Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

ENRICO NAPOLI

Analisi dei fenomeni di riempimento di reti di distribuzione idrica con il metodo delle caratteristiche.

  • Autori: Curto, G.; DE MARCHIS, M.; Napoli, E.
  • Anno di pubblicazione: 2008
  • Tipologia: Proceedings (TIPOLOGIA NON ATTIVA)
  • Parole Chiave: Riempimento reti idriche; moto vario; metodo delle caratteristiche
  • OA Link: http://hdl.handle.net/10447/36130

Abstract

I sistemi di distribuzione della risorsa idrica possono essere classificati, in funzione del tipo di erogazione, in due principali categorie: erogazione “alla domanda” ed erogazione “turnata”. Sebbene il metodo di erogazione alla domanda garantisca la migliore e più efficiente gestione della rete idrica, gli enti gestori si trovano spesso costretti ad adottare sistemi di erogazione di tipo turnato. Tale tipo di distribuzione, caratterizzata da transitori di riempimento e vuotamento della rete, presenta diverse criticità principalmente connesse alla sperequazione tra gli utenti nell’accesso alla risorsa idrica e all’insorgere di sovrapressioni e depressioni durante i transitori. Nella memoria viene presentato un modello matematico di simulazione del funziona-mento di una rete durante il processo di riempimento, basato sulla risoluzione delle equazioni del moto vario elastico con il metodo delle caratteristiche. Il modello si basa sulle ipotesi esemplificative che non vi siano fenomeni di separazione della colonna liquida, che la pressione dell’aria all’interno delle condotte si possa sempre considerare pari a quella atmosferica, che i fronti d’onda coincidano sempre con le sezioni trasversali e che le perdite di carico in condizioni di moto vario possano essere calcolate con le stesse formule del moto uniforme. Il modello proposto è stato applicato ad una delle “sottoreti” in cui è suddiviso il si-stema di distribuzione idrica della città di Palermo al fine di valutare l’eventuale verificarsi di sperequazioni nella distribuzione della risorsa idrica agli utenti e l’entità delle sovrapressioni che si suscitano durante i transitori.