Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

Scienze e Tecnologie Biologiche Chimiche e Farmaceutiche

11 Maggio 2020: Comunicazione del Direttore per la possibile riattivazione di Laboratori di ricerca ove sussistano le condizioni di sicurezza

3-mag-2020

Per la riattivazione occorre che il responsabile del laboratorio di ricerca faccia richiesta di riattivazione al Direttore che le trasmetterà al Servizio Protezione di Ateneo. Inoltre occorre indicare  nella richiesta la precisa denominazione del laboratorio  e l’ubicazione esatta (numero assegnato, piano, indirizzo, sezione), oltre alla superficie in metri quadri (questa informazione è in possesso del responsabile della sicurezza del dipartimento Maurizio Noto).

Questa informazione è importante perché le linee guida prevedono un massimo di operatori  nella misura di uno ogni 7 mq e quindi è necessario indicare nella richiesta il numero massimo di operatori che possono frequentare il laboratorio (eventualmente è possibile organizzare turni di  mattina e pomeriggio)

Per operatori si intendono: professori, ricercatori, assegnisti, borsisti, dottorandi e tesisti sperimentali (si precisa che i laboratori di ricerca, il cui accesso è ordinariamente inibito agli studenti, potranno essere accessibili a far data dal 18 maggio esclusivamente agli studenti che si accingono alla redazione di tesi sperimentale, ove tale attività in presenza sia assolutamente indifferibile, e comunque previa autorizzazione rettorale, da inviare separatamente a firma congiunta del Responsabile del laboratorio e del Relatore al Direttore che la trasmetterà al Rettore). Non è possibile ai volontari alla ricerca frequentare il laboratori.

La vostra richiesta sarà autorizzata dal servizio protezione di Ateneo ma prima vagliata dai competenti organi dipartimentali.

Una richiesta per laboratorio

Per i laboratori comuni, la richiesta sarà fatta dal Responsabile di sezione seguendo le regole succitate.

Le distanze di sicurezza devono sempre essere rispettate, non solo per la postazione di lavoro ma anche nell’utilizzo di attrezzature comuni.

La strumentazione comune deve essere disinfettata dopo l’utilizzo prima di essere usata nuovamente da un altro operatore.

I richiedenti  la riattivazione dei laboratori di ricerca saranno i responsabili, a tutti gli effetti, dell’attuazione delle norme indicate nelle note in allegato.

In funzione delle richieste di riattivazione, sarà necessario il richiamo in servizio dei tecnici delle varie sezioni anche, ove possibile, con turnazioni.

Gli operatori i laboratori di ricerca ed i tecnici saranno forniti di mascherine e guanti monouso.

E’ possibile sterilizzare le mascherine utilizzando raggi ultravioletti con apparecchiature disponibili presso l’edificio 17 ed in via Archirafi 30-32 (ulteriori istruzioni in seguito).

Per i laboratori didattici è stato stabilito, su mia richiesta, di non renderli operativi per questo semestre.

Sarà cura dei coordinatori e dei docenti interessati trovare metodi alternativi ai laboratori di presenza.

La didattica continuerà in modalità telematica fino alla fine del semestre. Per il prossimo anna si valuterà in seguito

Per nuovi ingressi in tesi sperimentale occorre attendere la fine dell’emergenza sanitaria  (31 agosto 2020) e verificarne la possibilità

Esami scritti

Concessi in via eccezionale per quegli insegnamenti che non possono farne a meno su precisa richiesta ed autorizzazione.

Le eventuali prove scritte possono effettuarsi solamente in aule grandi, superiori a 100 posti a sedere secondo quanto previsto dalla nota.

Le aule possibili per il nostro dipartimento sono

Aula A via Archirafi 30

Aula Maggio via Archirafi 26

Aula Mutolo ed 16

Aula Giudice ed 16

Aula Randazzo ed 16

Aula Ruccia ed 17

Sarà compito del nostro servizio interno di sicurezza e del servizio protezione di Ateneo  stabilire per ogni aula il numero massimo di studenti ospitabili seguendo le indicazioni fornite.

Non penso sarà possibile organizzare turni di esami in sequenza perché le norme prevedono la pulizia tra un turno e l’altro.

Biblioteche aperte solo per il prestito libri.

Non possono essere usate come sala studio non potendo garantire agli studenti gli standard di sicurezza necessari.

Le stanze sociali (cucine, stanze caffè  ed assimilabili) non saranno riaperte su consiglio del servizio protezione di Ateneo.

                                     Il Direttore
                                  Silvestre Buscemi