Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

MASSIMO MIDIRI

Valutazione radiografica mirata dello spazio articolare femoro-tibiale in pazienti affetti da patologia artrosica ed artritica

  • Autori: LO RE, G.; Sutera, R.; Candela, F.; Iovane, A.; Midiri, M.
  • Anno di pubblicazione: 2007
  • Tipologia: Proceedings (TIPOLOGIA NON ATTIVA)
  • Parole Chiave: Radiografia, articolazione femoro-tibiale
  • OA Link: http://hdl.handle.net/10447/58250

Abstract

OBIETTIVO: Scopo del nostro lavoro è quello di valutare lo spazio articolare dell’articolazione del ginocchio utilizzando una proiezione specifica con paziente in decubito ortostatico. MATERIALE E METODI: Dal Settembre 2006 al Febbraio 2007 sono stati valutati 30 pazienti (18 M/ 12 F; età media 56 anni) per patologia artrosica o artritica del ginocchio. Come gruppo di controllo sono stati utilizzati 10 pazienti con pregresso trauma del ginocchio. In tutti i pazienti è stato acquisito un radiogramma del ginocchio con tecnica convenzionale ed un radiogramma con tecnica mirata allo valutazione dello spazio articolare (posizione ortostatica con ginocchia leggermente flesse, proiezione PA e fascio radiogeno angolato di circa 10° incidente a livello dell’interlinea articolare). RISULTATI: Entrambe le proiezioni acquisite hanno consentito di valutare accuratamente le alterazioni degenerative e/o infiammatorie dei pazienti affetti da patologia del ginocchio. Per la valutazione dello spazio articolare la proiezione convenzionale ha consentito un'adeguata misurazione solo in 11 pazienti (36,7%). La valutazione con tecnica dedicata ha permesso un’adeguata valutazione dell’interlinea articolare in 23 pazienti (76,7%). Nei restanti 7 pazienti l’eccessiva flessione del ginocchio (5 pazienti, 16,7%) e l’extrarotazione (2 pazienti, 7%) non hanno permesso un’appropriata visualizzazione dell’interlinea articolare. CONCLUSIONI: La valutazione dell’interlinea articolare con tecnica mirata consente una migliore valutazione delle alterazioni degenerative o infiammatorie del ginocchio rispetto alla tecnica convenzionale, consentendo anche una maggiore riproducibilità.