Salta al contenuto principale
Passa alla visualizzazione normale.

2015 - COOPERAZIONE E SVILUPPO

Presentazione della Laurea magistrale internazionale in Cooperazione e Sviluppo (COSVI LM 81)

1-ago-2017

La magistrale in Cooperazione e Sviluppo è un corso di laurea internazionale (ai sensi del DM 635/2016) ed è l’unico corso di laurea del settore LM 81 su scala macro regionale. Forma figure di esperti specializzati per i quali, a livello locale, nazionale e internazionale, c’è una forte possibilità d’inserimento nel mondo del lavoro, in ambiti che soffrono di una scarsa presenza di professionalità adeguate.

Le figure professionali formate sono:

  • Responsabili di organizzazioni internazionali;
  • Dirigenti nel settore pubblico e privato per le politiche sociali e di sviluppo locale e per la cooperazione decentrata e internazionale;
  • Dirigenti nelle carriere diplomatiche e nelle relazioni internazionali;
  • Esperti e consulenti per imprese e mercati globali;
  • Esperti per analisi di contesto, progettazione e coordinamento di programmi di sviluppo e intervento umanitario, sviluppo sociale, riduzione della povertà e della marginalità;

La laurea dà accesso ai Master di Secondo Livello, alle Scuole di Specializzazione e ai Dottorati di ricerca;

Gli obiettivi formativi
Il diritto di avere diritti
La laurea magistrale in Cooperazione e Sviluppo è stata creata con l’obiettivo di dare agli studenti e alle studentesse le conoscenze e le competenze necessarie per comprendere i problemi dello sviluppo e per trovare soluzioni eque e sostenibili in ogni area del Pianeta. Un’idea questa basata su un concetto di sviluppo umano che mette al centro il miglioramento delle condizioni di vita delle persone, partendo dal presupposto che la crescita economica non sia di per sé un fattore che produce benessere per tutti, e che è necessario rimuovere i motivi di diseguaglianza, discriminazione, violenza e povertà, per garantire alle persone una vita degna di essere vissuta.
Scuola, salute, lavoro, accesso alle risorse, libertà e partecipazione politica, diritti umani sono i cardini sui quali il Corso di laurea insegna a costruire ogni intervento di sviluppo.

La didattica
In aula e non solo
Da un punto di vista didattico il Corso di Laurea è improntato a una forte multidisciplinarietà basata su un insieme di saperi necessari alla comprensione delle realtà del cosiddetto global south, e dei problemi legati alla povertà, alla crescita economica e allo sviluppo sostenibile nel mondo globalizzato.

I saperi:

  • le economie: l’economia internazionale e applicata, l’economia dello sviluppo e del no-profit;
  • le statistiche ai tempi del global south: gli indicatori dello sviluppo e le misure di povertà;
  • provincializziamo l’Europa: l’antropologia dello sviluppo, la world e global history, i post-colonial studies;
  • i diritti e non solo: le tradizioni giuridiche del mondo, il diritto internazionale e umanitario, le teorie e le pratiche per i diritti umani;
  • la politica nell’era globale: la geopolitica e la global politics, le relazioni internazionali, gli studi sulle migrazioni, le politiche pubbliche e sociali, le questioni ambientali, gli studi di genere e sul femminismo, l’informazione, il giornalismo e la comunicazione, ecc. ecc.

Per la peculiarità delle figure professionali formate, nell’impostazione metodologica forte è il legame didattico tra sapere, saper fare e lavorare, concepite non come fasi diverse ma attraverso un’interazione continua, e forti e diversificate sono le relazioni stabilite con il mondo del lavoro in Italia e all’estero per stage, tirocini e formazione su attività pratiche utili all’inserimento nel mondo del lavoro (progettazione, analisi di contesto, seminari e focus su temi e argomenti specifici affidati ad operatori ed esperti del settore).

Altrettanto importante è la capacità del Corso di attrarre docenti e studenti stranieri i quali, grazie ai programmi di internazionalizzazione, costituiscono una presenza costante non indifferente nella vita del Corso, sia come iscritti, sia come docenti.

Per favorire i programmi e gli scambi internazionali di studenti e docenti, incoming e outgoing, più della metà degli insegnamenti sono tenuti in lingua inglese.

La didattica in aula è basata sulla partecipazione attiva degli studenti e buona parte delle ore sono dedicate alla formazione pratica: corsi di progettazione e di altre branche di expertise del settore, tirocini, stage, studio delle lingue e altre attività all’estero, soprattutto in area extra-europea e sul campo.

I programmi internazionali
      Il programma Doppio Titolo di Laurea con l’Università di Tunisi El Manar, Laurea in Relazioni Internazionali:

  • scambio di mobilità tra studenti italiani e tunisini di 6 mesi per seguire corsi, stage e tirocini, corsi di lingua (inglese, italiano, arabo, francese), e fare ricerca per la tesi di laurea presso l’università partner;
  • le borse di studio sono finanziate grazie al programma Erasmus+ KA 107 che garantisce un contributo di 4.000 euro a studente più la copertura dei costi di viaggio, assicurazione, visti, corsi di lingua.
  • alla fine del programma gli studenti italiani e tunisini acquisiscono la laurea in entrambi gli Atenei: quella in Cooperazione e Sviluppo a Palermo e quella in Relazioni internazionali a Tunisi.

      Il programma Doppio Titolo di Laurea con Universidad Tecnológica de Bolivar, Cartagena de Indias (Colombia):

  • mobilità di studenti italiani e colombiani di 6 mesi per seguire corsi, stage e tirocini, corsi di lingua (italiano e spagnolo), ricerca per la tesi di laurea presso l’università partner;
  • le borse di studio sono finanziate con fondi ministeriali tramite l’Università di Palermo, che garantisce contributi di 3.000 euro a studente.
  • alla fine del programma gli studenti italiani e colombiani acquisiscono la laurea in entrambi gli Atenei: quella in Cooperazione e Sviluppo a Palermo e quella in Desarollo Y Cultura in Colombia.

I programmi integrati di studio

  • mobilità studenti di 3 mesi presso università europee ed extra europee, per tirocini, stage di progettazione e altre aree di expertise del settore, studio delle lingue, ricerca per la tesi di laurea;
  • borse finanziate dall’Università di Palermo, Erasmus+, enti e associazioni in convenzione o in collaborazione con il corso di laurea

      per ulteriori informazioni sui programmi all’estero consulta
      http://www.unipa.it/dipartimenti/beniculturalistudiculturali/cds/cooperazioneesviluppo2015/borse/borsespecifiche.html

L’inserimento nel mondo del lavoro
La Laurea magistrale in Cooperazione e Sviluppo ha all’attivo una serie di Convenzioni con organizzazioni internazionali che operano nel settore e collaborano attivamente all’attività didattica e formativa del Corso, garantendo numerose attività per i seminari di progettazione, le visite didattiche sul campo e per i tirocini durante gli studi e dopo la laurea, ideati proprio come un ponte verso il mondo del lavoro.

Dal 2016 è attivo un Programma pilota di mobilità studenti per traineeship in paesi extra-europei, per tirocini post-lauream di 3 mesi per lavoro sul campo in programmi di cooperazione allo sviluppo nei paesi extra-europei, con borse di studio diversificate in base alle diverse aree geografiche a copertura parziale o totale delle spese.

La ricerca e la terza missione
Il legame tra attività didattica e di ricerca dei docenti è da sempre particolarmente significativo vista la natura degli insegnamenti, i quali, stando agli obiettivi formativi del Corso di Laurea, devono preparare gli studenti attraverso l’acquisizione di conoscenze e competenze strettamente legate al mondo del lavoro.

Negli ultimi anni il Corso ha strutturato a livello istituzionale le relazioni tra didattica e ricerca attivando una serie di Convenzioni e collaborazioni scientifiche e didattiche con alcune ONG e Associazioni del settore, per attività di co-progettazione degli interventi, studi di caso e analisi di contesto e collaborazioni per le attività didattiche e formative degli studenti in Italia e all’estero.

Guarda il Piano di studi per l’a.a. 2017-2018 <qui>