Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Scienze Psicologiche, Pedagogiche e dell'Esercizio Fisico e della Formazione

Aldilà della contingenza storica che spinse Frank Bridge a comporre nel 1912 il duetto “Lament” per due viole, abbiamo voluto accostare il brano alla tematica della tossico-dipendenza riferendoci allo stato emozionale che l’esecuzione e la fruizione del testo musicale può suscitare. L’inizio struggente e malinconico della sola viola ci riconduce al dramma che precede la scelta di intraprendere la via buia del tunnel della droga. Il sovrapporsi della seconda viola che si allinea al suono della prima sembra voler riconoscere e penetrare nel dramma della prima voce, per comprenderne ragioni e darne supporto e sollievo. Nel turbine di allineamenti e contrapposizioni, di alti e bassi, di armonie e disarmonie che vedono le due voci strumentali rincorrersi vertiginosamente, ritrovarsi, piangere insieme e scontrarsi energicamente, che caratterizza la parte centrale del brano, rivediamo il dramma del soggetto dipendente lacerato fra la volontà di “uscirne” e la consapevolezza dell’ineluttabilità della “dipendenza”. Il tema iniziale che si ripete nella parte finale del brano sembra ricordarci l’impossibilità di uscire fuori da una storia che si ripete, uguale a se stessa, nonostante i tentativi per venirne fuori. Ma alla fine, proprio quando ogni speranza sembra naufragare, la dolcezza e la pacatezza delle due voci all’unisono, ci risvegliano quel senso di solidarietà, condivisione e vicinanza che lascia sperare in un mondo migliore

bio_federico_boattaFEDERICO BOTTA

Nato a Palermo il 4 Agosto 1995, inizia il percorso musicale presso il conservatorio Alessandro Scarlatti di Palermo, ex Vincenzo Bellini, all’età di otto anni in viola, sotto la guida del maestro Renato D’Anna.

Consegue la maturità classica presso il Liceo Vittorio Emanuele II di Palermo e nel 2016 la laurea in viola. Consegue la laurea triennale in ingegneria chimica presso l’università di Palermo nel 2019 ed è attualmente iscritto al percorso magistrale di ingegneria chimica di processo presso il medesimo polo universitario.


                     

 



bio_riccardo_boattaRICCARDO BOTTA

Nato a Palermo nel febbraio del 1997, inizia gli studi accademici presso il Conservatorio Alessandro Scarlatti già Vincenzo Bellini di Palermo all’età di 7 anni.

Consegue il diploma di vecchio ordinamento in viola nel 2016, varcando ad oggi numerosi dei palcoscenici tra i più importanti della nazione, con Maestri di fama internazionale quali Ezio Bosso o ancora Beppe Vessicchio, spaziando tra i vari generi musicali, dal classico al contemporaneo, dal barocco al pop.

Consegue la laurea in giurisprudenza nel marzo del 2021, affiancando al percorso musicale quello della pratica forense, studiando ed approfondendo le tematiche trasversali tra musica, cultura e legge.


                       

 

 

GLI ALTRI VINCITORI

Jessica Cammarata

Fotografia

di Jessica Cannarata

Nazareno Inzerillo

Non sei solo

videoclip di Nazareno Inzerillo

Gaia Garofalo

Loop infinito imperativo categorico

testo e narrazione di Gaia Garofalo

Silvia Pavone

Io non sono solo

disegno
di Silvia Pavone

PUOI RIVOLGERTI A

Dipartimento di Scienze Psicologiche, Pedagogiche, dell'Esercizio Fisico e della Formazione
Servizio di Psicologia | Viale delle Scienze - Edificio n. 15, Piano 4 stanza 415
CAP 90128 - Palermo Tel. 091-238 97788