Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

CLELIA BARTOLI

LA DEMOCRAZIA INDIANA. UNA CREAZIONE TRANSCULTURALE

  • Autori: Bartoli, C.
  • Anno di pubblicazione: 2008
  • Tipologia: Articolo in rivista (Articolo in rivista)
  • Parole Chiave: Democrazia, india, postcolonial studies, diritti umani, multiculturalismo, democrazie non occidentali
  • OA Link: http://hdl.handle.net/10447/44627

Abstract

Nel 2007 l’India democratica ha compiuto 60 anni e, avendo raggiunto la stimabile quota di un miliardo e centomilioni di abitanti, si dichiara con orgoglio la più grande democrazia del mondo. Ma quanto è legittimo tale orgoglio? Questa domanda potrebbe interpretarsi in due modi: 1. quanto è democratica la democrazia indiana? Oppure 2. quanto è indiana la democrazia indiana? Cercherò – nella prima parte di questo scritto – di rispondere alla prima domanda introducendo brevemente la storia e l’attualità politica dell’India. Nella parte successiva argomenterò il secondo interrogativo, volendo dimostrare che esso è mal posto e suggerendo un diverso approccio per comprendere le creazioni transculturali di concetti e sistemi.