altrui. La fonte autore-data è presente nel testo a fine citazione e rimanda alla bibliografia finale assai più precisa di particolari.

***

 

2. La varietà e il numero di servizi offerti dalla biblioteca dipende da alcuni elementi propri della struttura quali il numero del personale disponibile, le competenze che ciascun bibliotecario può offrire, i bisogni rilevati degli utenti e la coerenza con la pianificazione delle attività della biblioteca. Come approfondisce bene G. Solimine, ciascuna biblioteca cercherà di conoscere i propri utenti per definire le priorità dei servizi da offrire secondo un portafoglio corrispondente agli interessi della propria utenza e ai bisogni rilevati (G. Solimine, 2003). È utile sviluppare i servizi in base ad un’analisi approfondita che sappia coordinare diverse tipologie di dati.

 

Esempio di NON plagio perché è stato totalmente rielaborato il testo ritenuto utile per la propria ricerca ed è stata citata la fonte rimandando alla bibliografia finale per informazioni più precise di particolari. 

 

 Esempi di plagio, citazioni bibliografiche e bibliografia