Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Scienze Politiche e delle relazioni internazionali

Un'età contro la storia - Saggio sulla rivoluzione del XXI secolo

E-Book Faraci

Nelle forme proprie di un pamphlet, deliberatamente svincolato dalle consuete modalità accademiche di impianto e di scrittura, questo saggio costituisce il punto di arrivo dello sviluppo teoretico del lungo lavoro storiografico dell’Autore, segnato in profondità dalla lezione di Antonio Gramsci e consapevole del nesso inscindibile storiografia-filosofia. L’obiettivo perseguito è un’interpretazione unificante dell’attuale fase storica dell’Occidente dopo l’implosione del “socialismo reale”. Su un filo di analisi già inaugurato nell’anno 2000 in Eclissi del principe e crisi della storia (edito da Franco Angeli), il saggio consegue la sua originalità nella critica investigazione (superando le analisi “frantumate” fin qui emerse dal cantiere di una vasta pubblicistica) del carattere rivoluzionario, nel senso proprio di “rivoluzione strutturale”, dei processi in corso nello scenario mondiale della “globalizzazione”. Se ne mettono in luce criticamente le emergenze e le conseguenze più rilevanti: i cambiamenti radicali nella percezione del rapporto tra uomo e natura, il crollo della “ragione dialettica” e del pensare storico sotto la conseguita egemonia di una “logica formale” funzionale al primato conseguito dalla tecnica sulla stessa scienza; le categorie del “pensiero unico” della globalizzazione capitalistica e la falsa coscienza della de-ideologizzazione; l’occultamento della morte e la “sfida all’eternità”; la disgregazione del sociale e la fine dei “soggetti collettivi”; il degrado della libertà nella mera “libertà di consumare” e i processi alienanti che attivano nello scenario mondiale un inedito conflitto, e una falsa dialettica, tra “inclusi” ed “esclusi”; la mistificazione della “democrazia” che appare condannata alla deriva populistica; le antinomie di una “globalizzazione” paradossalmente assediata da se stessa.

Scarica l'ebook

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

La classe dirigente siciliana e lo Stato unitario

E-Book Faraci

In questo volume la curatrice raccoglie alcuni contributi sul pensiero politico e sull'impegno istituzionale di alcuni esponenti della classe dirigente siciliana nei decenni postunitari. Si tratta di lavori presentati in convegni e in seminari nel corso degli ultimi anni e maturati nell'ambito della cattedra di Storia delle istituzioni politiche del Dipartimento di Scienze politiche e sociali dell'Università di Catania. I temi, che vertono su personaggi di alto profilo (Michele Amari, Francesco Paolo Perez, Francesco Crispi, Napoleone Colajanni, Antonio di Rudinì), hanno un filo unitario che si incentra sul loro ruolo nella costruzione del nuovo Stato.

Il saggio su Amari ricostruisce, dopo il riordino delle carte e la pubblicazione di nuove fonti, l'attività, in campo politico e storiografico, del grande studioso del Vespro. In parallelo si colloca il saggio su Perez che, con i suoi studi sul decentramento, divenne dopo l'Unità il punto di riferimento delle correnti contrarie all'accentramento. Segue il contributo sul pensiero politico e sull'impegno istituzionale" di Colajanni, al quale la storiografia ha dedicato sinora poca attenzione. Rilevanti sono i saggi su Crispi e Rudinì (due siciliani chiamati alla guida del governo), incentrati sui loro progetti istituzionali e sull'attività governativa. Completano il volume due contributi di impianto istituzionale. Uno riguarda i tecnici e il riordino delle circoscrizioni amministrative nella crisi di fine secolo. L'altro presenta delle ipotesi di ricerca sull'accentramento amministrativo e sui modelli europei.

L'impianto complessivo del volume si inserisce nel dibattito storiografico recente, che cerca di fugare lo stereotipo della Sicilia soggetto passivo all'interno dello Stato unitario. Si vuole, viceversa, evidenziare la partecipazione attiva della classe dirigente siciliana, sia nella fase di costruzione dello Stato unitario sia alla guida del Paese, con progetti che coniugano sempre lo sviluppo dell'isola con quello dell'intera nazione. Il periodo trattato riguarda l'Ottocento, 'il secolo grande', durante il quale la Sicilia occupa l'intera scena nazionale per la presenza di questi e di altri personaggi che pongono problemi interessanti sul versante della storia delle istituzioni e delle dottrine politiche.

Scarica l'ebook

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Paolo Pastori - Tradizione, declino, rivoluzione

paolo_pastoriSi tratta di un ampio coraggioso lavoro innovativo; originale e pure foriero di un filone storico-filosofico-dottrinario di cui non abbiamo esempio. L’Autore ci presenta un canone nel quale complessità culturale, varietà politica e specificità di passaggi storici si intrecciano nel tentativo, anch’esso molto ambizioso, di sondare le fondamenta dell’esistenza umana lungo un arco di tempo che, dal XVI arriva, sostanzialmente, fino alle soglie del XX secolo.
L’Autore è quasi affascinato dalla persistenza di taluni modelli oltre la dialettica delle situazioni e, per questi motivi, ricorre al filo materico dei simboli, testimonianza espressiva di ciò che si vuole conservare pur nel cambio degli scenari politici; quasi un patrimonio che scorre, stagione dopo stagione, nella lunga catena dell’essere saldata, inevitabilmente, dal primariamente fondante a quanto apre nuovi orizzonti.
Questa ci sembra la cifra del lavoro, ma essa, che a nostro avviso è riscontrabile in ogni pagina, non la si afferra subito e, se non la si tiene presente in seguito, può condurre il lettore fuori dallo schema intenzionale che l’Autore si propone (P. Bagnoli, Al Lettore).

Scarica l'ebook

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Rivista Storia e Politica

storiaepoliticaStoria e Politica riprende, con frequenza quadrimestrale, le pubblicazioni nell’ambito della ricerca scientifica universitaria. Questa nuova serie esce in un momento in cui da ogni parte si propongono per l’Università radicali riforme di organizzazione e rigorosi criteri di valutazione. Quanti ci assumiamo la responsabilità di rilanciare una prestigiosa testata, che nel passato portò le firme di autorevoli studiosi, abbiamo la consapevolezza di intraprendere un’impresa difficile, di avere nelle mani una grossa eredità culturale tutta da custodire e da accrescere. Non può essere considerata una pretesa la nostra se, disposti a correre un rischio, partiamo con l’impegno – che, in quanto tale, già sentiamo come dovere – di fare molto e bene.

Visita il sito



Salva

Salva

Salva

Salva

Giappone, un diritto originale alla prova della globalizzazione

copertinaIl presente volume raccoglie gli scritti elaborati da due studenti (e ora laureati) dell’Università degli Studi di Palermo – Dipartimento di Scienze Politiche e delle Relazioni Internazionali DEMS – nell’ambito del progetto “Messaggeri della Conoscenza” finanziato dal Ministero per l’Istruzione, l’Università e la Ricerca al fine di fornire metodi di insegnamento e ricerca tipici di altri sistemi educativi a contenuti scientifici di frontiera sviluppati da centri di eccellenza internazionale. Tale lodevole iniziativa ha consentito ai due giovani autori di effettuare un periodo di permanenza presso l’Università di Nagoya. I saggi qui contenuti, pertanto, molto debbono al periodo, breve, certamente, ma intenso, trascorso in Giappone.

Scarica l'ebook

 

Democrazia e sistema bicamerale. Teoria politica, profili storici e prospettive costituzionali

Schermata 2016-01-26 alle 13.20.25Il volume raccoglie le relazioni presentate al Convegno dal titolo “Democrazia e sistema bicamerale. Teoria politica, profili storici e prospettive costituzionali” tenutosi presso l’Aula Magna dell’Università degli Studi di Messina il 12 e 13 marzo 2015. Durante le giornate del convegno gli autori hanno sviluppato un’approfondita analisi secondo diverse prospettive disciplinari: il diritto costituzionale e comparato, la storia moderna e contemporanea, la storia delle dottrine e delle istituzioni politiche.

Scarica pdf

Trasformazioni della modernità - Spicchi di storia del pensiero politico europeo

Trasformazioni della modernitàIl volume raccoglie i saggi di giovani studiosi di storia e teoria politica (Andrea Lo Bianco, Fabiana Fraulini, Giorgio La Neve, Lucia Marines, Luana Alagna) che, con le loro riflessioni su aspetti e figure della modernità europea fino alle questioni contemporanee, hanno tracciato un percorso largo e accennato di storia del pensiero politico che ci è sembrato opportuno e – perché no? – suggestivo, chiamare Trasformazioni della modernità. Spicchi di storia del pensiero politico europeo. Il titolo evoca l’idea del mutamento, nella storia intellettuale, dei concetti politici, e come la loro stessa evoluzione operi cambiamenti nella storia culturale, economico-sociale e politica dell’Europa, lo sfondo centrale di questo itinerario che rappresenta un concetto a sé, che plasma e dà identità alle teorie politiche prese in considerazione. Perciò si è voluto significare nel quadro di Rubens sul Ratto d’Europa (1628) la pluralità dei contributi e il loro file rouge. Il mito infatti condensa le idee di potere (il toro) e di cambiamento (il mare), e della dinamica complessa e violenta dell’atto fondatore della città (il rapimento della vergine), al cui centro rimane comunque la donna, da cui nasce la vita. Nonché, nella fenomenologia dell’origine, tra Oriente e Occidente, la genesi stessa del Continente.

Scarica il pdf

Open Government - Total transparency and implementation in Italy and in the Sicilian Region

Copia di ebook english Prof Armao 8 giugno 15The Open Government or open Administration collects the set of institutions aiming to ensure the full transparency of public administration, citizens’ participation in public decision-making through measures that help responsibility, organizational performance, widespread control, the simplification and use of new information technologies, data reusing, the interaction, and bidirectionality (Carloni E., 2013).
The web, if used in connection with Open Government practices, it becomes an extraordinary controlling method not only to clash inefficiencies, corruption and bad administration, but also to promote transparency and develop participation practices.
This paper argues that the anti-corruption provisions applications and the subsequent applicator decree (Law no. 190/2012 and Decree 33/2013) in the subject of complete administrative transparency of Sicilian Government administration and the main regional governmental bodies (agencies and firms).
The Italian Government effectively, on the analogy on european rules and significant foreign experiences - first between all the "Open Government Initiative" by US Government dated 2009 on transparency, participation and cooperation principles - issued a set of rules on publicity and transparency acts by public administrations, providing important changes to the previous regulation and recognizing a citizen general right to the full disclosure and exploitation of administrative data, in open format, to strengthen the features as a service mean for people and enterprises.

Scarica il pdf

Rapporto sull'Open Government in Sicilia 2015

La cittadinanza nel pensiero politico americano

immcittadinanzaIl tema della cittadinanza come questione politica per eccellenza è l’oggetto di una riflessione che attraversa la storia del pensiero politico americano dai padri fondatori fino ai teorici dell’«etica della cura». Non è certo una trattazione esaustiva di tutte le problematiche poste dalla relazione tra la cittadinanza e la democrazia nella tradizione politica degli Stati Uniti, quanto un tentativo di esporre alcune delle risposte più significative che siano state date da una società politica che si è caratterizzata per la sua inclusività. Franco Maria Di Sciullo, Giuseppe Bottaro, Dario Caroniti, Giovanni Dessì e Maria Pia Paternò analizzano in cinque saggi le teorie dei padri costituenti, dei trascendentalisti, dei progressisti, spingendosi fino ai più recenti dibattiti della filosofia politica contemporanea. Un filo sottile lega però tra loro tutte le diverse correnti di pensiero qui esposte: il comune tentativo di trovare una conciliazione tra il pluralismo e la comune appartenenza a un ordine politico, oltre alla fiducia quasi incrollabile nelle possibilità che l’uomo e, in particolare, l’uomo americano, possa realizzarla. Scarica il pdf