Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Progetto Mentore

Mentore per la didattica

Il programma “Mentore per la didattica” è cominciato nel 2013 e attualmente coinvolge, su base volontaria, circa ottantacinque docenti di diversi corsi di studio dell’Ateneo. Il programma si basa su due attività prevalenti: le attività di tutoraggio e la partecipazione a incontri di studio e approfondimento sulla didattica.

  1. Le attività di tutoraggio.
    Ad ogni docente che aderisce al programma sono assegnati due mentori che hanno il compito di aiutarlo a migliorare la qualità della didattica. I mentori sono individuati tra i partecipanti al programma. 
  2. Incontri di studio ed approfondimento sulla didattica.
    Durante l’anno vengono effettuati alcuni incontri di approfondimento sulla qualità della didattica nell’ambito dei quali vengono spesso invitati degli esperti esterni al programma.

Il programma si rivolge a tutti i docenti dell’Ateneo di Palermo che decidano di aderire allo stesso. L’adesione deve essere data tramite email (vedi indirizzi email nei contatti) entro agosto di ogni anno.

Gli obiettivi

Il programma mentore nasce dalla consapevolezza che nella maggior parte dei casi in Italia non esistono azioni di sistema (in ambito dei Corsi di Studio, delle Facoltà, dei Ateneo o del sistema universitario nel suo complesso) che possano aiutare il docente a migliorare la qualità della sua didattica.

La maggior parte dei docenti ha cominciato ad insegnare senza ricevere una formazione adeguata all’insegnamento e non riceve alcun ausilio durante il suo lavoro in merito alla qualità della didattica. Quest’ultima sembra essere un problema dell’insegnante che deve curare da solo la sua formazione. In questo contesto, sembra importante sviluppare delle azioni di sistema che possano aiutare i docenti a lavorare insieme per migliorare la qualità del loro operato.

In particolare, il programma mentore si propone di (i) cercare di trovare degli strumenti per migliorare la qualità e l’efficacia delle lezioni; (ii) di sperimentare nuove prassi su base volontaria da estendere in seguito a consessi più ampli.

Il docente che aderisce al programma mentore si pone l’obiettivo di migliorare la propria didattica riflettendo criticamente su di essa grazie anche all’aiuto di due mentori che seguono alcune sue lezioni e che hanno il compito di ragionare con lui sugli aspetti da migliorare. Inoltre, il docente partecipa a una serie di riunioni sulla qualità della didattica che, spesso, prevedono l’intervento di esperti esterni.


Evidenza

Prossimi incontri: 25 giugno alle ore 9.00. Incontro di approfondimento sugli stili di apprendimento (per coloro che non hanno partecipato gli anni precedenti). 25 giugno ore 11.30. Assemblea annuale dei partecipanti del progetto mentore.