Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

VINCENZO LA CARRUBBA

Il concetto di "no-flow temperature" e il problema della solidificazione in flusso durante lo stadio di riempimento nel processo di stampaggio ad iniezione

  • Autori: Brucato, V.; Mannella, G.; LA CARRUBBA, V.
  • Anno di pubblicazione: 2012
  • Tipologia: Proceedings (TIPOLOGIA NON ATTIVA)
  • OA Link: http://hdl.handle.net/10447/100183

Abstract

Durante la fase di riempimento del processo di stampaggio ad iniezione, il flusso del materiale polimerico può fermarsi a causa della sua elevata viscosità, nonostante non sia avvenuta la solidificazione tramite transizione vetrosa o cristallizzazione. La no-flow temperature (NFT) è un parametro che rappresenta la "temperatura di solidificazione reologica" di un polimero, ed è utilizzata in molti software di simulazione del processo di stampaggio ad iniezione. L'estrapolazione della viscosità a basse temperature tramite modelli reologici può introdurre errori considerevoli nelle simulazioni, poichè le misure di viscosità sono usualmente effettuate ad alte temperature: in tal modo, i modelli possono fornire previsioni errate a temperature prossime alla transizione vetrosa o alla cristallizzazione. La NFT, comunque, non è un parametro ancora ben definito, e manca un metodo standard di misura. Una semplice correlazione, basata sul modello Cross-WLF, è proposta per la stima della NFT di polimeri sia amorfi che semicristallini. La correlazione considera la varazione della viscosità newtoniana con la temperatura, offrendo un metodo semplice per ottenere una stima del valore delle NFT.