Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Settore Servizi per la ricerca e diffusione della conoscenza scientifica

L’importanza di fondare un periodico scientifico online

Negli utlimi anni la comunità scientifica ha acquisito piena consapevolezza dell'importanza e dei vantaggi offerti dai canali alternativi di editoria digitale scientifico-accademica on-line ispirati ai principi dell’Open Access. 

Fondare e diffondere gratuitamente una rivista scientifica online permette di mettere a disposizione di tutta la comunità accademica i prodotti della ricerca in forma gratuita, migliorando e a valorizzando l’impatto dei risultati della ricerca e incrementando il prestigio dell’Ateneo, con l'obiettivo di renderlo sempre più competitivo rispetto alle altre istituzioni di ricerca.

Un periodico online viene indicizzato dai motori di ricerca e quindi ha ampia visibilità sul web:  anche per questo la creazione di riviste accademiche online a basso costo viene oggi individuata come una delle strategie più efficaci per favorire una disseminazione più ampia della ricerca universitaria, con il vantaggio della riduzione dei costi e della massimizzazione dell’impatto.

Sottoscrivendo nel 2004 la Dichiarazione di Messina a sostegno della Dichiarazione di Berlino, il nostro Ateneo si è impegnato a sostenere nuove possibilità di disseminazione della conoscenza tramite Internet e da anni ha mosso passi concreti lungo questa direttrice di azione grazie al repository per l’archiviazione della produzione scientifica di Ateneo IRIS.

La pubblicazione nel 2009 da parte del Gruppo Open Access della Commissione Biblioteche della CRUI del documento Riviste ad accesso aperto: linee guida, che naviga sull’onda di precedenti analoghe iniziative internazionali (la Guide to businness planning for launching a new open access journal a cura della Budapest Open Access Initiative del 2003) incoraggia le Università italiane ad intraprendere la strada della creazione di riviste ad accesso libero o a basso costo che si pongano come alternativa a quelle prodotte dagli editori commerciali.